1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. MitchTS

    MitchTS Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti!
    Ringrazio tanto per le risposte al mio post del 31agosto.
    Approfitto per chiedere nuovamente lumi, questa volta sulla durata della residenza per non perdere le agevolazioni prima casa.
    Scenario: appartamento usato cointestato al 50% ad X e Y.
    X prende la residenza subito dopo rogito, Y la prende dopo 11mesi e la ricambia dopo altri 6mesi.
    Premesso che mi è ormai chiaro (salvo controordini) che la legge parla di 18 mesi come termine per prendere la residenza, ma non dice x quanto mantenerla, chiedo:
    1)ulteriore conferma che Y non incorre in sanzioni :).
    2)A parte L'ICI, Y dovrà pagare altre tasse,imposte o spese varie da "non residente"? (Y non ha mutuo e non deve scaricare nulla)
    3)'option' qualcuno sa se Y, senza reddito alcuno, dovrà fare il 730 per il solo immobile che possiede?

    Cordiali saluti.
    Mitch
     
  2. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    dunque....la prima volta che compri con agevolazione prima casa, se non fai mutui particolari o con contributo regionale (che richiedono che l'immobile diventi "abitazione principale", quindi con residenza), la legge richiede semplicemente che entro 18 mesi (12 per detrarre gli interessi passivi del mutuo) tu sia residente nel comune dell'immobile e non venda la casa prima di 5anni; se vendi prima dei 5 anni, oltre a dover riacquistare entro 12 mesi, vai a pagare la plusvalenza tra acquisto e vendita se non hai tenuto la residenza nell'immobile per almeno la metà del tempo...
    l'agenzia delle entrate ha 3 anni di tempo per verificare la residenza, ma l'interpretazione è piuttosto soggettiva.........la legge, come hai notato tu, non parla di periodo minimo di residenza, ma semplicemente che la devi mettere entro 18 mesi...
    se vuoi, per scrupolo, puoi andare in agenzia delle entrate e chiedere un parere
     
    A Manzoni Maurizio piace questo elemento.
  3. MitchTS

    MitchTS Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Diego per la risposta!
    Qyalcuno mi può illuminare sulle spese oltre ICI ( quesito 2 del post originale)?
    Arrigrazie!! :).
     
  4. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Vorrei chiarirti che per usufruire delle agevolazioni "prima casa" non é necessario che l'immobile acquistato sia destinato ad abitazione propria e/o dei familiari. Uno dei requisiti per le agevolazioni é che l'immobile acquistato deve essere ubicato nel Comune in cui l'acquirente ha la residenza o in cui intende stabilirla entro 18 mesi dalla stipula o nel Comune dove l'acquirente svolge la propria attività principale. L'impegno a stabilire la residenza entro 18 mesi, da parte dell'acquirente che non risiede nel Comune dove é situato l'immobile che si acquista, devono essere attestate con apposita dichiarazione da inserire nell'atto di acquisto.
    Può avere l'esenzione ICI, il proprietario che utilizza l'abitazione principale come dimora abituale per sé e i suoi familiari, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica.
    option 3) E' esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, il contribuente che possiede esclusivamente l'abitazione principale e le sue pertinenze e fino a € 500,00 di reddito.
     
  5. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    nel caso dell'ICI per trieste abbiamo l'aliquota ordinari al 7 per mille, quella agevolata 1° casa al 4,25
    ps. c'è una detrazione per la 1° casa di 103,29€ sull'imposta (ad eccezione di immobili categoria a1, a8 e a9)
     
  6. MitchTS

    MitchTS Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie!
    Chiedo venia, ma penso di non esser stato chiaro con il mio dubbio.
    Ricapitolo la situazione: appartamento cointestato 50% (rendita 460euro) con agevolazioni prima casa. Un cointestatario, trasferisce la residenza nell'immobile entro 18mesi da rogito ma dopo 7mesi la cancella perchè si trasferisce all'estero.
    Il cointestatario dovrà sicuramente pagare ICI per il suo 50%(visto che finchè non ha la residenza lo paga e pertanto non lo pagherà per i 7mesi di residenza per tornarlo a pagare dopo aver cancellata la residenza).
    Oltre ad ICI, che altre spese/imposte/tasse ci sono in assenza di qualunque altro reddito?
    Arriarri grazie! :)
     
  7. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    esiste un caso particolare: chi è emigrato all'estero può acquistare un immobile in regime agevolato a prescindere dalla sua ubicazione sul territorio nazionale; ovviamente, l'agevolazione spetta qualora sussistano gli altri requisiti e, in particolare, a condizione che l'immobile sia acquistato come "prima casa".
    non è necessario per l'acquirente stabilire entro 18 mesi la residenza nel Comune in cui si trova l'immobile acquistato.
    l'interpretazione dell'agenzia delle entrate, che io sappia, non è specifica sul momento in cui il cittadino emigra...non so dirti se deve risiedere all'estero già prima dell'acquisto o può emigrare anche successivamente senza perdere l'agevolazione, però, a quanto so, è richiesta l'iscrizione dell'emigrato all'AIRE..
    ulteriore specifica dell'agenzia delle entrate: "La decadenza dall'agevolazione comporta il recupero della differenza d'imposta non versata e degli interessi nonché l'applicazione di una sanzione pari al 30 per cento dell'imposta stessa.
    L'acquirente decade dai benefici fiscali usufruiti in sede di acquisto dell'immobile se:
    - le dichiarazioni previste dalla legge nell'atto di acquisto sono false;
    - non trasferisce la residenza nel Comune ove è situato l'immobile entro 18 mesi dall'acquisto;
    - vende o dona l'abitazione prima che sia decorso il termine di 5 anni dalla data di acquisto, a meno che entro un anno non proceda al riacquisto di un altro immobile da adibire in tempi "ragionevoli" a propria abitazione principale. Le agevolazioni non si perdono se entro un anno dalla vendita o dalla donazione il contribuente acquista un terreno e, sempre nello stesso termine, realizza su di esso un fabbricato non di lusso da adibire ad abitazione principale."
    altre imposte non ci sono
     
  8. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Anche per i dipendenti di pubblica sicurezza
     
  9. Diego Antonello

    Diego Antonello Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    .....e di personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento
    militare, nonché da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile
    ....quanto mi piace fare il puntiglioso.......:sorrisone:
    ps. un altro caso in cui è riconosciuta l'agevolazione è la mancata residenza nel comune entro 18 mesi per cause di forza maggiore (impedimento oggettivo non prevedibile e tale da non poter essere evitato):fico:
     
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    quelli intendevo... ;)
     
  11. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Buongiorno,
    ho acquistato la mia 1° e unica casa una decina di anni fa in un comune A. Si tratta di un monolocale che è sempre stato esente ICI a causa della ridotta metratura. Dopo un anno mi sono sposato ed ho trasferito il domicilio in un comune B nella casa di mia moglie. Per 9 anni ho vissuto alcuni giorni alla settimana nel comune A per motivi di lavoro e alcuni giorni nel comune B per motivi affettivi. Dopo 9 anni dal matrimonio trasferisco la residenza nel comune B e resta mia madre ad abitare nella mia 1° casa del comune A.
    Non appena effettuato il cambio di residenza mi arrivano dal comune A 5 anni di ICI retroattiva da pagare, come se avessi evaso qualche tassa. Inoltre mi viene prospettato che la mia 1° casa diventerà 2° casa e soggetta a tassazione IMU.
    Vorrei sapere se sono lecite queste pretese del comune A e se posso fare qualcosa per evitare di pagare delle tasse su una piccola casa nella quale non vivo.
    Grazie mille
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina