• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Graf

Nominato ad Honorem
Membro dello Staff
Privato Cittadino
E’ morto Sergio Marchionne, il grande manager abruzzese (quasi mio compaesano) che ha dovuto profondamente cambiare le relazioni industriali in Italia per adattarle ai mutati presupposti economici internazionali imposti dalla globalizzazione. Non ha salvato l’auto italiana - dopo la grave crisi del 2008, l’ Italia è l’unico paese del G7 a perdere l’industria dell’auto – ma ha salvato migliaia di posti di lavoro italiani (oltre che quelli statunitensi della Chrysler). Ha saputo pensare in modo differente e a guardare oltre la punta del suo naso. Credo che la formazione culturale filosofica l’abbia aiutato in questo senso. Non chiare, fino adesso, la tragica dinamica delle cause che hanno portato l’amministratore delegato di FCA alla morte; ma una domanda mi sorge spontanea: ma la malasanità esiste anche in Svizzera? Ora, con il top manager FCA quasi tutto in mano straniera, se fossi un dipendente italiano FCA comincerei a preoccupare….
Sergio, riposa in pace. Una prece.
 

marchesini

Membro Assiduo
Privato Cittadino
@Graf
Nel suo caso non credo a malasanità, in quanto lui a differenza di tanti poveracci, aveva la possibilità di accedere alle cure migliori del mondo.
Ma invece che la malattia (tumore al polmone?) non abbia ancora terapie efficaci che la tengano sotto controllo.
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Che dire, un manager straordinario che ha fatto un lavoro incredibile. Ha preso un'azienda in fallimento e l'ha portata ad essere uno dei più importanti gruppi di costruttori. Piccola nota personale, da appassionato di Alfa Romeo, ci ha restituito l'Alfa Romeo, quella vera, e per questo lo ringrazierò per sempre
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
No, quello è ciò che sostengono gli "alfisti" talebani :risata:
Poi certamente prima Giulia e Stelvio, la 75 è stata l'ultima Alfa pura al 100%. Ma adesso finalmente si può pensare al presente e ai futuri modelli che arriveranno e che utilizzeranno l'architettura di Giulia/Stelvio
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
non direi proprio, Giulia e Stelvio niente hanno a che fare con le tedesche, per fortuna. A livello meccanico siamo su un altro pianeta(trazione posteriore, albero di trasmissione in fibra di carbonio, sospensioni anteriori a quadrilatero, versione Quadrifoglio con 510cv che ha infranto ogni record ecc..). A livello di guida c'è la stessa differenza che esiste tra il giorno e la notte. E per fortuna le vendite danno ragione, lo Stelvio vende a livelli impressionanti, in alcuni mercati viaggia addirittura al doppio rispetto alle concorrenti. Le nuove Alfa sono un concentrato di tutto il meglio della tecnologia italiana, prodotte in Italia, con motori tutti in alluminio e interamente Italiani.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
La tecnologia ce l'hanno anche le auto tedesche e consolidata da molto più tempo. Le italiane che hai nominato tu paradossalmente costano più delle tedesche e infatti non è che se ne vedano tante in giro. Allora se proprio fossi costretto "pistola alla tempia" a comprarmi una berlina o un suv da ultrasessantenne, piuttosto prenderei un BMW serie 3/5, un'Audi A4/A6 o un suv X3 o Q5.
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
In realtà costano quanto o meno Delle rivali tedesche. Nessuna concorrente tedesca vanta la meccanica della Giulia/Stelvio, nessuna ha albero di trasmissione in fibra di carbonio, motore interamente in alluminio, sospensioni a quadrilatero, sistema frenante IBS, sterzo diretto sul mercato ecc.. per non parlare del peso contenuto grazie all'utilizzo di alluminio e fibra di carbonio (Stelvio pesa addirittura meno di molte berline), come prestazioni poi non ne parliamo. Stelvio Quadrifoglio ha disintegrato le rivali al nurburgring facendo un tempo clamoroso, Giulia Quadrifoglio non ne parliamo nemmeno. A livello di vendite, piaccia o non piaccia, i numeri parlano chiaro. Stelvio è il suv premium più venduto, addirittura qui da noi vende il doppio delle varie q5 ecc.. Giulia, nonostante è proposta solo in versione berlina, fa ottimi numeri.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Non basta fare i tempi buoni in pista con le versioni di nicchia, ciò che conta è la qualità media. Il trend positivo delle vendite è un fuoco di paglia, tutto da stabilire che regga nel tempo. Poi sono auto in gran parte destinate a flotte aziendali, auto ministeriali o di rappresentanza, polizia/carabinieri o acquistate dalle concessionarie. Inoltre i dati di vendita sono riferiti al mercato italiano, all'estero è tutta un'altra storia e prevalgono nettamente le auto tedesche o giapponesi.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Fuochi di paglia. Faranno la fine della 166, della Lancia K o dell'ultima Lancia Thema. Era meno peggio la 159. Oltretutto la gamma è molto limitata ed è stata ritirata dal commercio la MiTo, l'unica Alfa che almeno per la linea aveva una certa originalità
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Eh, il fatto che le mie non sono idee. Sono dati oggettivi e inconfutabili. Il resto sono chiacchiere.
Poi per il resto ognuno ha le sue idee, ci mancherebbe. L'importante è confrontarci con educazione come abbiamo fatto:)
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Eh, il fatto che le mie non sono idee. Sono dati oggettivi e inconfutabili. Il resto sono chiacchiere.
Non nego certo che abbia letto i dati di vendita. Credo però che né tu né io siamo addetti ai lavori. Spesso per i motivi che sopra ti ho riportato i dati sono fuorvianti e/o riportati "ad hoc" e bisogna essere esperti del settore per interpretarli correttamente e con i dovuti aggiustamenti. E' risaputo inoltre che il ciclo di vita di tutte le auto (colossali flop a parte) presenta un'impennata iniziale per poi subire un più o meno brusco calo delle vendite successivo (di qui il motivo dei vari restyling di metà carriera). Viste le esperienze precedenti per le auto italiane non c'è pertanto nessun motivo per ritenere che la cosa non si ripeta (dati anche i prezzi eccessivi e la concorrenza ben più blasonata) anche in questo caso, sia per quanto riguarda il mercato italiano, sia soprattutto per quello estero.
 

Marco88

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Qui però il discorso è esattamente l'opposto. Ovvero, Giulia e Stelvio sono partite piano. Inizialmente non vendevano quanto si sperava, mentre adesso la vendita me sono esplose e a livello mondiale crescono di mese in mese. Si sapeva che ci sarebbe voluto del tempo, ma alla fine se fai un prodotto di qualità elevatissima come Giulia/Stelvio il mercato ti premia ed è ciò che sta accadendo. Soprattutto la Giulia, è arrivata nel 2015 e nel 2016 non ingranava ancora del tutto. Poi sul finire del 2016 ha cominciato a vendere bene e ora è in continua crescita. Stesso discorso per Stelvio, anche se è più "facile" da vendere visto che il mercato dei SUV e in continua crescita e rispetto alla concorrenza è nettamente superiore. Trovare una dinamica di guida pari a quella di una berlina sportiva, su un SUV, sembrava impossibile. È questo è uno dei fattori principali dello straordinario successo dello Stelvio, d'altronde una meccanica cosi raffinata è tutto ciò che un guidatore che se ne intende sogna. Per quanto riguarda i prezzi, sono esattamente in linea con le concorrenti ma ha parte da un allestimento base ben più ricco. Se pensi che uno Stelvio 280cv costa poco meno di un cassone come il q5(peso di una balena, trazione anteriore, prestazioni scadenti ecc..) ho detto tutto. Ripeto, si puo parlare all'infinito sulle opinioni. La macchina può piacere o meno. Ma i dati oggettivi non si ppsspos discutere. È come se domani mattina mi sveglio e vado in giro a dire che Cristiano Ronaldo in realtà gioca nel Milan e non nella Juve. Ok, posso dirlo, nessuno me lo vieta. Ma non è la realtà. Contestare i dati, soprattutto senza conoscere minimamente il prodotto, significa dire cose lontane dalla realtà. È un tentativo di criticare a caso senza una base logica. Capisco che possa non far piacere, ma c'è poco da fare. Il successo Delle nuove Alfa è sotto gli occhi di tutti. La qualità meccanica incredibile pure(basterebbe guidarla anche solo per 5 minuti per sapere di cosa si sta parlando). Le critiche devono essere costruttive, se non si conosce l'argomento non ci si espone, altrimenti si rischia di fare brutta figura.
In ogni caso, inutile proseguire. Andremmo avanti all'infinito inutilmente
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Allora non ti resta che comprartene una delle due, così aumenterai in modo statisticamente significativo i dati di vendita!:^^:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Se il conduttore dichiara la caldaia a gas a norma nel verbale di consegna dell'appartamento e solo successivamente il locatario verifica che non solo non é a norma ma che già nei precedenti due controlli c'era stata la diffida all'utilizzo della caldaia e pure i fuochi sono non a norma, che azioni si possono intraprendere? Grazie
Buongiorno a tutti, sono appena iscritto, avrei un sacco di domande da fare,(sono neofita del settore) spero di non risultare troppo scocciante!!
Alto