• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lisah

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Salve, premetto che si tratta di casa singola su 2 piani in mattoni anni 70, con costruito attaccato a muro laterale capannone sempre in mattoni/cemento.
Da circa 2 mesi si sono create nella appartamento al piano terra con muro attaccato al capannone diverse crepe(almeno3) , nella parte alta della parete.
Allo stesso tempo si è creata anche una crepa verticale proprio nel muro in comune tra casa e capannone.
Quindi chiedo a voi le 2 cose sono collegate ? Ha senso sistemare le crepe della appartamento( e con che tecnica) o si rischia che tornino ?il muratore ha proposto di riempire con ferro la crepa tra i 2 edifici
Premetto che l appartamento al piano di sotto non è abitato, ma lo è quello al piano di sopra,ma viene frequentemente arieggiato.
Allego foto
 

Allegati

Gugly

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
La foto n.ro evidenzia distacco tra i fabbricati nel punto di giunzione ma fessurazione pare assestamento del terreno con lacerazione del materiale cementizio. La n.ro 2 non é chiara ma pare formazionecondensa (scambio calore/freddo) con l'esterno : probabile spigolo esposto a nord (sbalzi di calore).La n.ro 3 é fessurazione di intonaco sopra la porta ,estesa alla modanatura in gesso del soffitto : é riscontro che avvalora tesi n.ro 1 : é il classico "baffo" sopra porta tipico da assestamento
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
La cosa più sensata da fare e chiedere un sopralluogo ad un tecnico:
Ing. oppure Arch.
Delle foto in un forum non risolvono la questione non potendo vagliare tutti i contesti

PS > "riempire con ferri" mi sembra solamente ridicolo, tipico di muratore......il muratore non è il soggetto più appropriato da interpellare.
 
Ultima modifica:

Lisah

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Aggiungo foto forse più chiara

Avete ragione chiederò sopralluogo ad un ingegnere. ....
Lo avevo preventivato ma mi piaceva di chiedere altri pareri consapevoli della limitatezza delle foto....

Comunque la casa è in montagna a 700 metri sulla appennino ...costruita nel 1975....
Ma anche se sono di assestamento ...l interno andrà solo rintonacato o secondo voi bisogna agire sulle fondamenta ?

Gli altri lati non hanno crepe
 

Allegati

brina82

Membro Senior
Professionista
La cosa più sensata da fare e chiedere un sopralluogo ad un tecnico:
Ing. oppure Arch.
Delle foto in un forum non risolvono la questione non potendo vagliare tutti i contesti

PS > "riempire con ferri" mi sembra solamente ridicolo, tipico di muratore......il muratore non è il soggetto più appropriato da interpellare.
Confermo, conviene consultare un tecnico strutturista (solitamente Ingegnere).

Per @Gugly: dalle foto non si può dire se trattasi di cedimento fondale; anche per la formazione di condensa ci andrei cauto, senza un sopralluogo.

Per @Lisah: direi che sono 2 fabbricati diversi, "uniti" senza un corretto giunto, quindi è normale che negli anni si apra una fessura verticale proprio in quel punto, non ci si può fare nulla: unica strada è inserire una scossalina metallica che nasconda la crepa. Qualsiasi intervento non potrà eliminare la formazione di nuove fessure.

Per le altre crepe ti posso solo dire che è normale che la crepa "parta" da un punto debole, e che quindi parta da una finestra o una porta e poi si estenda. Il sopralluogo di tecnici competenti ti toglierà ogni dubbio.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Comunque la casa è in montagna a 700 metri sulla appennino ...costruita nel 1975....
..... o secondo voi bisogna agire sulle fondamenta ?
Sapere che e' in montagna e' indispensabile.

bisogna agire sulle fondamenta ?
Questo dipende da se la montagna è a castagne o a noccioli :) :)

......conviene consultare un tecnico strutturista (solitamente Ingegnere).
Ci sono anche tanti architetti che hanno competenza strutturale, a volte anche maggiore di tanti ing.
Lo strutturale non è necessariamente cosa da ing ma calza bene anche agli arch.
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Ci sono anche tanti architetti che hanno competenza strutturale, a volte anche maggiore di tanti ing.
Lo strutturale non è necessariamente cosa da ing ma calza bene anche agli arch.
Ne conosci qualcuno? Scusa ma proprio per cv è praticamente impossibile che un arch. ne sappia più di un ing. strutturista: tralasciando scienza e tecnica delle cost. che è la base per tutti, sicuramente gli architetti non fanno esami di costruzioni in zona sismica, teoria delle strutture, ponti, strutture speciali, scavi e opere di sostegno, gallerie, strutture speciali ecc. Poi se c'è qualche facoltà di architettura che fa studiare anche queste cose (proprio a livello di calcoli), allora ne prendo atto. Specie oggi con tutte le questioni sismiche, gli stati limite e mille altre complicazioni, addirittura molti ing. ci hanno rinunciato.

Quindi se già mancano le basi, ho i miei grossi dubbi.

Se dovessi suggerire uno strutturista, mai suggerirei un architetto, così come se dovessi suggerire una persona per fare un ottimo progetto architettonico, o una pratica urbanistica più complessa di una CILA, mai suggerirei un ingegnere (ma ovviamente un architetto).

Poi c'è sempre l'eccezione che conferma la regola, per carità, se un architetto a 25 anni scopre la sua passione per le strutture e si mette a studiare, ovvio che può diventare più bravo di un ing., ma sarebbe appunto un'eccezione. Io che collaboro (e stimo) con una decina di architetti, solo uno sa smanettare coi programmi di calcolo e fa anche pratiche strutturali, ma onestamente, con tutto il rispetto, non mi farei MAI progettare neppure la cuccia del cane da costui, proprio perchè sa SOLO utilizzare il programma di calcolo (purtroppo oggi saper utilizzare un programma è sinonimo di esser capaci a progettare, così come col Revit in architettura).

Quello che tu affermi non ha tanto senso nella pratica, quanto per la legge: ingegneri e architetti possono timbrare/firmare un progetto strutturale di qualunque complessità.
 

SALVES

Membro Senior
Professionista
Fai collocare dei vetrini o fessurimetri per monitorare le crepe e verificare se il cedimento è ancora in atto.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Ne conosci qualcuno?
Se in precedenza citavo di architetti che fanno anche calcolazioni strutturali è evidente che ne conosco.
Siamo in un ambito delle strutture per civile abitazioni quindi non servono CV per i ponti o altro .......quindi se restiamo in questo ambito ossia di strutture (abitazioni) per civile abitazione un arch. non ha nulla da invidiare ad un ing.

poi lascia che di riveli qualche mia esperienza.
conosco ing che firmano calcoli strutturali senza saper usare neppure un PC, e non ne parliamo poi di saper usare il software di calcolo strutturale.
"fanno calcoli strutturali" all'apparenza ma in realtà gli stessi sono eseguiti da rampanti laureandi che mai sono stati su di un cantiere .......eppure quegli ing passano per degli "strutturasti".

è vero esistono i software di calcolo strutturale, e direi meno male perchè solo con questi ci si può districare con la complessità delle norme odierne.
Non è solo una questione di saper usare solo il software di calcolo strutturale........che comunque non fa nulla da solo, è l'operatore che fa le scelte e che gli conferisce gli input necessari.......
e gli input non gli puoi dare se non conosci a fondo le norme tecniche che competono, nonché avere le giuste competenze necessarie.
 

brina82

Membro Senior
Professionista
è l'operatore che fa le scelte e che gli conferisce gli input necessari.......
e gli input non gli puoi dare se non conosci a fondo le norme tecniche che competono, nonché avere le giuste competenze necessarie.
Quando dicevo che bastava un software, forse non mi ero spiegato bene ma era ovviamente una battuta ;)

Il punto è esattamente quello: parecchi imparano a "smanettare" coi programmi per cui poi ci si improvvisa strutturisti, termotecnici, elettrotecnici ecc...

Sai col 110 quanti nuovi termotecnici avremo???

PS resto comunque della mia idea...
 

Gugly

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
Aggiungo foto forse più chiara

Avete ragione chiederò sopralluogo ad un ingegnere. ....
Lo avevo preventivato ma mi piaceva di chiedere altri pareri consapevoli della limitatezza delle foto....

Comunque la casa è in montagna a 700 metri sulla appennino ...costruita nel 1975....
Ma anche se sono di assestamento ...l interno andrà solo rintonacato o secondo voi bisogna agire sulle fondamenta ?

Gli altri lati non hanno crepe
Questa immagine era già abbastanza chiara : essa raffigura il "baffo" sopra la porta ed é sicuro segnondi assestamento (pur essendosi esteso alla modanatura in gesso a soffitto). Ribadisco la mia opinione : se non vi sono corsi d'acqua sottostanti che possano incidere sulla stabilità del caseggiato ,a mio avviso sono assestamenti
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno , una mia nipote,ha intenzione di acquistare una casa di cui siamo proprietari io (al 12,5%) le mie sorelle ( 2, al 12,5%) e mia madre al 62,5%. Vorrebbe sottoscrivere un compromesso avvalendosi della firma solo di mia madre e di sua madre, per iniziare i lavori di ristrutturazione, avendo la quota maggioritaria favorevole. Puo’ iniziare i lavori ? Grazie
Domanda. Può un condomino comproprietario di un garage, di pochi metri quadrati di propria quota , bloccare tutto il condominio non consentendo di approvare con atto del notaio la ricognizione catastale a tutti gli altri proprietari?
Alto