1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. BillEvans

    BillEvans Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    oltre a farvi i complimenti per il sito/forum, vi propongo una questione "spinosa" per un confronto aperto, questione a cui non tutti mi hanno saputo dare una risposta pronta ed univoca:

    può un amministratore condominiale corrotto e criminale, con la connivenza del suo legale, emettere un decreto ingiuntivo di ingenti spese fittizie, semmai con ripartizione errata e fraudolenta che colpisca soltanto un condomino (io ad es.) ad esclusivo vantaggio degli altri, ed evitare poi che il suddetto decreto venga notificato alla povera vittima, così che io non possa mai oppormi tempestivamente allo stesso, e facendo in tal modo che il procedimento si svolga quindi in mia totale assenza e nella più completa ignoranza, sino alla fase esecutiva, con conseguente pignoramento immobiliare, tutto ciò semmai con l' "assistenza" del portiere dello stabile da lui retribuito (es. rimozione di eventuali avvisi di giacenza e quant'altro)?

    So che la questione può apparire "assurda", e probabilmente lo è, ma gradirei avere una risposta altamente tecnica - se c'è- che possa definire il discorso in un senso o nell'altro, sul presupposto che le vie della corruzione e della truffa si moltiplicano spesso.

    L'accento che io pongo, in ogni caso e per sintetizzare, è soprattutto sulla fase della notifica dell'eventuale ingiunzione di pagamento fraudolenta.

    Ditemi voi e grazie per l'attenzione.
     
  2. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    mmmh situazione kafkiana..............quasi incredibile.........

    Smoker

    PS spero che tu abbia già incaricato legale di fiducia per le indagini del caso............
     
  3. BillEvans

    BillEvans Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Perché kafkiana? A me sembra (sicuramente rara) ma piuttosto concreta.

    Mi spiego meglio: più leggo in giro, più mi par di capire che in Italia tutto è... nelle attente mani del portiere! Ovvero: anche per atti così importanti (vitali direi) quali... non solo multe... ma decreti ingiuntivi, precetti, pignoramenti ecc. l'ufficiale giudiziario, effettuato l'accesso, può rimettere tutto al portiere.

    Se il portiere, per motivi che non stiamo qui ad approfondire (d'accordo con l'amministratore, inimicizia personale, distrazione ecc.), non consegna l'atto notificato al proprietario (ma vedasi anche casi di apertura abusiva della cassetta postale, rimozione di eventuali avvisi ecc.) e metti poi che tutto ciò ben si incastri col fatto che il proprietario non viva nell'appartamento, oppure stia fuori per tutta la giornata ecc.

    Al di là del fatto di poter sempre eventualmente incastrare il portiere, incolpandolo dei comportamenti lesivi ed imputandolo di eventuali reati... ove la prova della sua colpevolezza sia facilmente dimostrabile (e nn vi siano firme false o altro...), cosa accade intanto al procedimento esecutivo?

    Grazie per le eventuali risposte tecniche, lungi da me cmq gettare discredito sulla categoria dei custodi ecc. anzi...!
     
  4. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Controlla le relate di notifica............ qualora il portiere dovesse avere commesso degli errori chiedi i danni a lui personalmente ed anche al suo datore di lavoro: il condominio.......hi hi hi il cane che si morde la coda.......

    Smoker

    Il processo esecutivo va avanti, paghi oppure ti opponi..........
     
    A studiopci piace questo elemento.
  5. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Beh, certo in Italia tutto può succedere... lo viviamo tutti i giorni però c'è da dire che prima di arrivare al pignoramento c'è una serie di passi da seguire:
    1- l'amministratore deve riportare in bilancio le quote non pagate
    2-deve mandarti almeno un avviso di richiesta pagamento quote
    3 - se nulla succede deve incaricare un professionista per iniziare la pratica di recupero
    4- il professionista incaricato deve scriverti una lettera dove ti invita e in mancanza adirà a vie legali.
    5 - se nulla succede ancora ti arriverà il decreto di ingiunzione.
    6 - se ancora non succede niente deve iniziare procedura di pignoramento, di solito non si colpisce la casa ma lo stipendio, in mancanza allora si procede agli immobili.

    Tieni comunque presente che tutte queste comunicazioni sono con raccomandata ed il postino o consegna e fa firmare al portiere o in mancanza lascia l'avviso nella cassetta della posta... non in mano del portiere... quindi tutta la storia mi suona molto strana... più che una storia KafKiana questo è un complotto. Fabrizio
     
    A Tobia e Bagudi piace questo messaggio.
  6. BillEvans

    BillEvans Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao Fabrizio, grazie per la risposta, mi stai aiutando a dipanare la matassa.

    Vorrei un attimo però seguire punto per punto quello che scrivi:

    1) ok...! lo fa e zitto: ti mette in bilancio passività fittizie per spese mai effettuate (semmai il condominio è funestato da bilanci irregolari mai approvati, con centinaia di morosi mai riscossi e l'amministratore viene prorogato tacitamente di anno in anno senza assemblea di condominio perché sono anni che non si convoca)

    2) manda l'avviso ma... non mi arriva (lo intercetta il portiere e lo fa sparire)

    3) & 4) il professionista mi invia una lettera ma... non mi arriva (la intercetta sempre il portiere e la fa sparire)

    5) il decreto di ingiunzione... non mi "arriva" (il portiere lo fa sparire...)

    6) inizia la procedura di pignoramento!

    Esatto. Può essere un complotto, perché no? In condomini particolarmente litigiosi e poco legali... le cassette della posta possono essere forzate, aperte... gli avvisi stracciati... può accadere di tutto... come si fa a dare colpa a qualcuno di preciso nulla sapendo (se non quando è troppo tardi). Intanto negli atti ufficiali risulterebbe che il postino "ha consegnato, messo l'avviso ecc." - formalmente inoppugnabile.
     
  7. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Beh se le cose stanno come pensi l' unica strada è un edposto in procura con tutta la lista di magagnr che riporti
     
  8. Key

    Key Membro Attivo

    Altro Professionista
    Alt!
    Errore di base che tantissimi fanno nei condomini.
    Il portiere NON deve essere autorizzato alla giacenza e consegna della posta!
    Il postino si deve fare il mazzo ed andare ad infilare la posta buca per buca.....
    Stop

    Il tuo legale deve verificare chi ha firmato al postino la ricevuta della raccomandata agli atti e contestarla
    Certo se nel regolamento condominiale e 'stabilito che il compito e'affidato al portiere,beh convoca a testimonianza il portiere.
     
    A dormiente piace questo elemento.
  9. kingofbit

    kingofbit Membro Attivo

    Altro Professionista
    Quello che l'amico qui descrive è di una gravità assurda. Qualora fosse vero e dimostrabile, si sarebbero configurati tutta una serie di REATI che io personalmente non esisterei a segnalare alle forze dell'ordine e/o in Procura.
    Tra gli altri, trattandosi di n. 3 persone (Amministratore, Avvocato, portiere) strettamente coinvolte anche la c. d associazione a delinquere!
     
  10. Key

    Key Membro Attivo

    Altro Professionista
    Comunque la kogica vuole che una raccomandata sia consegnata dal postino SOLO al destinatario o al massimo a un Suo familiare convivente maggiorenne
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    salvo che non si danno deleghe al portinario per il ritiro della corrisondenza, quando fa comodo sta bene quando no, sta non bene
     
  12. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Allora specifichiamo alcune cose fondamentali, altrimenti rischiamo di confondere BilliEvans ( oltretutto ora sono al computer e posso scrivere agevolmente ) .

    La notifica degli atti ( giudiziari o meno ) è regolata dagli artt. 138/139/140 141/e 143 del Codice di Procedura Civile o più brevemente C.p.c., tali articoli regolano e dispongono con precisione tempi e modalità della notifica, un concetto fondamentale è: se non si rispettano queste precise disposizione la notifica è nulla. Risulta oltremodo lungo spiegare tutti l'iter perchè si prevedono casi e tipologie particolari, però e fondamentale chiarire che un concetto, a qualunque notifica non effettuata nelle mani del notificato ma a persone diverse ( sempre che siano maggiori di 14 anni ) , deve seguire un raccomandata semplice oppure A/R ( dipende dai casi ) che deve essere inviata alla persona o affissa alla porta di casa o infilata sotto la porta a pena di nullità della notifica. Questo punto finale è di fondamentale importanza perchè , sulla scorta di questi articoli la notifica laddove non è stata consegnata nelle mani del destinatario diretto, deve sempre essere portata a conoscenza dell'interessato... anche nel caso di affissione all'albo pretorio del Comune così come previsto per alcuni casi.
    Detto questo aldilà di ogni ragionevole dubbio, il consiglio che mi sento di dare è quello di rivolgersi ad un buon avvocato il quale per prima cosa dovrà capire, sulla scorta delle relate notifiche, chi e come ha ricevuto gli atti o comunque dove sono stati consegnati gli avvisi ed a chi, poi venuto a capo della faccenda dovrà entrare nel merito delle richieste e delle anomalie che tu riporti, perchè oltre alla paventata associazione a delinquere ( in verità un pochino esagerata ) credo sia più opportuno parlare di associazione finalizzata alla truffa, ci sono una serie di reati che vanno anche nel penale ( e qui non si scherza ) commessi dall'Amministratore del condominio. Fabrizio
     
    A smoker piace questo elemento.
  13. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    questo imho è il punto di partenza: far controllare le relate di notifica........quindi chiama l' avvocato , lui saprà consigliarti al meglio..........poi facci sapere........

    Smoker
     
  14. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    Gomblottoh!!!
     
  15. BillEvans

    BillEvans Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie a tutti per le risposte, per comodità lascerò il discorso in forma astratta ed ipotetica. Il problema è che quando si vive in condominii molto problematici, di fatto, non esiste alcuna sicurezza. Semmai ci si abitua a non avere bilanci approvati da anni, all'amministratore che non risponde al tel e che non ha un recapito ufficiale (nonostante la riforma). Cacciarlo via è impossibile, non ci sono i numeri e quei pochi che ci provano restano da soli, esposti, alla berlina di una maggioranza che sguazza nelle morosità. In questo clima può accadere di tutto.

    Per rispondere a studiopci la raccomandata che deve seguire può essere anch'essa e più facilmente sviata. L'unica salvezza sarebbe quella di riceverla sotto alla porta.

    Esposto in procura, che può fare da sola la procura? Aprire un fascicolo? Denuncia-querela: senza prove? Ed intanto il procedimento esecutivo?

    Mi confermate quindi che tutto ciò è "astrattamente" possibile? Non ci sono norme o meccanismi che lo impediscono. Basta avere bilanci strani e contraffatti e "convincere" il portiere a "collaborare". Male che vada... vallo a dimostrare... le raccomandate sono state inviate, gli atti notificati, a casa non c'è nessuno tutta la giornata... ed intanto si sono presi l'immobile, qualcuno dormirà per strada domani notte. La crisi aguzza l'ingegno.
     
  16. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Scusa billy credo che tutti ti abbiano indicato la strada da seguire come ti hanno spiegato a chi rivolgerti. .. che tutto quello che riporti sia o meno possibile e come chiedere se esistono gli ufo... senza prove non puoi avere la certezza della cosa. Comincia con il rivolgerti ad un avvocato e vedrai che arriverai a cspo della vicenda.
     
  17. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non era nella domanda, ma riterrei manchi un ulteriore pezzo circa le risposte.

    In mancanza di bilanci approvati, mancata convocazione di assemblea, e redazione di bilancio (fasullo o vero che sia), ciascun condomino può chiedere l'intervento della magistratura e l'esautorazione dell'amministratore: o sbaglio?

    E questo doveva avvenire prima di arrivare al punto descritto.
     
  18. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Se le cose stanno come raccontate un magistrato non saprebbe da dove cominciare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina