1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. alessandrotrifir

    alessandrotrifir Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Gent.mi Esperti del forum approfitto ancora di voi ma la guerra dei Roses è appena iniziata e credo che avrò purtroppo ancora bisogno di voi. Il mio simpatico vicino ha un tiglio nel suo giardino esclusivo con il tronco a ca 4 m dalla casa ma la chioma oscura completamente la finestra, addirittura sovrastandola, della camera di mia figlia al 1 piano impedendo alla luce di entrare, in compenso entra polline polvere e impedisce completamente la vista, dal momento che abitiamo in campagna vicino al parco di San Rossore potrebbe essere anche piacevole guardare oltre un muro di foglie che toccano muro e finestra, come mi devo comportare? Vi ringrazio del vs aiuto, a presto.
     
  2. enzo6

    enzo6 Ospite

    Iniziare ad essere tollerante e goderti la campagna
     
  3. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    da considerare che gli alberi di alto fusto e diametro non si potrebbero tagliare
     
  4. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se l'albero sta li da piu'di anni 20 nn credo tu possa far niente
     
  5. alessandrotrifir

    alessandrotrifir Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Caro Enzo6 penso che la tua risposta debba essere indirizzata al mio vicino, se leggi l'altra mia richiesta di aiuto capirai che è lui che ha iniziato questa stupida guerra in seguito a una mia manutenzione straordinaria dove ho cercato in tutti i modi di arrecargli il minor disagio possibile e dove lui ha cercato di litigare fin dai primi momenti con pretese pretestuose da chiudermi un diritto di passo a contestarmi i fili dei panni, che stanno lì dal 1981, fino a contestare il quadro elettrico dei muratori (ditta di eccellenza nella prov. di Pisa vedi restauro Teatro Verdi) e chi più ne ha più ne metta. La chioma dell'albero a me da veramente fastidio non è un pretesto.[DOUBLEPOST=1369220014,1369219937][/DOUBLEPOST]Cari Silano e Topcasa, capisco che non possa essere abbattuto ma nemmeno potato in maniera energica?
     
  6. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    questo si può fare tranquillamente, ma il vero problema sta nel diverbio tra di voi.
     
  7. enzo6

    enzo6 Ospite

    Ho risposto alla tua domanda, non mi chiedere di conoscere la storia delle vs.liti tramite altre discussioni che non sono rilevanti.[DOUBLEPOST=1369220402,1369220227][/DOUBLEPOST]L'unica cosa che puoi fare è pretendere una sana potatura se dimostri che le foglie dell'albero intasano i pluviali di casa tua ed impediscono il defluire dell'acqua piovana.
     
    A Silano piace questo elemento.
  8. Silano

    Silano Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Concordo con enzo,
     
    A enzo6 piace questo elemento.
  9. alessandrotrifir

    alessandrotrifir Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Diverbio sfociato nel ricevere una bella lettera a nome di un avvocato nel quale mi contesta un'infinità di cose, non ce ne una vera al 100%, mi contesta tutta una serie di servitù o di modi di fare risalenti e imputabili alla ristrutturazione del caseggiato avvenuta tra il 1980/81 da parte della famiglia del mio vicino e quella del di lui zio, che poi nel 1997 ha venduto a me. Per esempio i fili dei panni sopra al suo giardino o il parcheggiare nell'area comune. Cosa sempre avvenuta, ci sono 3 posti auto gli appartamenti sono 3 quindi uno per uno, ma a lui non va bene perchè uno è mio uno di mia moglie e quindi ne abbiamo 2, della serie mi tolgo un'occhio purchè al mio nemico gliene siano tolti tutti e due, i fili dei panni sono lì sempre da 32 anni. Mi accusa di scaricare un bagno nel "pozzetto delle acque chiare" come lo definisce lui, in realtà vasca Imhof da 15 persone progettata per accogliere anche le acque nere posizionata nel suo giardino esclusivo e per lui penalizzante, ma opera sempre eseguita con lo zio 32anni orsono. E così via pretesti e fantasie e questo devo sopportare, sto solo cercando di difendermi, niente altro.
     
  10. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Tornando all'albero il consiglio di Enzo6 è il più plausibile.
     
    A Silano piace questo elemento.
  11. enzo6

    enzo6 Ospite

    per forza: diritto privato/torrente/scalfi
     
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Fallo potare[DOUBLEPOST=1369223037,1369222806][/DOUBLEPOST]
    Gli alberi sono un bene della collettività, a me ne hanno tolto uno a cui l'ho fatta pagare cara. Se danno fastidio i rami più alti c'è un sistema di potatura efficace che ne regola anche la crescita. Poi dove ci sono altri dissidi, ci si attacca a tutto.
     
  13. zeusobio

    zeusobio Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il codice civile va a normare con rigidità eventuali radici o rami che si protendono sulla proprietà confinante e che possono essere tagliati integralmente nella parte invadente.
    Questo è un aspetto tragico in certe situazioni. Ci riferiamo al caso di alberi molto spiombati come anche al caso di alberi storici non a distanza legale ma che per usocapione ormai hanno acquisito il diritto di posizione.​

    L’art. 896 del codice civile entra nel merito del taglio dei rami e delle radici protese oltre il confine.
    L’articolo espressamente dice che…i rami degli alberi del vicino che si protendono sul fondo confinante possono essere oggetto di taglio obbligatorio in qualunque epoca (costrizione al taglio)…e può egli stesso (il proprietario del fondo gravato dall’invasione dell’albero del vicino) tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo, salvo però in ambedue i casi i regolamenti e gli usi locali.
    Come si nota, anche nel caso di rami e radici protese il codice civile risulta sottomesso ai regolamenti e agli usi locali.
    Mancando le norme locali, i rami, i frutti pendenti e le radici protese nella proprietà oggetto del diritto possono essere eliminati senza colpe per gli eventuali danni arrecati.
    Le radici o i rami che invadono la proprietà oggetto del diritto possono perciò essere tagliati senza autorizzazioni di sorta da richiedere al proprietario dell’albero…ne consegue che se l’eliminazione dei rami e delle radici invadenti la proprietà causa danni non può essere oggetto di dolo o colpe.
    Se il problema legale è facilmente risolvibile così non è per i problemi agronomici e fisiologici conseguenti all’esecuzione degli interventi cesori sulla chioma o sulle radici.
    Gli interventi prescritti possono essere infatti di entità grave sia per la vitalità dell’albero che per la sicurezza della stabilità dell’albero.
    Nel primo caso il rischio è di tipo fitosanitario e può generare anche la morte dell’albero.
    Nel secondo il rischio è ancora più grave in quanto a rischio è la stabilità dell’albero stesso una volta che i tagli sulle radici vadano ad abbassare oltre certi limiti la portanza dell’ancoraggio​
     
    A La Capanna e Silano piace questo messaggio.
  14. alessandrotrifir

    alessandrotrifir Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    È stata eseguita una sana potatura, ma solo perché gli operai che hanno fatto il lavoro si sono resi conto che era la cosa migliore al rientro la moglie del simpaticone è andata su tutte le furie. Ma cmq è andata per un anno almeno l albero è risolto. Ma è già venuto fuori un altro come vi spiegherò nella prox discussione. Grazie a tutti.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  15. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Come indicato in ragione dell'art. 896 cod. civ. il proprietario di un terreno può, in qualunque tempo, costringere il vicino a recidere i rami di un albero (poco importa se a distanza legale o meno) che si protendono sul suo fondo.

    La norma regola il caso più comune in cui per recidere i rami occorre salire sull'albero e quindi entrare sul fondo altrui; ha quindi stabilito che è il proprietario dell'albero a dover provvedere e che avrà la scelta tra tagliare l'intero ramo oppure accorciare il ramo in modo che non oltrepassi il confine.

    Si deve ritenere però che anche il proprietario invaso, se vi riesce, possa tagliare, stando sul proprio terreno, quella parte di ramo che oltrepassa la linea ideale del confine. E infatti per le radici il legislatore stabilisce che sempre possono essere tagliate lungo il confine le radici entrate nel fondo proprio.

    Il diritto di recidere rami o radici di un albero può trovare limitazioni in particolari norme locali che sottopongano a tutela alberi di certe specie o dimensioni, in quanto la recisione comporti un danno per l'albero.

    Per quanto riguarda l'usucapione a escludere qualsiasi dubbio l'art. 896 è chiaro nel dire che i rami possono essere recisi in qualunque tempo e non può essere eccepita usucapione in quanto non è possibile fornire un momento iniziale dal quale considerare l'inizio del periodo perché il ramo cresce continuamente e ogni giorno si concretizza una situazione nuova a cui il proprietario del fondo servente ha diritto di reagire (può tollerare e gradire un metro di ramo e può reagire quando il ramo gli entra in casa! E se così fosse i vent'anni per il diritto di usucapione decorrono dal momento della semina, oppure dal momento in cui il ramo ha superato il confine oppure dal momento in cui ha assunto dimensioni intollerabili?

    Si segnala in tal senso la sentenza n. 4361/2002 con la quale la Cassazione affermò che il diritto di fare protendere i rami degli alberi del proprio fondo in quello confinante non può essere acquistato per usucapione perché l'art. 896 cod. civ. implicitamente lo esclude, riconoscendo espressamente al proprietario del fondo sul quale i rami si protendono il potere di costringere il vicino a tagliarli in qualunque tempo.

    Diverse conclusioni si potrebbero ricavare dalla giurisprudenza se, come indicato da altro membro, si trattasse di un albero d'importanza storica ma per loro valgono interpretazioni che privilegiano altri aspetti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina