• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Przfnc75

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti mi trovo in una situazione spiacevole sto eseguendo lavori di ristrutturaIone di uno studio con regolare CILA il locale a piano terra per regolamento condominiale ci da la proprietà in comune con i negozi dei marciapiedi sia davanti che dietro , marciapiede profondo 1,90 tutto coperto. Nella parte dieteo il locale in questo marciapiede l ingegnere ha progettato un mobile in ferro per alloggiarvi dentro i macchinari necessari alla professione ( studio dentistico ci andrebbero le macchine x gestire le poltrone) , faremo anche l' insonorizzazione a norma che facciamo . L armadio ha queste misure H 160 X L 160X120 PROFONDITÀ. l amministratore contesta non il fatto di mettere qlc nel marciapiede che sarebbe di proprietà ma sostiene che un armadio di queste dimensione superando 1 m cubo è aumento di cubatura e abuso edilizio. Mi aiutate possobile che l ingegnere non lo sapesse? Lui dice che basta che non superi in h 1,90 ! Ora l armadio lo hanno fatto fare dal fabbro. Mi date riferimenti normativi per capire meglio la situazione? Si può sanare o lo devo rifare? Allego la foto in fase di montaggio del mobile
 

Allegati

marcanto

Membro Senior
Professionista
Se vi è un ingegnere, perché segui l'amministratore .....che sia quest'ultimo ad avvalorare le sue ipotesi con norme alla mano.

Al più quel armadio potrebbe essere configurato come "locale" tecnico .....quale effettivamente e'.
 
Ultima modifica:

RhPositivo

Membro Attivo
Professionista
Buongiorno a tutti mi trovo in una situazione spiacevole sto eseguendo lavori di ristrutturaIone di uno studio con regolare CILA il locale a piano terra per regolamento condominiale ci da la proprietà in comune con i negozi dei marciapiedi sia davanti che dietro , marciapiede profondo 1,90 tutto coperto. Nella parte dieteo il locale in questo marciapiede l ingegnere ha progettato un mobile in ferro per alloggiarvi dentro i macchinari necessari alla professione ( studio dentistico ci andrebbero le macchine x gestire le poltrone) , faremo anche l' insonorizzazione a norma che facciamo . L armadio ha queste misure H 160 X L 160X120 PROFONDITÀ. l amministratore contesta non il fatto di mettere qlc nel marciapiede che sarebbe di proprietà ma sostiene che un armadio di queste dimensione superando 1 m cubo è aumento di cubatura e abuso edilizio. Mi aiutate possobile che l ingegnere non lo sapesse? Lui dice che basta che non superi in h 1,90 ! Ora l armadio lo hanno fatto fare dal fabbro. Mi date riferimenti normativi per capire meglio la situazione? Si può sanare o lo devo rifare? Allego la foto in fase di montaggio del mobile
Cosa dice l'ingegnere? È lui l'esperto, per quel che ne sai, l'amministratore come lavoro principale fa il postino
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Se vi è un ingegnere, perché segui l'amministratore
..e perché...?
Se c'è un un'ingegnere non possono arrivare ricorsi di illegittimità...?


l'amministratore come lavoro principale fa il postino
..mica tanto.

Oltre ai ricorsi, può entrare in giuoco il decoro architettonico.

Probabilmente l'amministratore stesso e' mosso dalla compagine condominiale che resta sovrana.
Non intervenire potrebbe costargli la revoca dell'incarico.
 

RhPositivo

Membro Attivo
Professionista
..e perché...?
Se c'è un un'ingegnere non possono arrivare ricorsi di illegittimità...?




..mica tanto.

Oltre ai ricorsi, può entrare in giuoco il decoro architettonico.

Probabilmente l'amministratore stesso e' mosso dalla compagine condominiale che resta sovrana.
Non intervenire potrebbe costargli la revoca dell'incarico.
Veramente ha contestato abuso edilizio e aumento di cubatura, sul decoro non ha detto niente. Io andrei avanti, se ha problemi che faccia mandare la lettera da un legale
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Sarebbe opportuno ri-leggere il post #1 ove si evince quali siano le motivazioni e/o lamentele dell’amministratore.


la stessa risposta che avrei potuto dare anche io.
Veramente ha contestato abuso edilizio e aumento di cubatura, sul decoro non ha detto niente. Io andrei avanti, se ha problemi che faccia mandare la lettera da un legale
Siete proprio tecnici.
Analogici per definizione.

L'obiezione decoro aveva il suo senso riferendosi a questo genere di osservazione:

l'amministratore come lavoro principale fa il postino
 

RhPositivo

Membro Attivo
Professionista
Siete proprio tecnici.
Analogici per definizione.

L'obiezione decoro aveva il suo senso riferendosi a questo genere di osservazione:
@PyerSilvio resta il fatto che se i lavori sono stati autorizzati, io andrei avanti e aspetterei una lettera da un legale. È ovvio che l'amministratore agisce per conto di qualcuno che gli ha macinato le palle. È altrettanto ovvio che lui ci prova ma se vuole forzare deve procedere per vie legali e li si vede la differenza tra uomo e quaquaraqua.
Can che abbaia non morde
E aggiungerei
Regali sudamericani da tenere lontani
A buon intenditore...
 

Murapa

Membro Attivo
Professionista
A me la scelta di realizzare un "armadio(ne)" mi ricorda un po' le verande che diventano lavanderie, angoli cottura, ecc.. Se l'ingegnere è furbo, il postino ne sa... e sa a quale indirizzo rivolgersi.
 

RhPositivo

Membro Attivo
Professionista
Che contatti un legale se vuole creare contenziosi, sennò che stia calmino l'amministratore. Il lavoro è in regola e qualcuno ha speso soldi per farlo come si deve. Se c'è il vecchietto del piano di sopra che ha mal di pancia, che prenda un maalox
 

Murapa

Membro Attivo
Professionista
Il .."a casa mia faccio quello che voglio", non sempre regge. Credo che chiunque avrebbe paura di trovarsi un compressore o un'autoclave sotto il sedere e non sarebbe sereno, magari pensando alla propria pennichella pomeridiana estiva... a maggior ragione se è stata prevista -e quindi serve- un'insonorizzazione. In questi casi può finire che al Malox debbano ricorrere in diversi, anche perché non c'è proprio necessità di ricorrere a un legale: basta un vigile urbano e il contenzioso parte e, a prescindere dal finale, l'amministratore avrà adempiuto ai propri doveri.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Luigi78 ha scritto sul profilo di Giulia28.
Ciao Giulia, purtroppo anche a me il venditore ha mentito sulle spese condominiali. Ti sei rivolta da un legale?
il Custode ha scritto sul profilo di IL TRUCE.
Si di almeno altri 6 utenti
Alto