1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. valechi

    valechi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera.Scrivo qui perchè ho grande bisogno di un aiuto a risolvere una questione che,ormai,è diventata quasi un caso giuridico :)
    Brevemente:io e il mio compagno stiamo cercando di aprire un franchising in provincia di Napoli e siamo da 4 mesi alla ricerca di un locale "a norma".
    Ci siamo recati al Comune per avere tutta la documentazione necessaria e con questa ci siamo rivolti a varie agenzie immobiliari.
    Premetto che abbiamo bisogno di un C1 o un A10,invece ci hanno portato a vedere garage,scantinati,tavernette e abitazioni.....anche popolari,e negozi con abusi all'interno mai dichiarati.Quindi potrete comprendere la diffidenza che si prova ORA dinnanzi a un tanto desiderato C1,in pieno centro e che saremmo disposti a prendere subito,ma solo con specifiche garanzie.
    1)QUESTIONE:il locale ha ingresso su strada indipendente.Appena aperta la porta,ci sono subito delle scale (senza nessun piano terra) che portano a un piano rialzato.Alla dx e alla sx delle scale si sviluppano due locali.N.B.l'ingresso dei 2 locali non ha porte robuste (come quelle di una casa o un ufficio),ma 2 porticine vetrate che di solito si usano nell'arredamento di interni.Questo perchè,IN ORIGINE,era un unico ambiente......Nasce come abitazione,convertito in C1 nel 2007 e usato come ufficio.Invece ora il proprietario lo vuole dividere a metà e fittare i locali separatamente.E vi dico di più!E' tt un C1,ma una parte la vuole fittare uso ufficio (quella che interessa a noi),l'altra come abitazione!! :shock: (un C1 può essere fittato per abitarci?!).
    I DOMANDA:può il proprietario dividere a suo gradimento un immobile?Deve rilasciarci qualche certificazione affinchè possiamo stare tranquilli che la nostra parte di locale nessuno ce la tocca?
    Il cambio d'uso,oltre dalla visura catastale attuale,deve essere provato da qualche altra documentazione che dovremmo richiedere?
    2)QUESTIONE:tra le varie voci della documentazione richiesta dal Comune c'è la relazione asseverata che certifichi l'agibilità del locale.
    Da non esperta della materia,ho capito che la relazione asseverata è cosa diversa dal certificato di agibilità:la relazione deve essere fatta da un tecnico di nostra conoscenza,e a nostre spese,la certificazione è invece rilasciata dal Comune quando il proprietario dell'immobile ne abbia fatto richiesta.Il locale che ci interessa ha (a detta dell'agente immobiliare,perchè noi ancora non abbiamo visto nessuna carta che lo attesti) tutte le certificazioni di cui abbiamo bisogno,ma non l'agibilità.N.B.noi abbiamo bisogno della relazione asseverata,ma un conoscente di fiducia mi ha detto che nessun tecnico/geometra/architetto la rilascerebbe se il locale non ha il certificato di agibilità.
    II DOMANDA:cosa si rischia a fittare un locale senza il certificato di agibilità?Con la sola richiesta,si può già iniziare a svolgere l'attività?
    Sono molto avvilita,anche perchè nè l'agente immobiliare,nè il Comune ci danno informazioni utili a riguardo....
     
  2. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Il proprietario può dividere un locale in due unità immobiliari solamente dietro il rilascio di una Concessione Edilizia da parte del Comune, sempre che il Piano Urbanistico Comunale lo consenta. Il proprietario dovrà darvi il locale completo di tutte le autorizzazioni, compresa la variazione catastale e le certificazioni degli impianti.
    Visto che serve una relazione asseverata il tecnico che incaricherete dovrà fare preliminarmente tutte le verifiche sulla regolarità del fabbricato. Un consiglio: affidatevi ad un esperto non ad un tecnico qualsiasi, vi dovrà seguire dall'inizio alla fine dell'iter burocratico sino a quando sarete in condizioni di utilizzare l'immobile.
     
  3. valechi

    valechi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille!
    Sì,infatti,mi sono affidata ad un architetto di fiducia,ma l'ho fatto troppo tardi,perdendo tanto tempo a ricercare tutte le informazioni da sola.
    Un'ultima cosa:quando dicevo di DIVIDERE l'immobile in due unità,non mi riferivo alla costruzione di mura divisorie ma semplicemente alla volontà del proprietario di fittare le due ale dell'immobile ad affittuari diversi.Anche per questo c'è bisogno della concessione edilizia?Sì può fare?
    Grazie
     
  4. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    E con le utenze dei servizi elettrici, acqua e gas come fai ? Le soluzioni ci sono, ma non è detto che siano per te convenienti.
     
  5. valechi

    valechi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Questo non lo so perchè è un dubbio che non mi ero posta.Ma interessava più che altro se giuridicamente fosse possibile una cosa del genere.
    Ho letto che il frazionamento catastale (quindi il fatto che,ad es,in un immobile dove prima abitava una famiglia,ora se ne insediano 2) equivale ad una ristrutturazione che a sua volta necessita della concessione edilizia...
    Spero di aver capito bene,nel caso questa è proprio una truffa!
     
  6. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Dividere è ... dividere.
    Certo che c'è bisogno di una concessione, siamo in italia, c'è bisogno di chiedere un permesso per fare qualsiasi cosa :)
    Trasformare un C1 in A10 o Aqualcosa vuol dire dotare gli ambienti di tutti gli accorgimenti e le dotazioni necessarie perchè sia abitabile: altezze, finestre, bagni ecc ecc
    Non è detto che si possa fare, essendo in zona centrale, sicuramente la cosa non è neanche lontanamente immediata.
     
  7. valechi

    valechi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie!!I vostri consigli sono stati utilissimi e hanno sciolto tutti i dubbi.
    E' vero,siamo in Italia,ma mi dispiace dirlo,io sono a Napoli.........e purtroppo bisogna avere sempre gli occhi aperti!
    Grazie!
     
  8. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Statt'accuorta ! si dice così ?
     
    A valechi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina