1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. varano

    varano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,

    sto per acquistare un appartamento a Bologna, è un piano ammezzato che al momento è ad uso ufficio.
    Non essendo un grande esperto, non ho dato molta importanza all'altezza dei soffitti, che sono alti 256 cm, poi leggendo un po' ovunque leggo che devono essere minimo 270.
    Ho contattato il venditore, mi ha rassicurato che il cambio d'uso è stato effettuato con successo, e che come classe catastale è stata scelta l'A2.

    Ora il mio dubbio è: devo fidarmi? com'è possibile che abbiamo ottenuto il cambio d'uso nonostante l'altezza non soddisfi i requisiti minimi?

    grazie
     
  2. geosereno

    geosereno Membro Junior

    Altro Professionista
    ciao, tieni conto una cosa: la differenza tra il catasto (oggi) e il comune.....oggi come oggi il catasto accetta l'accatastamento di qualsiasi cosa (anche un condominio abusivo per assurdo), difatti ad oggi il compito del catasto (guarda caso oggi agenzia entrate) è quello di verificatore per pagamento imposte...diciamo che ti metteresti in ordine dal punto di vista fiscale ma NON da quello comunale....infatti un locale per essere agibile deve avere altezza minima 2,70 (con eccezioni per esempio in zone montane dove il minimo è 2,50 ma non penso sia il tuo caso ndr). In questo caso chiedi l'agibilità del locale all'agenzia o la verifica urbanistica (facendoti vedere ciò che è stato dichiarato in comune)...vediamo che dice!..fammi sapere
     
  3. varano

    varano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ma il cambio d'uso si fa al catasto o al comune?
     
  4. geosereno

    geosereno Membro Junior

    Altro Professionista
    entrambi! prima in comune , poi si fanno i lavori (se non si fanno opere murarie basta una comunicazione di cambio di destinazione d'uso senza opere murarie inferiore a 700 mc) e in ultimo a catasto a lavori ultimati.....se hai bisogno ti direi di contattarmi ...ma non so se posso lasciare qui numeri di cell
     
  5. varano

    varano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    quindi se è stato fatto il cambio d'uso, vuol dire che c'è anche l'abitabilità?
    quali sono le deroghe per aggirare l'ostacolo dei 270cm?
    leggendo un po' in giro:

    - immobile ad uso abitativo ante 1942
    - immobile ad uso abitativo edificato in forza di licenza edilizia prima del D.M. 5/7/1975
    - Nella compravendita di un immobile, se questo è ante '67 non c'è l'obbligo di riportare in atto i relativi titoli abilitativi (concessioni, licenze, autorizzazioni, abitabilità...)

    per il numero se vuoi puoi scriverlo in pvt
     
  6. geosereno

    geosereno Membro Junior

    Altro Professionista
    purtroppo non ho ancora la possibilità di scrivere pvt..se hai fb cerca sereno massimo a vercelli
     
  7. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Mi pare strano che il Comune abbia concesso il cambio di destinazione d'uso da direzionale a residenziale se le altezze non raggiungono i minimi. Ovviamente dovrai controllare la pratica edilizia, l'avvenuta corresponsione degli oneri e l'esistenza dell'abitabilità. Il catasto serve solo ai fini rappresentativi e fiscali.
     
    A alessandro66 e geosereno piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina