• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Annagrazia

Membro Junior
Privato Cittadino
ciao a tutti vi spiego la mia situazione
nel mese di ottobre 2o19 faccio una proposta per l'acquisto di un appartamento con la formula rent to buy la proposta viene accettata. Una settimana prima del preliminare mi contatta il venditore dicendomi che al posto del rent to buy preferiva fare in classico preliminare e dopo 18 mesi seguiva l'atto di vendita , accetto .
informo l'agenzia e nn solleva alcun problema lasciando intatto e non cambiando la formula contrattuale .
mi accordo con l'agente immobiliare che avrei procceduto al pagamebto dopo la firma dell'atto di vendita ed accetta . ( senza nulla di scritto )
mi chiama un responsabile dicendo che se nn provvedo al pagameto emettono un decreto ingiuntivo .
premetto che quando c'è stato il preliminare dal notaio lo stesso notiaio nell'atto nn ha messo nessuna data in merito al pagamento .
Non so come proseguire secondo voi il contratto è nullo ? è bene che metta un legale per farmi seguire ?
grazie a chi mi risponde .
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
Senza accordi scritti ha ragione l'agenzia
1 gli accordi si fanno sempre per iscritto
2 se non rogiti mai non paghi mai?
3 l'agenzia il suo lavoro lo ha fatto anche se non arrivi poi al rogito, cosa molto probabile
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
informo l'agenzia e nn solleva alcun problema lasciando intatto e non cambiando la formula contrattuale .
E come pensavate di portare avanti una promessa di vendita normale, avendo sottoscritto una promessa di rent to bay ?
Immagino che il notaio, presso il quale scrivi di aver stipulato il contratto preliminare, abbia cambiato la forma contrattuale; ma senza leggere quanto firmato è difficile capire, anche per l'uso improprio della terminologia usata.
quando c'è stato il preliminare dal notaio lo stesso notiaio nell'atto nn ha messo nessuna data in merito al pagamento .
Il notaio ha predisposto un contratto tra te e il venditore; non c'era motivo di inserire date per il pagamento delle provvigioni.
Non so come proseguire secondo voi il contratto è nullo ?
Quale contratto ?
Quello tra te e il venditore è regolare (dovrebbe proprio, visto che l'ha preparato il notaio).
quello tra te e l'agente perché dovrebbe essere nullo ?
L'errore è stato di non pattuire nulla a proposito del compenso, quando da rent to buy siete passati ad una promessa di vendita "normale".
Ora , con un preliminare di compravendita "normale" , è corretto che l'agente abbia maturato le sue provvigioni, e tu le debba pagare.
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
E' inutile che "metti un legale", l'agente ha diritto a percepirte la provvigione pattuita alla fima del preliminare di vendita, quindi: paga.
Il contratto non è nullo.

Il fatto che il notaio non abbia messo nel preliminare una data per il pagamento dell'agenzia è ininfluente (non è compito del notaio stabilire accordi in merito al pagamento della provvigione all'agenzia), anzi al notaio non gliene può fregare una beata mi....a di quando e quanto pagherai.
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
@Annagrazia manco hai stipulato il contratto che ti sei pentita e cerchi un cavillo? Vabbè che statisticamente non si arriva quasi mai al rogito, ma tu scrivi un libro sui pentiti 😍😍😜😜🤣😂
 

RobertodaBangkok

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Secondo me avete fatto confusione..a parte la formula orginaria dove posso capire l accordo di pagare all atto...in fondo nemmen io mi preoccuperei di percepire la medizione dopo 18 mesi..arrivera'...MA quando avete ricondotto tutto nei termini di una compravendita "ordinaria" c'e' stato l equivoco. Fossero tre mesi nessun direbbe nulla..ma 18 sono un po tanti. Non certo per il titolare MA dire all acquisitore e al venditore che hanno seguito la trattativa che la loro percentuale verra' pagata 18 mesi dopo..e' un po troppo. Non cambia nulla, per la carita, se avessi a che fare con personale che muore per 2000 euro posticipati , li troverei non consoni al mio stile..PERO' per principio sarebbe giusto pagarli . Per essere eleganti direi..versa al titolare almeno le somme dovute ai funzionari ed il resto all atto. IO personalmente ho concesso, in rari casi e per validi motivi li pagamento della parcella al rogito, disponendo pero' che i funzionari si vedessero accreditare le loro spettanze alla data del preliminare. Del resto.."Sedere sulla poltrona di pelle, comporta i suoi rischi"...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Sai quella storia che usiamo solo il 20% del nostro cervello? [...] Con questa ne usi solo il 2%...
Salve a tutti, mi sono appena iscritto, non ho mai usato un forum in vita mia, quindi vi chiedo di perdonare qualche mio errore iniziale e di supportarmi nell'utilizzo.
Mi chiamo Simone Troisi, ho un agenzia immobiliare a Cava dè Tirreni in provincia di Salerno
L'immobiliare è la mia passione principale in tutte le sue forme... dai citofoni per il porta a porta, agli aspetti più tecnici come l'asset management.
Alto