• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pietteoz

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera a tutti,
Vi pongo un quesito per il quale mi sto scervellando.
Sono proprietario di un immobile e l'attuale inquilino é intenzionato a comprarlo, cosa a me gradita.
Vi scrivo con cifre tonde per semplificare la questione:
Abbiamo pattuito 90mila euro di valore ma lui chiede ad un broker (non alla banca) un mutuo per 140mila euro in quanto gli servono liquidi per fare lavori interni. Il broker concede i 140mila, la banca arriva a 90mila e decide quindi la strada del broker finanziario.
La proposta di quest'ultimo é di andare dal suo notaio e, dopo aver emesso l'atto con assegno circolare in mio favore (per 140mila) , dovrei io pagare notaio e broker (con assegno postdatati per circa 10mila euro totali) e poi ritornare all'attuale inquilino la differenza che a lui serve per fare dei lavori interni.
Quindi, ricapitolando:
Incasso 140mila, pago notaio e broker per 10mila (a sua detta solo con assegno post datato il giorno dell'atto dal suo notaio), ritorno all'ormai ex inquilino i 30mila (da capire come...) e io mi tengo i 90mila pattuiti per il valore dell'immobile.

A parte le mille stranezze, considero la parte di "aiuto" al mio inquilino che con la banca non riesce ad avere la cifra che gli serve e con il borker si....

Ma detto questo, credo sia una prassi contorta, forse poco legale e magari che mi si ritorca contro poi in qualche modo.

Chiedo un vostro parere essendo io poco o nulla esperto in materia.
Di mio, sto fermando tutto perché non voglio nessun rischio di nessun tipo.
Io che vendo devo rischiare, fare favori e preoccuparmi per ogni step? Direi di no...

Grazie molte per la vostra collaborazione!
 

D3rivato

Membro Attivo
Mediatore Creditizio
Dubito che il broker ottenga quei soldi dalla banca. Non ti infilare in un ginepraio. Se l'acquirente non ha i soldi evita di incasinarti la vita con salti mortali
 

Slartibartfast

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Sono modalità che vengono attuate in casi come questi di solito per coprire costo della casa e delle spese accessorie. Avere un disavanzo di 40.000 mi sembra un po' troppo. Diciamo che concorreresti insieme al broker e all'acquirente a truffare la banca. Se va tutto bene siamo tutti amici, se va tutto male...
 

D3rivato

Membro Attivo
Mediatore Creditizio
Esistono 2 modi per fare le cose, uno semplice cristallino e tranquillo, un altro incasinato illegale ed incerto. Detto questo meglio vendere tra un anno ed in maniera positiva, che subito ed incasinarti la vita. Tanto l'unico che ci guadagna è il broker se non lo avessi capito
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buonasera a tutti,
Vi pongo un quesito per il quale mi sto scervellando.
Sono proprietario di un immobile e l'attuale inquilino é intenzionato a comprarlo, cosa a me gradita.
Vi scrivo con cifre tonde per semplificare la questione:
Abbiamo pattuito 90mila euro di valore ma lui chiede ad un broker (non alla banca) un mutuo per 140mila euro in quanto gli servono liquidi per fare lavori interni. Il broker concede i 140mila, la banca arriva a 90mila e decide quindi la strada del broker finanziario.
La proposta di quest'ultimo é di andare dal suo notaio e, dopo aver emesso l'atto con assegno circolare in mio favore (per 140mila) , dovrei io pagare notaio e broker (con assegno postdatati per circa 10mila euro totali) e poi ritornare all'attuale inquilino la differenza che a lui serve per fare dei lavori interni.
Quindi, ricapitolando:
Incasso 140mila, pago notaio e broker per 10mila (a sua detta solo con assegno post datato il giorno dell'atto dal suo notaio), ritorno all'ormai ex inquilino i 30mila (da capire come...) e io mi tengo i 90mila pattuiti per il valore dell'immobile.

A parte le mille stranezze, considero la parte di "aiuto" al mio inquilino che con la banca non riesce ad avere la cifra che gli serve e con il borker si....

Ma detto questo, credo sia una prassi contorta, forse poco legale e magari che mi si ritorca contro poi in qualche modo.

Chiedo un vostro parere essendo io poco o nulla esperto in materia.
Di mio, sto fermando tutto perché non voglio nessun rischio di nessun tipo.
Io che vendo devo rischiare, fare favori e preoccuparmi per ogni step? Direi di no...

Grazie molte per la vostra collaborazione!
Come dico sempre in questi casi: associazione a delinquere finalizzata alla truffa, da tre a sette anni di reclusione. E' facile "firmare un foglio", trasmettere del denaro, dichiarare qualcosa nell'atto (semplicmente firmandolo) ed esserne coinvolti, so che sembrano parole altisonanti, ma è esattamente quello che si commette, perchè sicuramente circolerà qualche foglio fasullo sulla compravendita ed una perizia gonfiata
 

eurocredit

Nuovo Iscritto
Mediatore Creditizio
Buonasera a tutti,
Vi pongo un quesito per il quale mi sto scervellando.
Sono proprietario di un immobile e l'attuale inquilino é intenzionato a comprarlo, cosa a me gradita.
Vi scrivo con cifre tonde per semplificare la questione:
Abbiamo pattuito 90mila euro di valore ma lui chiede ad un broker (non alla banca) un mutuo per 140mila euro in quanto gli servono liquidi per fare lavori interni. Il broker concede i 140mila, la banca arriva a 90mila e decide quindi la strada del broker finanziario.
La proposta di quest'ultimo é di andare dal suo notaio e, dopo aver emesso l'atto con assegno circolare in mio favore (per 140mila) , dovrei io pagare notaio e broker (con assegno postdatati per circa 10mila euro totali) e poi ritornare all'attuale inquilino la differenza che a lui serve per fare dei lavori interni.
Quindi, ricapitolando:
Incasso 140mila, pago notaio e broker per 10mila (a sua detta solo con assegno post datato il giorno dell'atto dal suo notaio), ritorno all'ormai ex inquilino i 30mila (da capire come...) e io mi tengo i 90mila pattuiti per il valore dell'immobile.

A parte le mille stranezze, considero la parte di "aiuto" al mio inquilino che con la banca non riesce ad avere la cifra che gli serve e con il borker si....

Ma detto questo, credo sia una prassi contorta, forse poco legale e magari che mi si ritorca contro poi in qualche modo.

Chiedo un vostro parere essendo io poco o nulla esperto in materia.
Di mio, sto fermando tutto perché non voglio nessun rischio di nessun tipo.
Io che vendo devo rischiare, fare favori e preoccuparmi per ogni step? Direi di no...

Grazie molte per la vostra collaborazione!
Buongiorno , leggendo la sua mail mi vengono in mente gli anni d'oro (ironicamente d'oro) , anni 2006/2007/2008 ,anni nei quali io ero gia broker del credito e le banche dovevano muoversi nella direzione imposta dai colossi americani che imponevano grandi gruppi bancari e quindi si correva alle fusioni italie , vedi unicredit/bancoRoma, Intesa/Cariplo ecc ecc. In questa corsa all'oro , gli istituti imponevano erogazione mutui all eccesso , per rimpinzare i conti delle banche di dati positivi ante fusione . Di conseguenza noi broker si sguazzava in pratiche molto simili a quella che sottopone lei,,,risultato? un oceano di case finite all asta per inadempienza di clienti incapaci a pagare mutui oltre le proprie possibilità. Cosa c entra con al sua domanda? c entra eccome: al di la della ristrutturazione che voglio ben credere che sia necessaria (dubito, molte volte dietro la parola ristrutturazione si cela la parola ''liquidità'') , al di la della liquidità in piu che voglio capire come giustifica se un domani ''qualcuno'' le chiede per caso come mai ha venduto un bene a x e pero ha resitutito y ....al di la del notaio che dovrebbe chiudere occhi mani e orecchie.....al di la di tutto ....ma un cliente che per comprare un immobile a x....ha bisogno di x + y + z ....quanto potà andare avanti a pagare? quindi anche a lei venditore, le consiglio di affidare l acquirente a un broker proefssionista e professionale che dica consigli adeguati e a rispetto di leggi come antiriciclaggio e antifrode che penso il broker in questione ad oggi conosce poco :) .Poi se la pratica è sostenibile, noi in questi casi proponiamo mutuo acquisto + ristrutturazione che permette al cliente di avere il prodotto giusto (se è questo il caso) , ovviamente previa analisi reddituale del richiedente stesso. Spero sia tutto chiaro e rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento .
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Non c'è problema.
Noi moderatori siamo qua anche per questo.:)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto