1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    ho due domande circa il funzionamento delle detrazioni per ristrutturazioni (50%) e risparmio energetico (55%).
    Dunque: ho letto che la detrazione complessiva (fino ad un massimo del 50% di 96.000 euro, quindi 48.000 euro) viene frazionata in dieci anni e che non può produrre credito d’imposta, se ho capito bene. Ossia: se uno ha ristrutturato e ora gode di (poniamo) 4.800 euro di detrazione IRPEF per dieci anni, se in uno dei dieci anni di in cui viene spalmata la detrazione deve versare un IRPEF di, poniamo, 3.800 euro, semplicemente perde per sempre i restanti 1.000. Ho capito bene?

    E nelll’ipotesi di qualcuno che ha 4.800 euro di detrazione per ristrutturazione l’anno, deve pagare un IRPEF di poniamo 3.800 euro e ha già detrazioni (per abitazione principale, lavoro dipendente, figli a carico) di poniamo 1.800 euro, come avviene il calcolo complessivo?

    Ossia si fa:

    ipotesi A:
    3.800 euro IRPEF – 4.800 euro detrazione per ristrutturazione edilizia = 0
    E da qui si tolgono 1.800 euro di detrazioni lavoro dipendente, con risultato: -1.800 euro
    (quindi il contribuente “perde” i 1.000 euro di detrazione di ristrutturazione perché la sua IRPEF è più bassa, ma conserva comunque la possibilità di portare a credito le restanti detrazioni);

    oppure

    Ipotesi B
    3.800 euro Irpref – 1.800 euro detrazioni lavoro dipendente ecc. = 2.000 euro
    E da qui si tolgono i 4.800 euro di detrazioni per ristrutturazione, con risultato: 0 euro
    (quindi il contribuente perde ancora di più di quota di ristrutturazione, non andando a credito nemmeno con le restanti detrazioni).

    Qual è l'ipotesi corretta, A o B?
    Oppure ho frainteso il meccanismo generale (nel qual caso, mi scuso in anticipo per l’ignoranza)?
     
  2. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    A me risulta corretta l'ipotesi B.
    Ne ho parlato in un'altra discussione simile.
    Sarebbe un caso (frequente fra i comuni mortali) di "incapienza". Quella del 55%, a me sembra, sia pura propaganda governativa o per redditi medio-alti (con IRPEF da 7000 in su).
     
    A svankmajer piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina