• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

alex1000

Membro Attivo
Privato Cittadino
#1
Riporto un mio vecchio problema irrisolto, alla fine se non risolvo entro l'anno dovrò adire per vie legali, passare per fesso proprio non mi va. Abbiamo un pozzo che serve solo i piani terra e un rubinetto nel cortile, usato quasi mai. La mia abitazione come quella di tutti (eccetto piani terra) non viene servita da acqua di pozzo ma da acqua diretta. Quando però arriva la bolletta energetica viene suddivisa secondo tabella scale, quindi io pago il doppio dell'interno 1-2-3 per i loro consumi energetici, poiche l'acqua che viene dal pozzo consuma energia elettrica. Questa cosa non è giusta, l'amministratore fa spallucce perche forse non si vuole inimicare i piani terra , qualcuno dei piani sovrastanti è parente di uno dei piani terra e non gli va contro. Io mi son stufato di esser preso in giro anche fosse un euro voglio giustizia. Ho spiegato per bene la cosa all'amministratore che mi da ragione però mi dice che è l'assemblea che deve decidere un ricalcolo ma sono molto "vigliacchi" in tal senso. Come mi consigliate di agire in tal caso? Vorrei anche evitare di andare per vie legali altrimenti me li faccio tutti nemici e la cosa è antipatica visto che ci vivo Grazie
 

angy2015

Membro Attivo
Professionista
#2
Se il regolamento di condominio prescrive che l'energia consumata per il pozzo venga divisa in base alla tabella luce scale devi chiedere all'assemblea una diversa distribuzione delle quote che mitighi la sperequazione, oppure l'installazione di un contatore separato, và bene anche un contatore posato da voi sulla stessa utenza condominiale già esistente.
Se nel regolamento condominiale non è specificato nulla riguardo a tale ripartizione dovrebbe bastare una raccomandata all'amministratore per chiedere di sistemare la cosa come detto sopra e chiedergli anche il rimborso degli arretrati.
Se non si risolve in questi modi rimane il giudice di pace o un tribunale.
Vedi anche, per le stesse ragioni, come viene regolata la manutenzione della pompa e i suoi accessori.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto