1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    Salve come viene calcolata la disponibile(data per testamento ad un figlio) se il de cuius lascia moglie e tre figli quest'ultima usufruttuaria(73 anni) dell'appartmento grazie.
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    1/4 di quello che va in successione
     
  3. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    Scusami ma l'usufruttuaria non ha già il 33%..
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Della quota che rientra in successione, 1/4 è la disponibile cioè quello che il testatore può dare a chi vuole su cui grava il dritto di abitazione del coniuge, l'altro quarto è la legittima del coniuge, gli altri 2/4 è la legittima per i figli da dividersi in parti uguali per quanti sono.

    Ciao salves
     
    A rubens piace questo elemento.
  5. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    Scusami Salves anche se in vita alla moglie gli ha lasciato l'usufrutto.
     
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Il diritto di abitazione, parte legittima della moglie non è altro che un usufrutto appena ristretto, quindi a questa manca il quarto della piena proprietà, fai tu le considerazioni.

    In ogni caso per legge la quota disponibile è sempre di 1/4 di piena proprietà su cui grava il diritto di abitazione del coniuge.

    Ciao salves
     
    A rubens piace questo elemento.
  7. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    Grazie Sales saluti...................
     
  8. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se è stato dato per testamento l'usufrutto alla moglie, questo è a carico della disponibile.
    La disponibile sarà : 1/4 - il valore dell'usufrutto.
     
  9. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    No è stato dato in vita per donazione...
     
  10. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se non è stata esclusa la dispenza a collazione nella donazione, l'usufrutto rientra nella massa ereditaria.
    Cioè un erede può chiedere la collazione, cioè il calcolo delle donazioni in vita e conteggiare nuovamente la massa ereditaria.
    L'usufrutto vale abbastanza : va visto se c'è dispensa a collazione. Se non c'è, tuo padre ha danneggiato tua madre.
    Vai a leggere l'atto di donazione.

    Ma c'è o non c'è un testamento ? Senza testamento è una seccessione leggittima e bisogna solo verificare se sono stete lese le quote degli eredi leggittimari, che è tutt'altra cosa.

    Ti prego fai un racconto più preciso : testamento si o no ?
     
  11. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    Si c'è un testamento della disponibile a favore di un figlio
     
  12. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Scusami mi ero dimenticato che lo avevi scritto in apertura. Allora il punto è calcolare questa quota disponibile.
    Va preso l'atto di donazione e leggerlo se vi è la frase di rinuncia alla collazione.
    Va visto il valore dell'usufrutto secondo la tabella della agenzia delle entrate. Possiamo avere due casi :
    Nella donazione vi è scritto : rinunzia alla collazione.
    In questo caso si deve solo vedere se il valore dell'usufrutto lede la quote legittime, e quindi tua madre deve restituire parte del valore dell'usufrutto.
    Se nella donazione non vi è scritto : rinuncia alla collazione, in questo caso il valore dell'usufrutto va considerato nella massa ereditaria, e quindi dedotto dalla quota di tua madre.
    Spero di esere stato chiaro. Ma vedi se nell'atto di donazione vi è questa frase : rinunzia alla collazione o qualcosa che parla di collazione e quote legittime.
    Fatto questo ,il calcolo è facile.
     
    A rubens piace questo elemento.
  13. rubens

    rubens Membro Attivo

    Altro Professionista
    No non c'è scritto nulla quindi.... non è in conto della disponibile???
     
  14. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Mi baso sulle più recenti norma che danno il diritto di abitazione alla vedova che è diverso dall'usufrutto.
    La vostra situazione ha delle particolarità che vorrei studiare meglio.
    Il principio generale dovrebbe essere il segunete.
    Si valuta l'usufrutto e si aggiunge alla massa dei beni ereditati e questa è la massa da dividere così :
    1/4 alla moglie ( che ha già ricevuto l'usufrutto : può rinunziarvi in quanto comunque adesso può avere il diritto di abitazione ?)
    1/2 ai figli da dividere in parti uguali ( 3 figli)
    1/4 la quota disponibile ( che va al figlio del testamento )

    La madre ha il "diritto di abitazione" per cui può restare a vivere nella casa. Ma non è usufruttuaria. Nel giorno che non abitasse personalmente la casa perde il diritto di abitazione.

    Questa è l'interpretazione più recente della norma. Ma essendvari modi di considerare e porgere i calcoli, debbo studiarla meglio ma mi servirebbe capire quale è il tuo interesse : diminuire il valore della disponibile o no ? Sei cioè il figlio che ha disponibile ?

    L'IMU comunque deve pagarlo tua madre.

    Tutto ciò se la casa era solo di tuo padre e non in comunione di beni con tua madre.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina