1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La Cassazione non ammette forme di punizione esemplare, come quelle di "pubblica gogna", che consistono nel rendere noti i nomi di eventuali morosi. Tanto più se per farlo si pensa bene di affiggere un cartello (minatorio) visibile a chiunque varchi la soglia del portone condominiale, estranei al condominio inclusi.
    Il rischio per l'amministratore è quello di incappare in una bella sanzione per reato di diffamazione.

    La Quinta sezione penale della Cassazione ha infatti convalidato una condanna, del Tribunale di Messina, per diffamazione nei confronti di un amministratore condominiale , Pietro A., ritenuto colpevole di avere offeso la reputazione di un condomino. L'amministratore aveva appeso, nella bacheca degli avvisi condominiali, una nota in cui minacciava l'imminente distacco della fornitura idrica, per via della presunta "persistenza del debito" di alcuni condomini, i cui nomi erano elencati chiaramente.

    Secondo gli ermellini "integra il delitto di diffamazione il comunicato, redatto all'esito di un'assemblea condominiale, qualora sia affisso in un luogo accessibile non gia' ai soli condomini dell'edificio per i quali puo' sussistere un interesse giuridicamente apprezzabile alla conoscenza di tali fatti - ma ad un numero indeterminato di altri soggetti".

    I giudici della Suprema Corte fanno anche notare che "se davvero la prospettiva dell'amministratore fosse stata quella dell'informazione celere rispetto all'imminente interruzione del servizio, attraverso modalità comunicative potenzialmente percepibili da terzi estranei al condominio, egli avrebbe dovuto calibrare il contenuto dell'informazione a tale esigenza, evitando di menzionare anche l'identità dei condomini morosi".

    Fonte: (StudioCataldi.it)
     
    A Limpida piace questo elemento.
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Sinceramente sono molto d'accordo.
     
  3. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Io vedo la diffamazione.
    La morosità del condomino riguarda esclusivamnete gli altri condomini e, quindi, è materia della sola assemblea con le opportune tempistiche o di lettere dell'amministratore al condomino moroso. Esclusi i terzi-estranei.
    Non so neanche se l'amministratore abbia il diritto di sospendere la erogazione dell'acqua : mi sembra una forma di giustizia in-proprio.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  4. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Un amministratore di condominio non puo' staccare un bel nulla, neppure gli enti erogatori possono farlo in quanto si tratta di servizi essenziali, possono solo limitarne l'erogazione, ma non staccarla.
    Visto che comunque cio' lo possono fare solo gli enti erogatori, l'amministratore non puo' fare niente se non indicarne i nomi nel resoconto RISERVATO ai condomini e procedere secondo le vie legali per recuperare i crediti. Agli altri condomini, "obtorto collo" pagare le quote dei morosi (se non vogliono vedersi staccare la fornitura totale) fino al recupero del credito che verra' poi stornato. Ce la faranno? Forse non in questa vita, ma e' l'unica possibilita' "legale".
     
    A H&F piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina