• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Ho affittato già in passato il mio appartamento e siccome ero inesperta ho fatto preparare il contratto da un'associazione di proprietari (Uppi).
Ora dovrei affittare nuovamente e vorrei chiedere se posso utilizzare il vecchio modello cambiando solo i dati e eventualmente farlo vidimare da un'associazione(essendo canone concordato).
Secondo voi è fattibile?
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
E' possibile redarre e sottoscrivere un contratto di locazione anche privatamente, compresi i contratti agevolati.
Tuttavia vedi se il format del contratto a tua disposizione è conforme a quello corrrente; puoi scaricare il format aggiornato e corrente navigando su internet (stò parlando del format del contratto approvato dalle associazioni della tua città); poichè molte associazioni lo mettono a disposizione in rete.
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Grazie mille.Ma il contratto deve essere scritto esattamente come il modello proposto dalle categorie?
 

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
Il ricorrente fai da te giuridico anche locatizio è sempre a rischio anche perchè non basta cambiare i nomi, dati immobile e gli importi sui famigerati modelli che girano sul web per essere al sicuro da eventuali contestazioni nel caso in cui si verifichino inadempimenti del conduttore in corso di contratto... ergo investire qualche centinaio di euro all'inizio del rapporto contrattuale per una consulenza giuridica da parte del locatore è la scelta da molti adottata per evitare poi ben altre spese in fase di eventuale contenzioso.
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Più che altro non si capisce in che modo uno dovrebbe compilare il modello per la determinazione del canone concordato.Ho scaricato il modello da compilare dal sito del Comune di Roma e la voce "ammobiliato",per fare un esempio,non riporta la percentuale da utilizzare,alcuni dicono +15%,altri +20%....
E non esiste la voce Aggiornamento Istat
 
Ultima modifica:

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Più che altro non si capisce in che modo uno dovrebbe compilare il modello per la determinazione del canone concordato.Ho scaricato il modello da compilare dal sito del Comune di Roma e la voce "ammobiliato",per fare un esempio,non riporta la percentuale da utilizzare,alcuni dicono +15%,altri +20%....
E non esiste la voce Aggiornamento Istat
Appunto.
Bisogna che lo facciano persone abilitate, anche perchè i Comuni esercitano un controllo sui modelli.
 

Dalila_1

Membro Junior
Privato Cittadino
Io affitto da anni un immobile ricevuto in eredità (però è una locazione libera, non a canone concordato). Acquisto il modulo da Buffetti, lo compilo e lo porto a registrare all'Agenzia delle Entrate. Tutto qui, è semplice.
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Io affitto da anni un immobile ricevuto in eredità (però è una locazione libera, non a canone concordato). Acquisto il modulo da Buffetti, lo compilo e lo porto a registrare all'Agenzia delle Entrate. Tutto qui, è semplice.
si il contratto,io intendevo la scheda per la determinazione del canone concordato
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Puoi farla da te, ma se la sbagli corri il rischio di essere sanzionata.
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Puoi farla da te, ma se la sbagli corri il rischio di essere sanzionata.
Il problema è che la sbagliano pure loro,lo scorso anno l'ho fatta fare a un'associazione perché non lo avevo mai fatto,e mi sono accorta in seguito che c'erano dati errati che non so dove abbiano preso
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Il ricorrente fai da te giuridico anche locatizio è sempre a rischio anche perchè non basta cambiare i nomi, dati immobile e gli importi sui famigerati modelli che girano sul web per essere al sicuro da eventuali contestazioni nel caso in cui si verifichino inadempimenti del conduttore in corso di contratto...
Tanto per cambiare.

Pure per un affittuccio ora bisognera’ prima recarsi dal legale.
Per essere al sicuro in caso di inadempimenti dell’inquilino.

Come se le obbligazioni principali del conduttore possano variare sulla base di chi le scrive o le riproduce.
 

carla vecchi

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Scusate, ma mi viene da sorridere. Non volermene, Gabriellina, ma sei un caso da manuale. Il prototipo del faccio-da-me-ecchecivuole, però, guardacaso, vengo in luoghi come questo per tentare di rubacchiare qualche informazione, perchè evidentemente proprio tutto-da- me non riesco a fare....

Il contratto concordato è uno di quei bizantinismi tipicamente italiani dove, per utilizzarne i vantaggi, devi padroneggiare gli accordi territoriali ed i loro aggiornamenti, per non parlare delle zone grigie lasciate dal legislatore circa il loro rinnovo e che ogni Tribunale interpreta come crede. Ma questo è un altro discorso. Comunque, cerca di non sbagliare tariffe, perchè in primis potresti essere costretta a tornare più volte dalle associazioni vidimanti (cosa che ha un costo) ma soprattutto potresti essere chiamata in causa da inquilini che tiaspettano al varco, per allungare il contratto, farsi rimborsare la differenza con gli interessi, ecc.
E questo ha un costo assai maggiore.... anche dei 100 euri che ti può chiedere un professionista per seguire la pratica, ed assumersene la responsabilità, naturalmente.
Ad majora!
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Il contratto concordato è uno di quei bizantinismi tipicamente italiani dove, per utilizzarne i vantaggi, devi padroneggiare gli accordi territoriali ed i loro aggiornamenti, per non parlare delle zone grigie lasciate da legislatore circa il loro rinnovo e che ogni Tribunale interpreta come crede. Ma questo è un altro discorso. Comunque, cerca di non sbagliare tariffe, perchè in primis potresti essere costretta a tornare più volte dalle associazioni vidimanti (cosa che ha un costo) ma soprattutto potresti essere chiamata in causa da inquilini che tiaspettano al varco, per allungare il contratto, farsi rimborsare la differenza con gli interessi, ecc.
E cosa ci sarebbe di male a usare internet per cercare informazioni?Per te è "rubacchiare" cercare un paio di precisazioni per compilare un modulo?
Tranquillo che i calcoli sono più che precisi e nessuno mi sanziona o mi aspetta al varco perché ho deciso di non pagare l'obolo all'associazione di turno che qualcuno ha deciso di far arricchire alle spalle dei cittadini
 

carla vecchi

Membro Attivo
Agente Immobiliare
certamente. Ma se ne deve assumere la responsabilità.
Poi qui non si parla di ignoranza, ma di tuttologia.
Segui i tutorial per tagliarti i capelli o vai dal parrucchiere?
Tutto qui.

quanto sopra è in risposta a Piersilvio, non a Gabriellina.
Visto a cosa porta la poca padronanza del mezzo?
:))
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve membri.. vorremmo acquistare in asta con mio marito.. ma ci chiediamo cosa vorrebbe dire.. piena proprieta 6/54... qualcuno ha esperienze?
emilianodedominicis ha scritto sul profilo di Manzoni Maurizio.
Buonasera Maurizio,

avrei bisogno di supporto per una richiesta di mutuo su immobile pignorato. Su un thread aperto ho letto una tua risposta, e trovandomi inerme sulle attività da svolgere, mi piacerebbe saperne di più.

Grazie
Alto