1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. clongoni

    clongoni Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ad aprile 2007 ho acquistato un appartamento con agevolazioni prima casa.
    Ho poi venduto tale appartamento nel luglio 2010.
    Ora sto acquistando un nuovo appartamento (entro 1 anno dalla vendita del primo) con agevolazioni, per evitare di pagare la differenza delle imposte e sanzioni, usufruendo del credito fiscale.

    Il fisco chiede che l'appartamento oggetto del nuovo acquisto sia adibito ad abitazione principale, per evitare di pagare la differenza delle imposte e sanzioni.
    Dovro' quindi spostare la residenza nel comune dove e' localizzato il nuovo appartamento.

    Sarebbe mia intenzione poi affittare questo appartamento, ma mi pare di capire che non possa farlo, data la destinazione di abitazione principale.
    Per quanto tempo non potro' affittare a partire dalla data del nuovo atto notarile?

    Affittando a persona che non trasferisce la residenza, con un contratto transitorio, e mantenendo io la residenza con utenze intestate a me, il fisco potrebbe contestarmi qualcosa?
    Tipo la differenza dell'IVA sul primo acquisto del 2007?

    Grazie

    Cristian
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    I requisiti necessari per fruire delle agevolazioni prima casa sono:

    per fruire delle agevolazioni prima casa non è necessario che l'immobile acquistato sia destinato ad abitazione propria e/o dei familiari, tant'è che può essere acquistata con le agevolazioni "prima casa" anche un'abitazione affittata o da affittare dopo l'acquisto (circolari n. 38 del 12 agosto 2005, n. 19/E del 1° marzo 2001 e n. 1/E del 2 marzo 1994).


    Fisco: le agevolazioni prima casa
     
  3. clongoni

    clongoni Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Condivido cio' che sostieni, infatti e'possibile acquistare un immobile ubicato nel comune dove si ha gi' la residenza, usufruendo delle agevolazioni anche senza spostare la residenza all'indirizzo del nuovo immobile.

    Ma in caso di riacquisto entro 1 anno dalla vendita della prima casa avvenuta prima dei 5 anni, l'agenzia delle entrate chiede, per evitare le sansioni, di acquistare un nuovo immobile da adibire ad abitazione principale.

    Il concetto di "prima casa" e' diverso da "abitazione principale", l'abitazione principale richiede la residenza.
    E' questo che mi sta facendo riflettere.
    Non vorrei ricevere una cartella di 13.000 euro (integrazione imposte per il primo acquisto) solo per aver affittato regolarmente il nuovo appartamento.

    grazie
     
  4. AntonioPa

    AntonioPa Membro Attivo

    Privato Cittadino
    In teoria, come per il discorso della residenza nel comune per l'acquisto con agevolazione, non è fissato per legge un tempo minimo di mantenimento dell'immobile come abitazione principale. La prassi dell'AdE prevede solo che il contribuente abbia tempo tre anni dal momento dell'acquisto per adibire l'immobile ad abitazione principale (il termine decadenziale per l'eventuale accertamento) anche se, secondo me, in questo caso il mantenimento della residenza, è condizione essenziale per dimostrare l'effettiva volontà di adibire l'immobile ad abitazione principale. Ti copio-incollo un estratto della risoluzione 192/2003 dellAdE:


    "Il significato da attribuire alla locuzione “da adibire a propria abitazione
    principale” può essere mutuato dalla sentenza 21 dicembre 1998, n. 12737 della Suprema Corte di Cassazione, dove, con riferimento alla previsione dell’articolo 1, comma 6, della Legge 22 aprile 1982, n. 168, è precisato “la disposizione non è formulata nel senso che l’acquirente dell’immobile debba dichiarare ‘ di volerlo adibire a propria abitazione’ ma che dichiari ‘ di adibirla a propria abitazione’. La lettera della legge, in altri termini, indica che il legislatore non ha inteso agevolare meri progetti di future (ed eventuali) sistemazioni abitative, ma attuali e concrete utilizzazioni degli immobili acquistati come abitazione da parte di acquirenti”. Prosegue inoltre “l’agevolazione prevista dalla norma di cui si tratta può essere mantenuta solo se l’acquisto sia seguito dalla effettiva realizzazione della destinazione dell’immobile acquistato ad abitazione propria”.
    Pertanto, è doveroso per l’ufficio recuperare, entro i termini di decadenza
    stabiliti dal Testo unico dell’imposta di registro e meglio precisati nella circolare n. 69 del 14 agosto 2002, le maggiori imposte ed eventuali sanzioni e interessi dovuti a seguito di decadenza dai suddetti benefici. L’ufficio - nel caso di riacquisto di altro immobile, entro un anno dall’alienazione del precedente immobile acquistato fruendo del regime di favore - qualora accerti che non sussiste il requisito di destinazione dello stesso ad abitazione principale dell’acquirente (vale a dire che all’intenzione di adibire l’alloggio a propria abitazione, non ha fatto seguito l’effettiva utilizzazione diretta e personale dello stesso) deve notificare all’interessato apposito avviso di liquidazione. La carenza di scadenze predeterminate per l’attuazione del proposito abitativo dell’acquirente, comporta che quest’ultimo debba attenersi a parametri di ragionevolezza e di buona fede, in quanto la concreta utilizzazione dell’immobile può essere sia immediatamente successiva al contratto di compravendita, ma può anche implicare un certo lasso di tempo, correlato alle circostanze del caso di specie, ad esempio il termine può variare da un tempo minimo occorrente per il trasloco ad un tempo maggiore che sia richiesto da
    eventuali lavori di ristrutturazione ad un termine ancora più lungo imposto da una momentanea indisponibilità del bene per effetto di temporanei diritti di godimento costituiti sull’immobile a favore di terzi.
    La Suprema Corte di Cassazione con Sentenza n. 1196 del 21 novembre
    2000 precisa, infatti, che: “L’acquirente non deve dilazionare l’attuabilità oltre l’indicato limite di ragionevolezza ad esempio la presenza di diritti di godimento di terzi con scadenza non determinata o comunque eccedente da una logica aspettativa di prossimità.”.
    Pertanto si deve ritenere che quanto meno entro il termine triennale di
    decadenza del potere di accertamento dell’ufficio, il contribuente se voleva
    beneficiare delle agevolazioni fiscali, doveva avere realizzato la finalità
    dichiarata ‘di destinare ad abitazione l’immobile acquistato’ (cfr. Sentenza n. 9149 del 7 luglio 2000, della Suprema Corte di Cassazione)."
     
  5. clongoni

    clongoni Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille Antonio. E' tutto molto chiaro.
    Ho solo una perplessita', affittando anche con contratto transitorio, andrebbe pagata l'ICI al comune (per abitazione non principale), inoltre l'introito dell'affitto va inserito in dichiarazione dei redditi.
    Quindi potrebbero emergere delle incongruenze in sede di eventuali controlli incrociati, ammesso che li facciano.
    Che idea hai in merito?
    grazie
     
  6. AntonioPa

    AntonioPa Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Considera che sulle agevolazioni prima casa i controlli sono sul "campione unico", in pratica tutti o quasi gli atti relativi alle agevolazioni prima casa sono controllati incrociando i dati dichiarati in atto presenti in anagrafe tributaria con i dati anagrafici.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina