1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    spero di non sbagliare sezione, altrimenti ditemi dove è meglio che sposti il 3d...

    Sto informandomi un po' su assicurazioni casa che coprano anche il rischio terremoto (mi sono spostato a vivere da Milano a Udine, che ha un certo rischio sismico, e sto per comprare un appartamento qui). Volevo chiedervi se avete qualche consiglio in merito a assicurazioni affidabili e con un buon rapporto costo/protezione reale.
    Io per ora di assicurazioni con polizze che comprendono eventi catastrofici compresi i terremoti ho trovato Axa, Alleanza-Toro, Genertel (a un primo preventivo on line molto costosa, però) e un'assicurazione delle Poste Italiane ( http://www.postevita.it/Prodotti/Po...d/PProtezione Casa_DICEMBRE 2010 NO_FIRMA.pdf ) che ad un primo preventivo pare "sostenibile" (mi costerebbe sui 370 euro l'anno per un appartamento di 130 mq). Delle altre devo ancora fare i preventivi. Qualcuno di voi le conosce?

    Inoltre, mi è però venuto anche un dubbio: leggo qua e là che lo stato italiano risarcisce le abitazioni colpite da terremoto.
    Mi domando dunque (da perfetto ignorante in materia): ma se io ho un'assicurazione privata sul terremoto, non c'è rischio che l'assicurazione privata non paghi dicendo che deve pagare lo Stato, e lo Stato non paghi dicendo che sono già assicurato privatamente?
    Ovvio che non pretenda d'essere risarcito due volte (ci mancherebbe... e comunque credo che nemmeno in quel caso s'arriverebbe davvero a coprire i reali danni materiali di un evento catastrofico del genere); ma vorrei anche evitare la beffa di pagare per anni un'assicurazione (comunque non leggera, dai primi preventivi che ho fatto e cui accenno nell'altro 3d) per poi (facendo tutti gli scongiuri) in caso di terremoto vedermi trattare al pari di chi fino a quel momento non ha pagato nulla d'assicurazione, o paradossalmente persino peggio. Che ne pensate?
    Grazie in anticipo a tutti.
     
  2. Di norma chi garantisce i danni da terremoto non supera il 50% dell'importo del danno.
     
  3. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta.

    In effetti, la polizza delle Poste che citavo (che comprende anche incendio ecc. e costa, per una casa assicurata per 160.000 euro e contenuto per circa 50.000 euro, circa 370 euro) in caso di terremoto copre fino al 50% del valore assicurato (tanto per la casa quanto per il contenuto); la polizza ad esempio di Groupama (che però costa parecchio di più - per una casa assicurata per 250.000 euro si arriva a circa 700 euro di clausola aggiuntiva per il terremoto) arriva fino al 90%... (si parla della percentuale relativa al valore assicurato). Mi restano da analizzare le offerte di Lloyds (che si colloca a metà come costo tra le due citare) e quella di Alleanza-Toro.
    Qualcuno ne conosce altre? Avete dei consigli in merito?
     
  4. almada

    almada Membro Junior

    Privato Cittadino
    beh io sono assicurato gtel anche per il terremoto, considera che vivo a trieste in una casa da 55mq al quinto piano di uno stabile costruito circa nell'82 con tutela anche da terremoto e pago 177E all'anno, tutelato fino a 55000E con scoperto del 10% sul danno da evento sismico, e franchigia decrescente da 150 al primo anno su tutte le altre garanzie (contenuto, incendio etc etc), certo bisogna vedere la provincia di residenza e trieste non è considerata particolarmente "pericolosa", certo che udine avrà sicuramente un'altra tariffa, come per Perugia, l'Aquila, Bologna, etc etc..

    poi devi considerare quanto vale proteggere la tua casa anche da questi danni
     
    A svankmajer piace questo elemento.
  5. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio per la risposta.
    Ma per Gtel intendi Genertel? Perché io ho provato a fare un preventivo per coprire anche il rischio terremoto con loro, ma viene completamente sproporzionato rispetto agli altri (mentre gli altri erano tra i 400 e i 700 euro l'anno, quello di Genertel per la medesima casa era di 3000 euro l'anno... non so perché).
     
  6. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Lo stato non risarcirà più i danni da terremoto. L'evento che ci ha colpito in Emilia sarà l'ultimo ad avere un assistenza statale.

    Questo è uno dei tanti link che trattano l'argomento
    http://www.bergamosera.com/cms/?p=94086
     
  7. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio per l'informazione (e tralascio, per non andare OT, lo sdegno che mi suscita).

    Tornando in tema: confrontando le varie offerte, ho visto che ce ne sono alcune che coprono soprattutto in caso di danni sismici limitati (ad esempio quella delle Poste) ed altre che coprono soprattutto in caso di danni ingenti (Loyds italico).

    Per fare due esempio opposti: immaginando una casa assicurata per 250.000 euro, nel caso di danni per 50.000 euro, Poste coprirebbe 47.400 euro, Lloyds praticamente 0; al contrario, nel caso di danni per 250.000 euro, Poste coprirebbe solo 102.400, Lloyds 226.000 (calcoli un po' spannometrici, ma giusto per rendere l'idea).

    Da qui, mi è venuto il pensiero: e se uno si assicurasse con entrambe? Scegliendo poi, in caso di sinistro, a seconda dell'entità dello stesso a quale delle due assicurazioni chiedere copertura - penso infatti sia legale assicurarsi con più assicurazioni, a patto però di ricevere copertura, per ogni sinistro, solo da una di esse...
    Mi sbaglio?
    Grazie in anticipo a tutti.
     
  8. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ci vorrebbe un assicuratore, ma x quanto ne so io è possibile assicurarsi con 2 assicurazioni diverse per po stesso tipo di sinistro soltanto se lo comunichi ad entrambe le assicurazioni. Naturalmente, in tal caso, le assicurazioni possono rifiutare di assicurarti.
    Questo succedeva x altri tipi di sinistri (infortuni) e tanti anni fa: non so se è cambiata.........
     
    A svankmajer piace questo elemento.
  9. Non è possibile assicurare la parte di danni non coperti con un'altra polizza pena la decadenza anche del primo contratto.
    Esiste invece la possibilità di assicurare il danno con una franchigia fissa ad esempio di 10.000 euro, in pratica la Compagnia paga il danno meno la franchigia.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  10. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio della risposta.

    In realtà, il meccanismo non sarebbe tanto per coprire la parte di danni non coperti.

    Sarebbe solo che a seconda di quello che è il danno (se lieve o ingente), le due diverse assicurazioni hanno diverse franchigie. Quindi, una in caso di danni lievi copre quasi tutto, l'altra quasi niente; e viceversa in caso di danni ingenti.
    Mi domandavo se appunto ci fosse un modo per essere coperto sia da danni lievi che da danni ingenti. Per le assicurazioni non dovrebbe cambiare niente, anzi, tutto sommato per loro sarebbe meglio, perché se avessi danni lievi mi rivolgerei solo a quella che copre quelli, senza prendere i pochi soldi che darebbe l'altra; e viceversa se avessi danni ingenti.
    Possibile che, informando debitamente le due assicurazioni, la cosa non si possa fare? Ripeto, non parlo di prendere due rimborsi, ma solo di optare per rivolgersi all'una o all'altra assicurazione a seconda del tipo di sinistro subito...
     
  11. Ripeto che tecnicamente quello che tu chiedi è la copertura di una parte di danno no assicurata con la prima compagnia che vorresti fosse garantito dalla seconda e viceversa. Confermo che non è possibile. Ribadisco anche che è meglio cercare una polizza con franchigia fissa, nell'esempio di prima 250.000-10.000= 240.000.
    Anche se informi le compagnie ciò che conta è che ne contratto c'è scritto che la parte di danno non coperta (oltre il 50% della somma assicurata) o la franchigia per l'altra non possono essere assicurati presso altro assicuratore pena la decadenza del contratto.
     
  12. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio per la delucidazione.

    Però mi domando: ma a che serve un meccanismo del genere? Voglio dire: io avrei voluto pagare due assicurazioni. Così mi obbligano a pagarne una sola. E' solo un danno che il sistema assicurativo reca a se stesso... o sbaglio?

    Buono a sapersi, comunque, perché altrimenti in effetti io avrei chiesto la possibilità di farlo alle due assicurazioni e magari quelli m'avrebbero detto di farlo facendo un affarone, visto che per anni avrei pagato due premi mentre loro sarebbero stati nella certezza che mai né l'una né l'altra m'avrebbe restituito nulla...

    Grazie ancora.
     
  13. Purtroppo il discorso è molto più complesso, la cosa non è possibile per vincoli di codice civile e per i meccanismi di riassicurazione che le compagnie utilizzano per trasferire a loro volta parte dei rischi che assumono, oltre al fatto che scoperti e franchigie non possono essere assicurati con altra compagnia.
     
    A svankmajer piace questo elemento.
  14. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie ancora per la chiarezza.

    Approfitto per chiederti: sento dire che non è possibile assicurare un singolo appartamento all'interno di un condominio per terremoto, ma che occorrerebbe assicurare l'intero condominio; questo, mi dicono, perché le assicurazioni coprono un valore di ricostruzione e quindi non risarcirebbero se, poniamo, il condominio fosse raso al suolo e poi, per svariati motivi, non venisse ricostruito.

    Tuttavia, gli assicuratori cui io mi sono rivolto finora (Lloyd Italico, Groupama, Axa, Poste) non hanno avuto obiezioni al fatto che io assicurassi contro il terremoto solo il mio appartamento, anche se non è assicurato l'intero condominio.

    Cosa devo pensare? Non fanno obiezioni proprio perché pensano che per loro sia un motivo in più per non risarcire eventuali danni? Però penso che se fosse necessario assicurare per intero un condominio e non si coprisse un singolo appartamento questo dovrebbe essere scritto chiaramente nelle loro polizze, come invece non mi pare sia...

    Mi scuso se la domanda è troppo ingenua o malposta, non capisco nulla d'assicurazioni...
     
  15. Premetto che per rispondere dovrei conoscere la situazione attuale e per essa intendo se c'è assicurazione sul condominio, quali rischi copre e se è assicurato l'intero condominio oppure alcuni appartamenti sono esclusi. Detto ciò nessuna Compagnia assicura solo il rischio terremoto (di solito è un'estensione della polizza della casa). Se il tuo appartamento fosse compreso nella polizza del condomio dovresti chiedere all'amministratore di escluderlo dalla polizza (cosa abbastanza difficile) e poi procedere con la sottoscrizione di una nuova polizza che comprende anche il terremoto), oppure c'è un pagare 2 polizze (1 con il condominio ed 1 personale) comunicando all'assicuratore del condominio che ne esiste un'altra. In questo caso se ci dovesse essere un sinistro (non per terremoto) le 2 Compagnie concorrerebbero a pagare il danno calcolato sul capitale più alto (pago 2 assicurazioni ma ricevo un solo indennizzo), che è cosa diversa da assicurare franchigie o scoperti.
     
    A svankmajer piace questo elemento.
  16. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio.
    In realtà, c'è un'assicurazione condominiale, ma non copre il rischio terremoto. Quindi se dovessi fare una mia assicurazione sull'appartamento che copre anche il terremoto, dovrei comunicare alla mia assicurazione che esiste anche un'assicurazione condominiale (non sul rischio terremoto ma su quello incendio ecc.) e viceversa, corretto?
    Questo può portarmi problemi?
    Tra l'altro, ho provato a capire se mi era possibile assicurare per il terremoto l'appartamento con la stessa assicurazione del condominio (la Reale Mutua), ma mi hanno risposto che non è possibile...
     
  17. E' corretto. Nessun problema se si comunica ad entambe le Compagnie che esiste un'altra polizza, però pago 2 premi per avere solo un'assicurazione. Per quanto riguarda Reale Mutua come per le altre Compagnie in questo momento non si assume il rischio terremoto nelle aree colpite da sisma (Bologna, Ferrara, Modena, Mantova, Rovigo).
     
  18. svankmajer

    svankmajer Membro Junior

    Privato Cittadino
    Cioè, intendi dire che d'ora in poi non assicura più in quelle zone su quel rischio, oppure che non sta onorando le polizze che aveva già stipulato e che avrebbero dovuto risarcire danni sismici?

    A me in realtà avevano detto che non avevano una polizza con clausola antisismica dedicata ai singoli appartamenti e che se ne sarebbe potuto parlare solo come assicurazione condominiale, cosa però che richiede prima l'approvazione dell'assemblea condominiale e tempi dunque lunghi...

    Tra l'altro, ho chiesto a Reale Mutua se, visto che loro hanno l'assicurazione incendio, avrei potuto eventualmente non assicurare per l'incendio l'appartamento con la mia singola assicurazione, proprio per non pagare due premi per la stessa cosa, ma mi hanno sconsigliato di farlo, dicendo che la loro assicurazione copriva i danni condominiali mentre la mia avrebbe coperto i danni del singolo appartamento... da quello che mi dici, mi viene il dubbio che forse fosse solo un modo per provare a girare all'altra assicurazione i danni da incendio, o sono troppo sospettoso?
     
  19. La estensione al terremoto è riservata alla direzione della Compagnia, ed in questo momento per quanto ne so autorizza l'estensione a questo rischio nelle aree colpite da terremoto per 2 motivi:
    1. I contratti assicurativi si basano sull'alea (la probabilità che un evento accada). In questo momento l'alea viene meno perchè c'è la certezza che il fenomeno accada.
    2. Assumere questo tipo di rischi in questo momento vorrebbe dire prendersi sicuramente dei "chiodi", intendendo che più di uno ci prova ad assicurare fabbricati già lesionati, sperando che la Compagnia non se ne accorga.
    Questo non significa che non assumeranno più o non stanno onorando i contratti ( per esempio Reale ha una stima di danni da pagare di alcune centinaia di milioni), semplicemente si riprenderà ad assicurare quando si avrà la certezza" che il fenomeno in corso sarà terminato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina