1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. enea.a

    enea.a Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buonasera,

    al fine di acquistare un'appartamento all'estero (e più precisamente in Spagna), vorrei capire come funziona la tassazione: alla tassa di proprietà locale (IBI) dovrò poi sommare quella italiana (IVIE - Imposta sul Valore degli Immobili situati all'Estero)?

    Oppure in fase di dichiarazione dei redditi in Italia potrò poi detrarre la tassa spagnola?

    Aggiungo, se può servire, che almeno per il momento non avrei intenzione di trasferirmi o prendere la residenza in Spagna.

    Grazie anticipatamente per l'aiuto.

    Saluti
    Enea
     
  2. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sono un "esperto" avendo da dieci anni una casa in Grecia.
    In Italia si deve pagare l'IVIE, calcolata secondo le regole vigenti ma con un "credito d’imposta pari al valore dell’imposta patrimoniale versata nello Stato in cui è situato l’immobile" che, suppongo dal tuo scritto, in Spagna si chiami IBI.
    Il massimo valore detraibile è ovviamente pari all'intera IVIE.
     
    A enea.a piace questo elemento.
  3. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Come tassazione devi non sommare ma sottrarre ;) ..., per la Spagna ( E per la maggior parte dei paesi esteri ) sarai normalmente a credito ...
    Un dubbio col quale molte volte i contribuenti si sono confrontati riguarda la base imponibile su cui calcolare l’importo dovuto. Su questo punto va fatto un distinguo sostanziale. Difatti, normalmente, il valore di riferimento è costituito dal costo risultante dall’atto di acquisto, e in alternativa, qualora il dato non fosse disponibile, dal valore di mercato rilevabile nel luogo in cui si trova l’immobile. C’è poi da considerare l’ipotesi degli immobili non acquistati, bensì direttamente costruiti dai possessori. In quei casi, allora, la base imponibile sarà costituita dal costo complessivo di costruzione. Ora, in deroga a questi principi generali, la regola standard per gli immobili situati nei Paesi appartenenti all’Unione Europea (UE) e allo Spazio Economico Europeo (SEE), stabilisce che la base imponibile da considerare sarà il valore catastale, oppure, in mancanza di quest'ultimo, il costo d’acquisto o il valore di mercato allo scadere del periodo d’imposta.

    Oltretutto, a differenza dell’IMU, l’Ivie non è dovuta se l’importo complessivo della tassa – a prescindere dalla quota o dal periodo di possesso – è pari o inferiore ai 200 euro. Se invece l’imposta complessiva risultasse superiore ai 200 euro, a quel punto andrebbe modulata in proporzione alle variabili della quota e del periodo di possesso. C’è poi un secondo aspetto decisivo: vale a dire il credito d’imposta cui si ha diritto per le tasse patrimoniali eventualmente pagate nello Stato estero dove si trova la casa. Dall’imposta italiana, infatti, va detratto l’importo già versato all’estero facendo comunque attenzione a non confondere l’esenzione dei 200 euro con l’eventuale differenza fra il credito d’imposta maturato e la tassa italiana. Cosa vuol dire questo? Immaginando che all’estero un contribuente abbia già pagato 600 euro di tassa patrimoniale (che sarà quindi il credito) e che in Italia l’Ivie ammonti a 800 o 700 euro, questo contribuente sarà comunque tenuto a pagare in Italia i 100 o 200 euro eccedenti l’imposta estera. L’esenzione fino a 200 euro, quindi, è da considerare esclusivamente in relazione all’importo risultante “alla radice”, vale a dire sulla base del calcolo vero e proprio dell’imposta italiana, che per non essere pagata dovrebbe appunto risultare pari o inferiore a 200 euro.
    TI PUO' ESSERE MOLTO UTILE questo link http://www.guidafisco.it/ivie-calcolo-imposta-794
     
  4. enea.a

    enea.a Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti, ritorno sull'argomento in quanto vorrei qualche chiarimento riguardo alla tassazione relativa ai redditi percepiti all'estero.
    Se compro casa in Spagna e la affitto, dovrò dichiarare il reddito percepito sia in Spagna che in Italia? Come avviene la tassazione? Potrò dedurre quanto pagato in Spagna in fase di dichiarazione dei redditi in Italia?
    Grazie e saluti
    Enea
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina