1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. simimm

    simimm Membro Supporter

    Agente Immobiliare
    dopo la successione si è scoperto che il defunto è titolare di una cassetta di sicurezza la cui chiave è stata consegnata agli eredi. Per visionarla, avevo letto in una discussione recente, non necessita della presenza del notaio ma di un funzionario dell'ade, oppure in assenza dopo l'invito a presenziare, l'apertura a scopo visione è possibile alla sola presenza del direttore della banca. Non riesco a rintracciare il post, mi sapreste dire i riferimenti di legge e che procedura seguire, la cassetta è in una banca a Milano e dista dal luogo in cui abitano gli eredi 1200 km. Grazie
     
  2. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    In caso di successione, il notaio, o chi ha fatto la denuncia, consegna agli eredi una copia della denuncia che servirà da documento ufficiale per consentire l'accesso ad un eventuale conto corrente e l'apertura della cassetta di sicurezza.
    Vista la distanza sarebbe opportuno chiedere informazioni esatte alla stessa banca.
     
  3. simimm

    simimm Membro Supporter

    Agente Immobiliare
    grazie, il problema che la successione, testamentaria, è stata già presentata, sono state già fatte delle vendite di immobili da questa provenienti.
    Avevo letto che in casi del genere, la si può aprire a scopo visione, alla presenza di un notaio, eventualmente accompagnato da un perito, oppure da un funzionario dell'ade, o in ultima analisi in presenza del solo direttore di banca. Ripeto per la sola visione. Successivamente alla visione, per eventuali beni rinvenuti si passa alla apertura in presenza del notaio accompagnato dal perito, il quale valuta i beni trovati e gli eredi subito dopo passano a presentare successione integrativa elencando i nuovi cespiti.
     
    A H&F piace questo elemento.
  4. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    E' un problema che va comunue risolto, perchè il canone della cassetta è dovuto dagli eredi. E' un peccato che nessuno avesse la delega dell'intestatario ad aprire la cassetta. I direttori di banca cercano di agevolare le procedure....
    La successione è testamentaria : chi sarebbe l'erede del contenuto della cassetta ?
     
  5. simimm

    simimm Membro Supporter

    Agente Immobiliare
    gli eredi sono una sorella e 5 nipoti, la conoscenza dell'esistenza della cassetta è avvenuta dopo la denuncia di successione. Presentatosi uno degli eredi alla richiesta di visione il direttore ha eccepito la mancanza del notaio, poichè ciò avrebbe un costo che vorrebbero affrontare in presenza di beni di rilievo; l'apertura è possibile effettuarla con il direttore della banca il quale comunica all'ufficio dell'ade di zona il giorno e l'ora dell'apertura? E' obbligatoria la dichiarazione sostitutiva di atto notorio che indichi gli eredi testamentari dell'intestatario, oppure basta un'autocertificazione di uno o di tutti gli eredi?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina