1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. EnzoR

    EnzoR Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti e grazie a chi mi vorrà rispondere.
    Da un mese circa ho cambiato 4 finestre e relative persiane, della mia prima casa, (un po' più in la sostituirò anche le 6 porte finestra che rimangono) non mi è ancora pervenuta fattura ma probabilmente la spesa si aggirerà sui 5000 euro. Leggendo qua e la scopro che probabilmente ho diritto all'IVA agevolata al 10% e probabilmente anche alla detrazione in 10 anni del 65% del valore fatturato. Vorrei sapere quali passi dovrò fare per ottenere le agevolazioni su descritte. Devo ancora precisare che il materiale l'ho comperato da una ditta e il montaggio è stato eseguito da un artigiano che pagherò a parte. Penso sia un argomento che interessi a tanti che come me procedono col metodo di "un po' per volta".
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Pagamenti attraverso bonifici e modulistica in comune ...ovviamente la banca chiede la fattura ...;)
     
  3. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Nella prassi quotidiana forse è sufficiente quanto detto da Architetto.
    Ma seguendo strettamente le regole indicate dalle due guide (ristrutturazioni edilizie o risparmio energetico) che si possono trovare nel sito dell'Ag. Entrate, la risposta potrebbe essere un pò più complessa.

    1) Per poter godere delle detrazioni, i pagamenti devono essere eseguiti tassativamente con bonifici "speciali" che utilizzano una modulistica che fa riferimento alla legislazione di riferimento (x ristrutturaz, o x risp. energetico) , dove occorre indicare oltre alla causale i CF/P.IVA del fornitore beneficiario, ed il CF dei beneficiari delle detrazioni (chi in sostanza paga).
    La banca non è tenuta a vedere la fattura: sarà però il commercialista o il CAF a volerla vedere associata al bonifico relativo: il bonifico speciale è fattibile anche on-line. molte banche ne danno la possibilità.
    2) Le detrazioni per ristrutturazioni (50% fino al 31-12-13; 36% successivamente) su singole unità abitative spettano solo per interv. di manutenzione straordinaria: per gli infissi esterni sarebbe quindi previsto che si tratti di sostituzione di tutti gli infissi di facciata, con tipologia e caratteristiche diverse dalle precedenti. A meno che non rientrino in un intervento straordinario più esteso, che richiederebbe almeno una CIL o DIA. (interventi classificabili b) c) o d) dell'art. 3 L 380/2001
    3) Le detrazioni per risparmio energetico (65% fino al 31-12-13, poi 36%) seguono invece regole diverse: in buona sostanza sono detraibili interventi sugli infissi se i nuovi raggiungono una trasmittanza inferiore a certi indici differenziati per zona climatica di appartenenza, migliore di quella ordinariamente prescritta, certificata dal produttore del serramento. (per gli indici richiesti vedi guida AdE, raggiungibili tipicamente con strutture a taglio termico, e vetri-camera 4-12-4 con gas argon).
    Se non è cambiata la procedura, occorre preventivamente comunicare la tipologia di intervento coi dati ottenuti e la stima dlla trasmittanza dei vecchi infissi. Più complicato a dirsi che a farsi. Vedi sito ENEA, dove occorre per trasmettere, registrarsi.
    4) IVA: l'IVA al 10% la applica tipicamente l'artigiano-impresa che presta la sua opera fornendo tutto il materiale e mdo. Ma i prodotti cosiddetti finiti acquistati direttamente dal committente sono tassati al 10% solo se l'intervento si inquadra in una manutenzione straordinaria; in caso contrario l'acquisto degli infissi avviene sempre con IVA al 21% (anche l'artigiano se li procurerebbe al 21%, per poi fatturare complessivamente al 10% solo la quota materiali che non eccede la quota di manodopera esposta).
    L'IVA ridotta (10%) viene applicata dal fornitore sulla base di una autocertificazione del committente (in rete ci sono vari esempi) che si assume la responsabilità di dichiarare la tipologia dell'intervento.

    Nel caso esposto, parrebbe più praticabile il caso 3, se la qualità degli infissi lo permette: quanto all'IVA vedi sopra.
     
    A EnzoR, Irene1 e Rosa1968 piace questo elemento.
  4. EnzoR

    EnzoR Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie Bastimento Sei stato chiaro ed esauriente.
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Grazie: giusto aggiungere che quanto sopra è di massima la regola.

    Poi, come un tecnico ricordava in altro 3D simile, i controlli pare non siano così fiscali, l'AdE verifica in pratica solo la documentazione bancaria e non quella urbanistica, e la tipologia dei lavori dipende molto da come viene presentata dal tecnico che prepara la documentazione, e da come questa documentazione viene valutata dall'uff. tecnico del comune...

    http://www.immobilio.it/threads/detrazione-50-ristrutturazione.28371/#post-327442

    Gli Italiani in queste cose sono .... fantasiosi e flessibili ....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina