1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Posto un topic di Pelliccioli che mi sembra prenda in esame la realtà...

    Cosa è e come sarà la ripresa?

    L'editoriale di Guglielmo Pelliccioli

    Italia • Piccole sensazioni positive arrivano a rendere meno freddo questo inizio d’anno. Alcuni operatori immobiliari ci hanno confidato che l’anno è partito con un paio di business conclusi e altri sono dietro l’angolo. Non è nulla di trascendentale e neppure così consolidato da poter apparire come un’inversione di tendenza. Diciamo che è come assistere un ammalato a cui la febbre scende da 40 a 39 e mezzo!

    Tutto questo però, oltre che darci un filo leggero leggero di ottimismo, serve anche a scuoterci da quello stato di scoramento e sconforto con cui avevamo chiuso l’anno.

    Certo è troppo presto per dire se questo è l’inizio di un ciclo o, più semplicemente, è il combinato disposto di due casualità in forma di domanda ed offerta che si sono incontrate i primi di gennaio, dopo aver cincischiato magari per tutto l’anno precedente.

    Sia come sia, c’è nelle istituzioni, che l’hanno più volte ribadita, la consapevolezza che l’anno corrente registrerà l’inizio della ripresa. Come e in che misura non si sa: bisognerà aspettare i prossimi mesi e, in particolare, il secondo semestre per capire se sarà vera gloria.

    Intanto vanno messi in conto alcuni passaggi non trascurabili per il sistema immobiliare e per l’economia più in generale.

    Cominciamo dalla politica.
    E’ chiaro che il nuovo esecutivo, qualunque esso sia, dovrà metter mano, come impegno prioritario assoluto, a creare le condizioni per la ripresa: ce lo impone l’Europa e qualcosa il nuovo governo dovrà fare.
    Siccome non ci sono molte alternative le prime condizioni, per riavviare il paese, saranno quelle di dare una maggior spinta ai consumi o con incentivi o con la creazione di nuovi posti di lavoro. Sicuramente più i primi che i secondi.
    Il governo chiederà, anzi imporrà, alle banche di tornare a fare il loro mestiere, cioè prestare denaro anche se con criteri molto selettivi.
    Terzo, i comuni dovranno trovare risorse ‘interne’ per sopravvivere e compiere le opere necessarie: i soldi non potranno derivargli che da una collaborazione con l’industria privata e, nel caso specifico, con progetti misti pubblico- privato.
    E qui entra in gioco l’immobiliare.

    Come si inserirà il real estate in questo nuovo modo di fare mercato? Certo non potrà pensare di continuare a costruire case, quando di case ne esistono già abbastanza.
    Dovrà concentrarsi su altri segmenti o tipologie di infrastrutture: il ripristino delle vecchie caserme, la rimessa in sesto delle aree abbandonate, la fornitura di nuovi servizi ad alto valore aggiunto, la gestione stessa di grandi patrimonio di proprietà pubblica, la costruzione di edifici per la comunità, lo sviluppo di iniziative di edilizia sociale, la riconversione di una parte del mercato invenduto in soluzioni che prevedano l’affitto, la riedificazione su basi completamente diverse del vastissimo patrimonio di edilizia sociale pubblica.

    Ma per fare tutto questo è stato attivato un ragionamento che abbia messo a confronto le diverse anime dell’industria immobiliare?
    I costruttori hanno un’idea, la società di gestione un’altra, le banche un’altra ancora, il governo (che c’era o che ci sarà) ha, infine, una quarta o quinta visione.
    Questo per il patrimonio più vasto.

    Sul territorio locale è ancora peggio. Chi sta dando una mano ai comuni per capire come valorizzare i loro cespiti, con quali strumenti e con quali partner finanziatori?
    Come si intende procedere con il patrimonio vecchio ed obsoleto che deturpa le città e i vari centri locali?
    Possibile che a nessuno venga in mente cosa farne, come agire o, almeno, cosa proporre alle parti proprietarie.

    Pensiamo che la ripresa si giocherà molto su questi aspetti, finora abbastanza dimenticati, e che sarebbe opportuno che i vari attori della filiera immobiliare si incontrino per ragionare su questo futuro.

    Certo non sarà inutile anche affrontare temi più ampi come ad esempio il futuro di molte città da punto di vista immobiliare.
    Ne citiamo una a caso: Bologna. E’ una città in crisi non si vende nulla e si fatica ad affittare uffici di una certa dimensione. Cosa si può fare? Che iniziative andrebbero preso di concerto con il comune e forse la regione?

    Mi pare che la ripresa sia una parola che deve poggiare su una condizione di fattibilità: nel senso che si dovrà lavorare sull’esistente, quindi anche sul problematico e il difficile. Ma se non ci si guarda dentro prima…
     
    A m.barelli piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina