1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. CopaX

    CopaX Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno. Spiego la mia situazione, sono proprietario di un immobile che vorrei dare in locazione ad una persona che sullo stesso eserciterebbe attività di affittacamere.
    Ho fatto alcune verifiche in giro ma sono alla disperata ricerche di conferme.

    Anzitutto, trattandosi di immobile in Roma, considerato il Regolamento Regionale Lazio e la L 392/78, il contratto da stipulare sarebbe un contratto di locazione ad uso commerciale di 9+9. Corretto ?

    Nel suddetto contratto è necessario e opportuno indicare che verrà esercitata attività di "affittacamere" ?

    Generalmente, che cautele devo prendere nella stipula del contratto in qualità di proprietario ?

    Grazie
     
  2. gagarin

    gagarin Membro Junior

    Amministratore di Condominio
    Salve, ti rispondo per esperienza diretta avendo a Roma un appartamento appena affittato ad uso affittacamere.
    1 - Il contratto sarà 9+9 solo se il conduttore esercita la professione di affittacamere, cioè ha la partita IVA (che diventa obbligatoria in presenza di oltre tre immobili adibiti ad affittacamere) e la sua, quindi, è un'attività commerciale, altrimenti sarà un normale 4+4 anche, volendo, con cedolare secca. Personalmente, visti i vincoli del 9+9, io non l'affitterei.
    2 - Nel contratto è obbligatorio scrivere che si autorizza la specifica attività ("a carattere non professionale", se così fosse) .
    3 - Non ci sono cautele particolari, salvo piccole specifiche (per esempio, se ci sono condizionatori, specificare che non rientrano nel contratto e che la manutenzione ordinaria e straordinaria sarà a carico del conduttore; etc... Ogni immobile ha le sue peculiarità: nel mio caso la stessa specifica è stata fatta per il boiler dell'acqua calda, dato che il riscaldamento è centralizzato). Ti consiglierei di specificare che TUTTE le spese condominiali ordinarie sono a carico del conduttore...
    Sia io sia il conduttore, non abbiamo avuto alcun problema nè dalla Regione nè dall'Agenzia delle "Uscite" (come la chiamo io...).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina