1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. CinziaPaolo

    CinziaPaolo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    il mio condomino ha da poco rifatto l'impermeabilizzazione di uno dei terrazzi del mio appartamento, perchè il vicino del piano di sotto lamentava delle infiltrazioni.
    A lavori ultimati, mi sono però ritrovata la parte di muro 'confinante' con le piastrelle tutta sporca di cemento/calce/colla: ho chiesto spiegazioni a chi ha eseguito il lavoro e mi sono sentita rispondere che da prevenitvo la riverniciatura del muro non era prevista, e che questo genere di attività in genere rientra solo nei casi in cui si rifacciano terrazzi e facciata insieme.
    L'amministratore, chiamato a visionare l'opera, ha sollecitato il muratore affinchè provvedesse alla ritinteggiatura delle parti sporche, ma nessuno è più tornato a casa nostra e il muro, dopo due mesi, è ancora sporco.

    Noi ci siamo rifiutati di pagare l'ultima rata del lavoro finchè il tutto non verrà sistemato.

    Non è obbligatorio ridipingere i muri sporchi anche se il preventivo non indica espressamente questa voce?
    Il costo di questa ritinteggiatura deve essere pagato da noi per 1/3, come avvenuto per il terrazzo?
    Possiamo pretendere che la ritinteggiatura copra anche la facciata su cui il terrazzo si apre, in tutta la sua altezza? Arrivando fino all'altezza del davanzale si vedrebbe la differenza di colore tra la vecchia pittura e la nuova, ma ci rendiamo conto che ridipingendo un'intera facciata poi ci sarebbe proprio uno stacco a livello di palazzo..
    Cosa è previsto in questi casi?

    Grazie mille a tutti quanti risponderanno!
     
  2. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Al tuo posto procederei con il seguente sistema, poi vedi meglio tu
    chiarirei meglio l’esistenza o meno di una zoccolatura cioè una fila di piastrelle corrente lungo il perimetro del terrazzo con due funzioni
    • copertura della striscia di rifacimento intonaco alla base del parapetto effettuata per il risvolto verticale della guaina lungo tutta la linea di congiunzione pavimentazione/parapetto
    • protezione della striscia di intonaco così rifatto dall’azione dell’acqua che scorre sulla pavimentazione.
    Il rifacimento di una impermeabilizzazione/pavimentazione/zoccolatura non comporta necessariamente la nuova tinteggiatura delle pareti. Nel senso che possono essere sufficienti piccoli ripristini puntuali di pittura o rivestimento ove necessario con colori simili all’esistente la cui differenza tra nuovo e vecchio con il tempo si nota sempre di meno

    Le considerazioni fatte fino qui possono valere per una striscia di circa 20 cm corrente dai bordi del pavimento. Se le imbrattature si sviluppano per una estensione superiore potrebbe essere contestata l’Impresa che potrebbe o avvalersi della propria assicurazione per i danni contro terzi oppure (cosa più probabile) rimuovere a propria cura l’inconveniente. Quest’ultima modalità potrebbe essere effettuata o rimuovendo le imbrattature meccanicamente oppure, se non ne risultasse un lavoro accettabile, la ritinteggiatura delle pareti con un giusto prezzo però che tenga conto da una parte del danno arrecato dall’Impresa e dall’altro il fatto che la tinteggiatura è una miglioria non prevista nel contratto per il quale l’Impresa si era impegnata.
    La ripartizione delle spese potrebbe essere quella dello stesso terrazzo. L’estensione della pitturazione potrebbe essere o fino all’altezza del parapetto o delle portefinestre o del piano; sulla differenza nuovo/vecchio punterei su colori simili e sull’effetto tempo

    Immagino che non ci sia un Direttore dei lavori/Accertatore regolare esecuzione quindi è l’Amministratore che deve accettare e liquidare l’opera (art. 1665 c.c.) oppure intimare all’Impresa di riparare l’inconveniente entro un certo tempo in difetto della quale riparazione detrarre dal conto finale spettante a questa Impresa la somma necessaria per fare rimuovere il difetto da un altra Impresa sulla base di un preventivo di questa ultima. Occorre diffidare l'Amministratore ad agire in tal senso, mentre il solo non pagare il proprio contributo può portare dalla parte del torto il condòmino
    Un saluto
     
  3. CinziaPaolo

    CinziaPaolo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie, sei stato chiarissimo.
    La zoccolatura esiste, scusate non l'avevo specificato.
    Le imbrattature si sviluppano al di sopra di essa per un'estensione che ad occhio direi essere superiore ai 20 cm..
    Solleciteremo l'Amministratore affinchè faccia pressioni all'impresa per far rimuovere il difetto.
    Grazie ancora!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina