1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. giopis

    giopis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve... ho un piccolo locale (22mq su 2 piani) ristrutturato non interrato ne seminterrato, con bagno sanato, riscaldamento autonomo con pompa di calore, niente gas. Al primo piano una grandissima finestra.
    Se aggiungo un piccolo piano cottura con 2 piastre elettriche e un lavello.... cosa mi può accadere?
    Può essere considerata cucina?
    A quali sanzioni potrei andare in contro?
    Grazie.
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Dalla conformazione degli elementi di arredo che vuoi realizzare è ovvio che può essere considerata cucina e/o angolo cottura, è anche vero che nella maggior parte dei casi gli standard sanitari escludono il posizioneamento di una cucina e/o angolo cottura sia nell'interrato che nel seminterrato, in quest'ultimo talune volte può essere concesso a patto che il vano di cui sopra (cucina o angolo cottura) abbia luce e aria direttamente dall'esterno sufficienti a garantire il rapporto aeroilliminante di 1/8 della superficie netta del vano così adibito e le dimensioni in altezza sono uguali ai iani abitabili cioè altezza libera pavimento soffitto pari a 2,70 metri.

    All luce di questo ti consiglio che se hai l'opportunità di questi parametri avvia una dia per cambio destinazione d'uso, altrimenti se i vigili ti controllano rischierai la multa che varia da € 258,00 a € 1033,00 a seconda della gravità dell'abuso commesso, con intimazione di ripristinare i luoghi, avendo però tu la possibilita di procedere alla sanatoria amministrativa se i parametri di cui sopra sono soddisfatti, con il relatico doppio costo degli oneri concessori.

    E' anche ovvio che una unità immobiliare urbana composta da una cucina o angolo cottura e bagno è una abitazione ibrida senza l'esistenza di una camera da letto che dovra avere anche questa gli stessi standard della cucina per essere abitabile.

    Se invece il tutto è sito al piano terra penso non dovresti avere problemi comunque consulta il regolamento edilizio del comune dove insiste l'unità immobiliare.
    Spero di esserti stato chiaro. Ciao salves. :stretta_di_mano:
     
  3. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Questo è interessante. E' una regola comunale o nazionale?
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    E' la regola che se qualcuno da fastidio cio che tu realizzi e non sei autorizzato a farlo e vieni controllato e non hai le dovute autorizzazioni vieni sanzionato.
     
  5. giopis

    giopis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie a voi per le utilissime delucidazioni. Temo di nn avere le altezze sufficienti ne al piano terra ne all'ammezzato..... non supero i 2,50 m :triste: mi sa che ho fatto un acquisto sbagliato....:triste::triste:
     
  6. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mi riferivo alle sanzioni. da € 258,00 a € 1033,00 è una regola comunale o nazionale? c'è una legge precisa che prevede qste sanzioni?
     
  7. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Art.10 e 13 L.47/85 e art. 44 D.P.R. 380/01
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  8. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Hai acquistato un locale deposito... mica un'abitazione!
    Se poi l'hai pagata come una abitazione... male! :basito:

    Aggiunto dopo 8 minuti...

    Mah, a dire il vero io non leggo le cifre che hai indicato..:occhi_al_cielo:
    (la L.47/85 non è stata abrogata dalla 380/01? Direi di sì... e nel 380/01 ci sono anche cifre + "importanti")
    puoi precisare meglio? :domanda:
     
  9. giopis

    giopis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Io nn ne farei una semplice questione di soldi, l'avrei anche potuto ereditare e poi anche se l'ho pagato relativamente poco, si tratta sempre di 22 metri quadrati.... Per quanto riguarda il concetto di abitazione dovrebbe essere a parer mio di matrice soggettiva, ma purtroppo c'è sempre qualcuno che ci viene a dire cosa va bene e cosa nn va bene per ognuno di noi.
    Un esempio banale: Io sono alto 1,58m.... vi pare che una stanza di 2,50m di altezza mi possa soffocare, ho più spazio io di una persona alta 2 metri che vive in un locale abitabile alto 2,80m e potrei anche soffrire di agorofobia....
    Insomma ognuno di noi ha le proprie esigenze, le proprie preferenze, le proprie possibilità economiche, non si può ridurre l'immensa mole di diversità umana in un unico agglomerato standard.
    Scusate lo sfogo.... ma nn sopporto chi punta il dito verso l'ignoto.
     
    A Much More piace questo elemento.
  10. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    Le leggi in materia urbanistica ci vogliono sicuramente, ma purtroppo in Italia non solo sono molto rigide, ma cambiano anche da Comune a Comune, per cui è il caos più totale, e non se ne esce ...

    Silvana
     
  11. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    No, le cose non stanno così.
    Il mondo è pieno di gente che vorrebbe vivere come e dove crede (e fino a qui sono pienamente d'accordo) ma poi è la stessa gente che pretende i servizi (magari anche a prezzi non troppo esosi), che reclama diritti su diritti etc.: qui casca l'asino!
    L'immenso impianto legislativo è solo frutto della nostra società.
    Quindi vivere in 2 metri non va bene non perchè non sia fattibile, ma perchè qualcuno, da qualche parte, ne ha abusato o potrebbe farlo (tipo vendere un ripostiglio per abitazione a un malcapitato, sfuttarlo per pagare meno tasse etc...) e la legislazione è intervenuta.;)
     
    A akaihp piace questo elemento.
  12. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Dai una lettura dell'art.137 del D.P.R. 380/01;
    Dai una lettura all'art. 10 comma 1;
    Dai una lettura allart. 13 comma 5.


    Che ricordi io da comune a comune cambiano i regolamenti per la sola parte dell'ubicazione di certe attività, zone vincolate ad un uso specifico ecc.ecc. ma le leggi no anzi tutti i regolamenti comunali debbono osservare le leggi non cambiarle.
     
  13. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Che io sappia, le normative possono cambiare da comune a comune, per es. il Comune di san Lazzaro di Savena prescrive che la cucina non possa essere inferiore a 9 mq, mentre per il comune di Bologna non è così...

    In alcuni comuni, le superfici accessorie non vengono conteggiate, mentre in altri si, ecc.

    Silvana
     
  14. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sono d'accordo sul discorso riguardanti la priorità delle leggi nazionali.

    Suol resto, forse sto prendendo una cantonata, ma...

    Art. 10 (L) - Interventi subordinati a permesso di costruire
    (Legge n. 10 del 1977, art. 1; legge 28 febbraio 1985, n. 47, art. 25, comma 4)
    1. Costituiscono interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e sono subordinati a permesso di costruire:
    a) gli interventi di nuova costruzione;
    b) gli interventi di ristrutturazione urbanistica;
    c) gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso.

    Non leggo cifre...:basito:

    Art. 13.... comma 5 non esiste :shock: quindi niente cifre...

    Art. 137... niente cifre neanche qui:disappunto:

    Scusa ma o il 380/2011 che conosco io è quello di un'altra nazione o non ci capiamo...
    quindi... ripeto...

    Mi dai per favore l'articolo esatto dove si parla di 258 e 1033 euro?

    Grazie.
     
  15. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Vogliamo parlare del Piano Casa ?

    La legge è nazionale ma le delibere regionali hanno la priorità su quella nazionale, tanto è vero che in Emilia Romagna per la restrittività dei criteri introdotti dalla Regione sono state evase pochissimissime pratiche...
     
    A Much More piace questo elemento.
  16. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sì, hanno priorità se te lo permette la legge nazionale... ;)
     
  17. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ops scusa credevo che avessi capito che era sottointeso la legge 47/85 per gli articoli 10 e 13
    Dai una lettura dell'art.137 del D.P.R. 380/01 (norme che rimangono in vigore);
    Dai una lettura all'art. 10 comma 1 L.47/85 (Opere eseguite snza autorizzazione);
    Dai una lettura allart. 13 comma 5 L.47/85 (accertamento di conformità).


    si benissimo, la metratura di 9 mq e quella minima per considerare un vano abitabile che poi sia cucina o camera poco importa osserva comunque una norma nazionale uguale per tutti, che poi un'altro comune prenda come superficie minima di mq 14 per la cucina vuol dire che li danno una interpretazione che essendo la cucina usufruita da non meno di 2 persone allora danno per minimo questa metratura perche è quella minima dettata per le camere a due posti letto oppure quella minima prevista per il soggiorno, il quale è usufruito da più persone come per la cucina, (D.M. 05/07/1975 norme igienico sanitarie).


    Le delibere regionali e/o leggi regionali non sono prioritarie rispetto a quella nazionale ma solo complementari a quanto previsto da questa, solo che gli amministratori locali viste le caratteristiche territoriali possono solo apportare norme più restrittive ma sempre osservando le linee nazionali.
     
  18. giopis

    giopis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma è proprio questa società che io contesto caro amico..... Io nn sono la gente io sono io.... non ho mai chiesto niente a nessuno io, ho solo sempre pagato tutto e pago sempre tutto, anche ciò che nn uso.....se facessimo un conteggio di ciò che pago, direttamente ed indirettamente, di tasse e ciò che ne ricevo in cambio, in termini di servizi (sono un single), credo che lo stato dovrebbe risarcirmi alla grande. Io sono uno di quei cinquantenni "lavoratori flessibili" che hanno sempre lavorato a nero (e non per mia scelta o volontà), che non avrà mai una pensione, di quelli che si vedono in televisione a ballarò o l'infedele..... perchè esistono davvero!!! Io che non posso permettermi in una città come firenze d'avere una casa con abitabilità, non posso permettermi d'avere un mutuo, compro un magazzino senza agevolazioni fiscali, ci pago l'ICI, non posso avere il gas, pago le bollette ENEL salatissime, ecc. ecc. vi pare che voglio fare il furbo, speculare, risparmiare?
    Tralascia per un attimo il mio caso personale che è molto più articolato di quanto lo stia esponendo ma rifletti sul concetto.
    Voi parlate di abusivismo, costruzioni illecite, aumenti di volumetrie, interventi di ristrutturazione.... ma io nn faccio altro che mettere una piastra elettrica (per farci un uovo fritto), un lavello per lavare la padella e si magari dormirci, nel mio magazzino. Chiedetemi di rispettare uno standard di sicurezza, per me o per chi mi sta vicino, allora le cose cambiano, ma nn venitemi a dire che 2,50 metri d'altezza anzichè 2,80 o 22 metri quadri di superfice anzichè 28 possono bastare a rendere un locale nn abitabile. Il guaio di tutte le vostre leggi leggine, articoli e articoletti é che sono sempre generiche e lontane anni luce dalle realtà individuali..... e allora che si fa si eliminano??? Ma no per carità, il caos no.... Un suggerimento..... invece di rendere flessibile il lavoro, non si potrebbero rendere flessibili le leggi????
     
    A Much More piace questo elemento.
  19. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ok... tuttavia il Testo Unico parla di cifre più sostanziose, in pratica ho sempre visto applicato le cifre del T.U. con base 516€
     
  20. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    :shock:
    mi dipiace... ma non tralascio affatto.
    a parte che, come diceva Umberto Tozzi... "gli altri siamo noi" (e non la gente è la gente e io sono io)
    paghi tutto (gli altri siamo noi) o hai sempre lavorato "a nero" (la gente è la gente e io sono io)?:shock:
    IO pago TUTTO e non per mia scelta o volontà.:rabbia:... ma perchè siamo in una società che, volente o nolente, è così.
    Non ti piace la società... benissimo, ma potresti anche stare in un posto decisamente meno affollato che Firenze o con meno regole che l'Italia.
    Nelle società civili le regole servono. Sbagliate? Può darsi... ma senza c'è la legge del più forte, e non credo che "quelli che esistono davvero" vivrebbero meglio.
     
    A akaihp piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina