1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sono comproprietario, insieme ad un fratello e ad una sorella, di un appartamento ereditato dai miei genitori.
    L'appartamento è abitato da mia sorella, nubile, che ha sempre abitato con i miei genitori e continua ad abitare quella casa anche dopo la loro morte.
    In un testamento di mio padre lei eredita una quota superiore a quella mia e di mio fratello, per l'assistenza resa loro durante la loro vita.
    Io vorrei andare ad abitare lì perché sono separato di fatto, ma non legalmente, da mia moglie.
    Mia non vuole concedermi la residenza, perché ho qualche debito e lei ha paura che rientrando nel suo nucleo familiare di quei debiti debba risponderne lei.
    Che diritti ho su quella casa? Posso vendere la mia quota? E perché lei ha diritto ad abitarla e a me viene respinta la richiesta pur essendo comproprietario? Cosa vuol dire che il "possesso" della casa è suo? Posso almeno chiederle la mia quota d'affitto?. Mio fratello ad oggi non ha mai preteso nulla.
     
  2. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Da quello che dici, tua sorella ha semplicemente ereditato una quota superiore, ma non possiede l'usufrutto.
    In queste condizioni lei non ha diritto più di te a stare in quella casa. Anzi, dal momento che esistono due comproprietari (tu e tuo fratello) dovrebbe quantomeno corrispondervi un canone d'affitto.
     
    A studiopci e Diego Antonello piace questo messaggio.
  3. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    tra l'altro, tua sorella non ha niente da temere a causa dei tuoi debiti, in quanto che tu abbia la residenza nell'immobile oppure no, i tuoi creditori possono comunque aggredire la TUA quota, ma non possono farlo su quella di tua sorella o di tuo fratello, tranne il caso in cui siano anche loro coinvolti nel problema o come debitori anch'essi oppure come garanti..........e questo anche se stai in affitto a bali :sorrisone:
    in caso di esecuzione, i creditori guardano la titolarità di diritti, non la residenza
    prova se no a vedere se lei o vostro fratello possono essere interessati a rilevare la tua quota (ognuno di voi può farsi fare una stima della casa, poi fate la media e calcolate le tre quote di valore)
     
    A ccc1956 e enrikon piace questo messaggio.
  4. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie per le delucidazioni, ma lei teme per un eventuale pignoramento dei mobili, che sono stati lasciati a lei in eredità; oltretutto, essendo fratello e sorella, risiedendo nella stessa abitazione rientreremmo nello steso nucleo familiare, nello stesso stato di famiglia. Lei è disposta a darmi la quota di affitto, ma non sarebbe abbastanza per prendere io una casa in affitto altrove. Vorrei sapere se ho diritto ad insistere di vivere con lei. Io sono disoccupato, ho avuto un fallimento dell'attività commerciale qualche anno fa, bancarotta fraudolenta. Non sono separato legalmente, ma mia moglie mi ha buttato fuori di casa per lo stesso motivo, chi, tra mia moglie e mia sorella, ha il dovere di mantenermi? Ho 43 anni, non lavoro già da qualche anno, sono temporaneamente ospite di mia sorella e mi mantiene temporaneamente lei, ma non vuole acconsentire a lasciarmi fare lì la residenza. Posso pretenderla?
     
  5. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    - per i mobili, c'è una attribuzione successoria, suppongo, da cui appunto risulta il lascito a tua sorella, quindi tu non hai diritti su essi nè i tuoi creditori...
    - essendo ancora coniugato hai diritto a restare nella casa di famiglia, che se è intestata anche a te comunque è aggredibile anche se non ci vivi; in caso di separazione, non cesserebbero i diritti e i doveri tra i coniugi, ma il giudice potrebbe tutelare l'immobile....parla col tuo avvocato e vedi se riuscite a trovare una soluzione....
     
  6. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ma se io chiedo all'ufficio anagrafico del Comune la residenza e dico di essere comproprietario, non hanno il dovere di darmela? Loro dicono di no perché mia sorella è intestataria di scheda e deve dare il consenso.

    Aggiunto dopo 3 minuti...

    la casa di famiglia è di proprietà di mia moglie, avuta in eredità dalla madre. Lei già mi ha escluso dallo stato di famiglia, pur non essendoci una separazione legale. Sono stato, per molti anni, irreperibile per l'anagrafe.
     
  7. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    senza una sentenza di separazione?!? ma tu eri d'accordo? cosa dice il tuo avvocato?
     
  8. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    non ho avvocato. avevo firmato una separazione dei beni preparata da un avvocato di mia moglie.
    Con mia moglie, comunque, non voglio abitare, vado a trovare lei e i miei figli ogni giorno, ma non resto lì a dormire. Sono costretto a dormire a casa di mia sorella e vorrei regolarizzare lì la mia residenza.
    rifaccio la domanda che più mi interessa:se io chiedo all'ufficio anagrafico del Comune la residenza e dico di essere comproprietario, non hanno il dovere di darmela? Loro dicono di no perché mia sorella è intestataria di scheda e deve dare il consenso
     
  9. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    hai titolo in qualità di coproprietario
     
  10. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ho diritto anche ad usare tutto quello che c'è in casa? portare con me i miei figli? usare la cucina e le camere? utilizzare il televisore, la lavabiancheria e gli utensili? perché il problema maggiore è proprio questo, io non ho soldi per contribuire alle spese, mia sorella dice che dovrebbe mantenermi mia moglie, o cercarmi un altro lavoro, ma io non sono abituato a fare il dipendente, ero io un datore di lavoro. provvede a tutto mia sorella, dice di essere stanca, ha paura che facendo lì la residenza, poi non me ne vado più. D'altronde quella era la casa dei miei genitori, insieme a tutto quello che c'è dentro. Io ho avuto in passato la mia parte di eredità, in soldi, e non ho più niente, mi resta solo la quota di questa casa, anche cedendole la mia quota, a lei o a mio fratello, non potrei comprarne un'altra.
     
  11. alberto monaco

    alberto monaco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    posso avere, per favore, una risposta?
     
  12. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    certo...è anche casa tua e non sembra, da quanto hai detto, che ci siano diritti esclusivi dei tuoi coproprietari.....se vogliono escluderti, che ti liquidino la tua quota, vai in affitto e rivolgiti a un avvocato per il tuo matrimonio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina