HamRadio

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve,
gli immobili in determinate zone particolarmente "insalubri", ad esempio quelli a ridosso di certi insediamenti industriali, hanno un valore di mercato molto al di sotto del valore catastale.
Ad esempio, si vendono a 10000€, quando pure si riescono a vendere, ma secondo il catasto varrebbero 60000€ ed oltre.
Senza assolutamente voler evadere il fisco, è possibile pagare le tasse sull'importo reale di vendita?
Grazie anticipatamente a chi vorrà rispondere...
 

Miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Salve,
gli immobili in determinate zone particolarmente "insalubri", ad esempio quelli a ridosso di certi insediamenti industriali, hanno un valore di mercato molto al di sotto del valore catastale.
Ad esempio, si vendono a 10000€, quando pure si riescono a vendere, ma secondo il catasto varrebbero 60000€ ed oltre.
Senza assolutamente voler evadere il fisco, è possibile pagare le tasse sull'importo reale di vendita?
Grazie anticipatamente a chi vorrà rispondere...

Esiste una netta linea di demarcazione del problema tra immobili abitativi e immobili non abitativi.

Per gli immobili abitativi il problema non si pone: è la legge che consente di poter scegliere di pagare sul prezzo-valore. Paghi sul prezzo-valore (cioè quello calcolato con la rendita catastale) anche quando il prezzo della compravendita è inferiore. Nessuna contestazione è possibile poiché non vi alcun danno per l'erario, hai pagato il massimo possibile consentito dalla legge.


Con gli immobili a uso non abitativo purtroppo l'affare si complica e c'è sempre il rischio di contestazioni secondo i segreti valori che l'ade potrebbe attribuire al tuo immobile. In questi casi può aiutare il deposito di una perizia giurata in sede di compravendita.
 

HamRadio

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Parlo di un immobile per uso abitativo, il problema è che so che in tal caso un accertamento dell'Agenzia delle Entrate è quasi certo, con relativa richiesta di pagamento secondo i loro calcoli e sanzioni...
 

MauroScherlin

Membro Attivo
Professionista
Salve,
gli immobili in determinate zone particolarmente "insalubri", ad esempio quelli a ridosso di certi insediamenti industriali, hanno un valore di mercato molto al di sotto del valore catastale.
Ad esempio, si vendono a 10000€, quando pure si riescono a vendere, ma secondo il catasto varrebbero 60000€ ed oltre.
Senza assolutamente voler evadere il fisco, è possibile pagare le tasse sull'importo reale di vendita?
Grazie anticipatamente a chi vorrà rispondere...
La scelta di applicare il prezzo-valore viene effettuata perché nella stragrande maggioranza dei casi inferiore al valore di compravendita e poiché mette al riparo da accertamenti dell'AdE.

Nei casi da te citati, nulla ti vieta di applicare le imposte sul valore reale dell'immobile (sempre che applicando il valore catastale otterresti un'imposta di registro superiore a € 1.000,00, il minimo, altrimenti l'operazione sarebbe inutile e deleteria), con l'accortezza di procurarti una relazione di stima con foto e data certa, magari redatta da un perito iscritto negli elenchi del tribunale di riferimento, e corredata da almeno 3 rogiti di immobili simili e compravenduti in tempi recenti, dai quali si evince che il prezzo di vendita è paragonabile all'immobile che acquisterai.

In caso di contestazioni avrai vita più facile, comunque nella stragrande maggioranza dei casi non ne vale la pena.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Discussioni simili a questa...

Le Ultime Discussioni

Alto