1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. prisco79

    prisco79 Ospite

    Buonasera,
    ho visitato un appartamento che ho intenzione di acquistare. L'unico dubbio che mi resta riguarda il fattore riscaldamento centralizzato.
    In casa c'è un boiler e ho chiesto come funzionasse, loro mi hanno risposto che il riscaldamento + acqua calda sono centralizzati ed erogati da ottobre a aprile secondo le norme vigenti, vengono pagate nella rata condominiale mensile x 12 mesi. Poi, nei mesi caldi, quando la centrale è spenta, il mio boiler erogherà l'acqua calda che pagherò x conto mio in base ai miei consumi. Questo è quello che ho capito io.

    La cosa che mi premeva chiedere al proprietario, forse da ignorante in materia, era quella di accertarmi che il risc. centralizzato NON fosse separato dall'acqua calda ma comprensivo di quest'ultima, x paura di dover spendere molto di elettricità col boiler.

    E invece forse mi dovrei preoccupare a questo punto, del consumo dell'acqua calda diviso x millesimi e non x utilizzo.

    Come può essere in realtà il tipico sistema di riscaldamento centrale di un condominio anni 60? Ci sono più tipologie? Fra queste qual è il più dispendioso?
    Ad esempio: solo riscaldamento centr. e acqua a parte
    oppure, riscald. centr.+ acqua divisa x millesimi??(sempre se così è divisa)

    Grazie mille
     
  2. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Hai fatto la domanda: non spaventarti per la risposta. :sorrisone:

    Se il condominio risale agli anni 60 difficilmente la centrale termica centralizzata ha un contatore di calorie indipendente per il circuito acqua calda sanitaria; verosimilmente potrebbe avere solo un contatore idraulico dell'acqua calda prelevata.

    1) Questo comporta di non poter quantificare esattamente il consumo di combustibile attribuibile all'acqua calda centralizzata.

    2) Poi c'è il problema della ripartizione dei consumi: devi informarti se ogni alloggio è dotato di contatori dell'acqua, specie per la calda. La legge prevederebbe anche quello dell'acqua fredda, ma non è infrequente purtroppo che, dove non presenti, si adottino criteri empirici vari, tipo millesimi o numero di abitanti per alloggio e simili. La loro installazione non è onerosa, sempre che la distribuzione interna sia orizzontale, e non invece su colonne verticali indipendenti.

    3) Da ultimo , legato ai primi due punti, c'è il problema di attribuire un costo del mc di acqua calda: ammesso che si abbia un contatore individuale, non è comunque facile attribuire un prezzo al mc dellacqua calda, quando non si è in grado di separare le calorie spese per il riscaldamento da quelle per l'ACS.; anche qui viene assunto spesso un prezzo dalla maggioranza dell'assemblea: a volte in modo ragionevole, a volte in modo volutamente provocatorio (= spesso chi consuma molto o ha famiglia numerosa, contesta i bassi consumi o lo sconto per inquilini single, per cui apoggia una delibera che "regala" l'acqua calda...)

    Dopo queste premesse, avete anche un elemento a favore: col boiler potete col tempo stimare il fabbisogno individuale e valutare quanto incide sui costi. Se il condominio non è grande, e i condomini sono ragionevoli , potete trovare una soluzione di compromesso.
     
    A prisco79 piace questo elemento.
  3. prisco79

    prisco79 Ospite

    Ciao, sei stato gentile e ben informato!
    Oggi ho chiesto delucidazioni in merito e mi è stato detto che :ci sono i contatori x i consumi di ogni condomino. Questo boiler sarebbe "scomodo" nel periodo in cui la centrale chiude e quindi diventa "autonomo" dovendo accenderlo un po' prima xchè si scaldi l'acqua al bisogno. Mi hanno detto che lo posso sostituire con una calderina che consumerebbe meno, che però dovrebbe essere messa in cucina e non nel ripostiglio dove ora c'è il boiler.
     
  4. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Credo per calderina tu intenda uno scaldabagno a gas: qui non è dettoche le cose siano così facili.
    1. Occore prevedere come realizzare lo scarico fumi: in molte città il regolamento d'igiene vieta lo scarico in parete, e nei condomini difficilmente c'è una canna fumaria individuale a disposizione.
    2. Non so se siano ancora ammessi i boiler a camera aperta tipo B; quelli a camera stagna, turrbo (cioè tipo C) non sono affatto a buon prezzo.
    3. Ammesso che ci sia una canna fumaria ramificata collettiva, questa deve avere sezione adeguata, tiraggio opportuno, servire meno di 5-6 piani, non avere interruzioni, e tutti gli appareccchi colelgato devono essere dello stesso tipo......

    Come vedi le caldaiette sono ottime in case unifamiliari: non sono il toccasana in ambito condominiale.
     
    A prisco79 piace questo elemento.
  5. prisco79

    prisco79 Ospite

    1. Non è che si può supplire mettendola in cucina (visto che è un ambiente unico a pochi metri dallo sgabuzzino)? E' un terzo e ultimo piano.
    2. I proprietari hanno ristrutturato l'intero appartamento e hanno sostituito il vecchissimo boiler con uno recente.
    Grazie ancora;)
     
  6. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Se sei all'ultimo piano, forse non avrai diffficoltà a portare lo scarico sopra la colma del tetto: la spesa non è banale, ma non eccessiva, e la puoi decidere con tuo comodo.

    Tieni conto che questi sono aspetti significativi che è giusto valutare, ma difficilmente condizionano la decisione finale sull'acquisto dell'appartamento.

    Gli ordini di grandezza dell'investimento e/o spesa sono totalmente diversi: la posizione della casa, il suo stato generale di manutenzione o vetustà, il quartiere, ecc. non li cambi e non li sposti.

    Sono dettagli che possono incidere soprattutto quando sei di fronte a due alternative altrettanto valide e per te interessanti: solo in quel momento possono diventare determinanti e decisivi.

    Buona scelta.:ok: :stretta_di_mano:
     
  7. prisco79

    prisco79 Ospite

    Grazie carissimo, hai ragione.
    Sono di fronte ad una scelta difficile perchè il badget è bassino e quindi nella mia zona coi costi alti che ci sono bisogna fare delle scelte complesse. Ho x le mani la possibilità di comperare questo terzo ultimo piano in condominio anni 60, nella scala ha 7 condòmini. Non ha ascensore ma fino al terzo non mi interessa, è stato ristrutturato da zero con annesse modifiche strutturali x adibirlo il più possibile a trilocale. Composto da ambiente unico soggiornetto-cucina con poggiolo, molto luminoso (sud-ovest), piccolo ripostiglio, cameretta singola (sulla planimetria citata come "guardaroba" perchè inferiore ai mq necessari) di 7 mq finestrata, piccolo bagno con idromassaggio, camera matrimoniale 16 mq. Giu è dotata di garage x utilitaria tipo golf, riscaldamento centralizzato. Sopra c'è una guaina appena rifatta, catarinfrangente argentata, ma ho paura che si crepi dal caldo + di altri appartamenti, (questi hanno due condizionatori addirittura, in un ambiente così piccolo...mah), non vorrei che dovessero "rinforzare" il caldo d'inverno con le pompe di calore perchè si patisce il freddo, spendendo di elettricità una follia :shock: chi lo può sapere...
    10 minuti a piedi dal centro.
    Infissi, parquet, porte, blindata, bagno, impianti tutto nuovo. Tutto ciò (già abbassato) 135mila
     
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Mi pare di capire che tu stia cercando conforto. Ma non ho la più pallida idea dei valori immobiliari, tanto meno di venezia e dintorni.
    Una cosa però sento di consigliarti: l'assenza dell'ascensore può rappresentare in futuro un problema: dipende da quanti anni hai oggi e per quanto intendi risiedere in quell'appartamento. Poi valuta ed informati sulle condizioni estive.
     
  9. prisco79

    prisco79 Ospite

    Sono sempre stata al terzo piano e non mi pesa, poi in un futuro certo che sarà da vedere, ma magari con l'avvicinarsi della vecchiaia :D, oggi ho 30 anni.
    Comunque è a Mestre precisamente, il nuovo è inavvicinabile (es. 80mq 250/300 mila euro). Questo è molto carino ma è decisamente piccolino, poi chiaro tutto è in base alle esigenze, i progetti e il gusto personale. Di sicuro accetto il piccolo ma sarebbe una fregatura se fosse caro come uno grande, chi può saperlo? :risata: Si può chiedere ma sai, il venditore ha l'interesse di venderlo e cercherà comunque di pompare i pregi e sminuire i difetti.
    ;)
    Ad ogni modo, rispetto al mio badget, rispetto ai costi qui al mq, la scelta che posso fare è sostanzialmente questa in soldoni:
    piccolo e ristrutturato o grande e vecchio con lavori da fare (e non pochi).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina