1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Gentili amici del forum sono arrivata al capolinea!In questi ultimi mesi in più occasioni vi ho raccontato attraverso il forum quanto sono in difficoltà per farmi sanare dalla Ditta che due anni fa ha costruito l'appartamento in cui abito, i danni che rendono da un anno e mezzo la mia casa poco decorosa. Da pochi giorni ci si è messa anche la muffa sulle pareti delle camere da letto che sono esposte all'esterno dell'abitazione e che risultano sotto una terrazza.
    Venti giorni fa ci siamo accorti di un' infiltrazione.Abbiamo chiamato con urgenza il capo cantiere che ha effettuato un sopralluogo. Dopo quattro giorni sono intervenuti sulla terrazza sigillando,a detta loro, con della resina quella che secondo loro era la spaccatura!:shock:Dopo dieci giorni una nuova infiltrazione.La risposta da parte loro è stata che bisognava aspettare perchè poteva esserci acqua residua.L' acqua non è più entrata, ma oggi la muffa si sta espandendo a macchia d'olio sulla parete e sul soffitto della camera e ha intaccato negli stessi punti anche la parete del soggiorno che non ha sofferto delle infiltrazioni.Chiamo il capo cantiere per segnalare la muffa e mi risponde che loro possono ridipingere le pareti con un prodotto antimuffa ma non subito perchè le pareti devono asciugarsi!:shock::shock:Secondo loro io dovrei respirare la muffa sino alla primavera ! Ho interrotto i contatti con loro. Questa mattina sono andata alla Asl e ho richiesto un ispezione per capire la salubrità dell'appartamento. Chiederò di rilasciarmi una relazione.Ho già preso contatti con un Legale a cui porterò tutta la Documentazione.Secondo voi sono sulla strada giusta? Giudicate il mio stress dalle foto che vi allego .... :rabbia: Foto0139.jpg Foto0142.jpg Foto0141.jpg
     
  2. phoenix77

    phoenix77 Membro Attivo

    Mediatore Creditizio
    la muffa è una brutta bestia!!! Per fare un buon lavoro non basta una "mano di pittura" ma bisogna rifare l'intonaco per evitare che ritorni, altrimenti dopo qualche mese sei puntoaccapo. ciao
     
  3. geofin.service

    geofin.service Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se è una questione di ponte termico, allora pure che rifai l'intonaco ritorna
     
  4. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi puoi spiegare in parole più o meno comprensibili da chi ignora l'argomento,che cosa è un ponte termico?La muffa può essere nel mio caso riconducibile all'infiltrazione subita?
    .Dunque dovrei chiedere all'impresa di rifarmi l'intonaco?:domanda:
     
  5. phoenix77

    phoenix77 Membro Attivo

    Mediatore Creditizio
    secondo me da come hai esposto il problema, la muffa è prodotta dall'infiltrazione per cui se vuoi un lavoro a regola d'arte chiedi alla ditta la demolizione e il rifacimento dell'intonaco...dovresti essere così a posto...quantomeno fino alla prossima infiltrazione :D. ciao
     
    A asile e valentina geometra piace questo messaggio.
  6. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    :p speriamo proprio che dopo aver speso :soldi:con un legale non veda più neanche una goccia di tinta! ;)
    le infiltrazioni lasciamole ai medici!
     
  7. cannamei

    cannamei Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    beh potresti chiedere al costruttore un indagine con termocamera........poi acquistare un deumidificatore (con 200 €) e farti rimborsare dalla ditta lasciarlo acceso durante il girono oppure tieni finestra aperta quando c'è vento solo dopo puoi far levare l'intonaco etc..farlo col muro bagnato è inutile
    comprati anche due igrometri da pochi euro uno lo metti vicino al muro con muffa e l'altro vicino alla porta
    se i valori si avvicinano vuo, dire che la situazione si stà risolvendo altrimenti .......consideraaccettabile una differenza max di 10 punti in %---la legge dice 65% durante i periodi di riscaldamento:disappunto:
     
    A asile piace questo elemento.
  8. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie cannamei, benvenuto nel forum.;)
     
  9. cannamei

    cannamei Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    fammi sapere.....non è detto che ...specialmente in case nuove ......la muffa venga da in filtrazioni anzi tutt'altro...........se la casa è fatta in pilastri di cacelstruzzo e poi chiusa con mattoni....e sè ci sono terrazze etc...allora te la porterai dietro per tanto tanto tempo:disappunto:
     
    A asile piace questo elemento.
  10. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    farò sapere a tutti. Grazie;)
     
  11. sereno67

    sereno67 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Buon Giorno

    Volevo rispondere al suo problema citando alcuni decreti legge che i costruttori e progettisti sono tenuti a rispettare. In merito alla formazione di condense interstiziali. Il DPR 59 del 2009, prevede al punto 8 allegato I che si debbano eseguire verifiche a livello progettuale dell'assenza di condensazioni superficiali e che le condensazioni interstiuziali delle pareti opache devono essere limitate alla quantità rievaporabile conformemente alla normativa tecnica Vigente. Nel caso che l'alloggio sia sprovvisto di ventilazione e quindi sprovvisto di controllo dell'umidità, detta verifica si deve sempre eseguire a 20°C e a 65% UR.

    1° Chieda le relazioni di calcolo in merito. NB: Come in tutto il mondo, anche a casa sua la muffa si forma negli angolo, spigoli e altre posizioni deboli. Dette posizioni sono denomenate PONTI TERMICI. La verifica che lei deve avere a mano e' quindi il calcolo del ponte termico con verifica di condensa secondo norma UNI EN ISO 10211. Questa norma, assume lo status di norma nazionale dal 1995. Indi per cui non deve essere sconosciuta dai vari tecnici o pseudo termotecnici.

    2° interpelli subito un avvocato e si prenda un consulente tecnico bravo che conosca la norma e sia in grado di eseguire le verifiche. (di solito giovane, gli esperti confermati ne hanno solo sentito parlare del calcolo FEM).

    3° si faccia dare il progetto completo, il quale deve essere completo di particolari costruttivi atti ad identificare il sistemae i materiali utilizzati

    4° Verifichi con il suo tecnico la congruenza tra reale costruito e progetto.

    5° Se tutto questo risulterà corretto e rispettato, all'ora la causa dei problemi e' solo sua, mentre, se questo non e' stato rispettato, sara' il costruttore, il direttore dei lavori e i vari tecnici, a seconda della loro investitura a pagare per la sistemazione.

    6° se il problema e' grave, come mi sembra, la sua casa comunque non dovrebbe essere agibile, in quanto non rispetta la prerogativa della formazione di condense e muffe varie.

    7° in merito ai dolori e al malessere, non sara' facilmente dimostrabile, anche se negli ultimi anni, io non sono aggiornato in merito, stanno sviluppando numerosi studi in merito. Li si deve rivolgere a qualche esperto in materia.

    Distinti saluti
     
    A asile piace questo elemento.
  12. asile

    asile Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie sereno 67 ;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina