• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

maimar2

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno ,

sono in procinto di accordarmi con un costruttore che acquisirebbe la proprietà parziale di un edificio di mia proprietà in cambio della ristrutturazione completa della parte residuale .
Come può essere regolata una compravendita del genere ? Con un contratto preliminare che regola la compravendita futura prevedendo il rogito a completamento lavori ?
Quali sono le implicazioni fiscali di tale compravendita ? Ci sono cautele da formalizzare nel contratto per la tutela di entrambe le parti ?

grazie
 

Avv Luigi Polidoro

Nuovo Iscritto
Membro dello Staff
Professionista
Si tratterebbe di un contratto nel quale la alienazione della proprietà avviene dietro non pagamento di corrispettivo (come nella vendita tipica) bensì con l'assunzione di un impegno che, a tutti gli effetti, integra la stipula di un contratto di appalto.
Sarà naturalmente opportuno regolamentare nei più minuti particolari l'esecuzione delle ristrutturazioni (mediante la stipula di un capitolato lavori) e coordinare l'esecuzione dell'appalto con l'effetto traslativo della proprietà.
Certamente consigliata la supervisioen dell'affare e la redazione dell'accordo da parte di un legale.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
aspetti legali a parte, prevedo grandi mal di pancia.
classico caso in cui il costruttore farà i lavori al massimo del risparmio.
avresti - secondo me - fatto molto meglio a vendergli la parte che gli avresti ceduto.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
In questi casi il rischio può essere l'inadempienza dell'impresa di costruzioni.
Spesso capita che i costruttori si diano un gran daffare per assicurarsi un affare, e poi una volta acquisito lo portino avanti più o meno lentamente, dandogli una priorità bassa rispetto ad altre operazioni che stanno invece per finalizzarsi.

Peggio ancora, il costruttore potrebbe chiudere o fallire.

Quindi stabilire tempi certi, magari comodi per il costruttore ma certi, con delle penali se si sfora oltre un certo limite.
E una fidejussione contro il fallimento o la chiusura dell'impresa.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
supervisione dei lavori da parte di un tecnico esterno imparziale
Ancora meglio, un ente di controllo che, a lavori ultimati, verifichi che tutto sia conforme al capitolato.

So di privati che si sono fatti costruire la barca in Tunisia o in Turchia, per spendere meno rispetto ai cantieri italiani.
Ma hanno preteso due o tre visite del DNV o del Lloyd's Register.
Ovviamente il costo si è ribaltato sul prezzo. Ma la convenienza economica è rimasta, e con la certezza che le saldature non si apriranno in mezzo al mare...
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
immagino ti riferisca alle lettere di credito, si utilizzano regolarmente per il commercio internazionale sono una cosa un pò differente
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
Non sono stato io a combinare affari del genere, comunque visto che si tratta di realizzazioni ad hoc e che il bene viene ritirato dal committente, il pagamento sarà stato per avanzamento lavori e il saldo alla consegna del bene.

Il mio intervento non era inteso a dettagliare il pagamento ma solo all'intervento di un Ente giurato, a garanzia del rispetto del capitolato.
 

maimar2

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie a tutti per le risposte .
Per Eldic : si chiaramente meglio una compravendita standard se possibile , ma l'idea nasce dal fatto che si tratta di un edificio sito in un centro storico, di grande metratura e in pessime condizioni , difficilissimo da monetizzare. In questo modo la ditta non tirerebbe fuori soldi per l'acquisto ed io avrei un appartamento finito.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
Grazie a tutti per le risposte .
Per Eldic : si chiaramente meglio una compravendita standard se possibile , ma l'idea nasce dal fatto che si tratta di un edificio sito in un centro storico, di grande metratura e in pessime condizioni , difficilissimo da monetizzare. In questo modo la ditta non tirerebbe fuori soldi per l'acquisto ed io avrei un appartamento finito.
si, immaginavo una cosa del genere.
il problema è proprio questo
In questo modo la ditta non tirerebbe fuori soldi per l'acquisto
si tratta della classico (da parte dell'impresa) "vorrei ma non posso".
almeno una fidejussione te la rilasciano?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato casa dicembre 1983, rogito dal notaio, ora dicembre 2019, in comune non trovano la concessione edilizia concessa da loro. Che fare per avere tutto in regola? Ho scritto con pec all'ufficio. Tecnico ed attendo risposta e poi......
Ho controllato all'archivio notarile e conservatoria dei registri immobiliari. Dicono che il sono a posto? Avendo il contratto notarile. Allora? Grazie a chi mi indica....
Devono cambiare le leggi vecchie dello stato italiano che incassa e non tutela chi affitta regolare chiedo più flessibilità e meno burocrazia
Alto