1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag:
  1. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    se qualcuno mi può aiutare per piacere dopo aver acquistato una abitazione nel parco del vesuvio mi sono accorta che una pertinenza di circa 20 mq. non esite sull'atto di acquisto del notaio e il comune non si trova l'abitazione l'aerofotogrammetria del feb. 1968 dice che esiste questa pertinenza se qualcuno mi può aiutare ringrazio tutti .
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao antonellapane
    Fammi capire in comune non trovi il progetto?
    Nel rogito non è menzionato questo locale di 20 mq in che senso?
    Hai provveduto a farti rilasciare dall'Ag. del territorio una planimetria catastale?
    Facci sapere
    Ciao salves
     
  3. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    nell'acquisto di questo immobile ho dovutoanche fare un mutuo solo sulla perizia dell'architetto della banca risulta questa depandance . sono andata anche all'agenzia del territorio ma non risulta per niente accatastato tutto il plesso ho quindi provveduto con il geometra accatastamento case fantasma ma non abbiamo traccia di questo deposito attrezzi se non da una foto aereofotogrammetria alisud del feb. 1968 .
     
  4. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    A questo punto, visto che dal rilievo aerofotogrammentrico risulta e dagli atti comunali e dell'ADT, non risulta nulla, allora con il tuo geom., puoi fare un nuovo accatastamento, particellare per passare al fabbricato, così da sistemare tutta la situazione e portarla al reale... questo comporterà (forse e non sicuramente) un aumento del valore veniale dell'immobile (se ad uso abitativo) con pagamento del costo di costruzione aggiuntivo, mentre non comporterà nessun aggravio se mantiene la sua destinazione a deposito...
     
  5. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    problemi siamo nel parco del vesuvio vincoli e zona rossa ! il comune non accetta anzi non ne vuole sapere
     
  6. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Che vi erano vincoli non avevo dubbi, ma che si opponessero a situazioni già esistenti, mi sembra strano ...
    A questo punto opterei per due soluzioni, la prima di parlare con il notaio, indicando che vi è un errore in atto pubblico (rogito) per difformità catastale dal reale e sentirei cosa dice (ciò porterebbe ad un annullamento se si impugnasse la situazione); l'altra sentirei il comune per trovare una soluzione ad un "fabbricato" esistente al momento del tuo acquisto ...
    Penso che se riesci, con il tuo tecnico, a far comprendere che da parte tua esiste la buona fede per sistemare la situazione che hai trovato anomala, c'è la dovresti fare ...:confuso:
     
  7. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    con il notaio hoprovato ad un atto ricognitorio ed il notaio si è rifiutato nel frattempo il venditore è morto come contorno c'è il ripristino da parte del comune non ne vuole sapere
     
  8. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    casi analoghi per la mia zona ?
     
  9. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Mi sorge strano che il notaio (che tra l'altro deve fare il tuo interesse d'acquirente) si rifiuti, forse perché si è accorto dell'errore ... visto la mancanza della parte venditrice, e dell'impuntamento del Comune (con tutte le ragioni che si possono dare, se realmente questo rientra come opera abusiva), allora mi consulterei con un legale di fiducia per capire come agire ...:triste:
     
  10. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    la mia domanda è esattamente che valore ha anche in altri casi una aerofotogrammetria !
     
  11. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Il rilievo aerofotogrammetrico, fatto dai tecnico dell'ADT, ha pieno valore dimostrativo di ciò che è presente sul territorio e da qui il comune/i verificano se esistono richieste autorizzative ... in caso di mancanza, allora partono le verifiche e relative sanzioni ...
     
    A acerasari piace questo elemento.
  12. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Occorre pure dire che nell'aerofotogrammetria non si evince la cubatura dell'immobile ossia l'aeofotogrammetria e pur sempre un documento bidimensionale.
    Quindi un immobile che ha altezza di ml 3 o ml 4 o ml 5 dall'aerofotogrammetria il fabbricato è rappresentato allo stesso modo per cui non si evince la cubatura esistente che può essere contestata rispetto a quella che poteva essere in essere.
     
    A acerasari piace questo elemento.
  13. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Giusto Salves, ma in questo caso, la notizia che serviva al richiedente era se da questo rilievo, si possa far ricorso per convalidare che il fabbricato oggetto del contenzioso era esistente prima del suo acquisto...ma se realmente è questo il fine della domanda, bisogna fare attenzione a che data risale la fotografia...
     
  14. richy149

    richy149 Membro Attivo

    Altro Professionista
    ciao antonella, per quanto riguarda la possibilità di sanare la pertinenza, purtroppo ha ragione il Comune. Infatti, in base ad una sentenza del Consiglio di Stato, per sanare una costruzione si tiene conto della normativa esistente al momento della domanda e non dell'epoca di costruzione dell'immobile. Quindi, il Comune non nè vuole sapere perchè saprà già che la Soprintendenza (o l'Ente Parco) negherà la sanatoria.
    Per quanto riguarda il notaio, non ha sbagliato a fare l'atto, visto che al momento della stipula, la pertinenza non esisteva ufficialmente da nessuna parte. Ossia non c'era negli elaborati grafici presenti in Comune e nemmero nelle planimetrie catastali, quindi come faceva a descriverla nell'atto? Tenendo presente che non può fare un atto avente per oggetto immobili abusi.
    Probabilmente potrà integrare l'atto, affermando che oggetto della compravendita era anche la pertinenza ma prima devi:
    1) ottenere le autorizzazioni del Comune e del Ente Parco
    2) fare la denuncia Docfa con inserita la pertinenza.

    Ti riporto un estratto di una sentenza del TAR della Sardegna del 21.11.2011 che richiama la sentenza del CdS:
    In sede di rilascio della concessione edilizia in sanatoria l'obbligo di acquisire il parere da parte dell'autorità preposta alla tutela del vincolo sussiste anche per le opere realizzate anteriormente all'imposizione del vincolo stesso.
    Pertanto, il giudizio di compatibilità paesistica dev’essere fatto tenendo conto dalla disciplina normativa vigente al momento della pronuncia in quanto la disposizione di portata generale di cui all'art. 32, primo comma, della legge 47 del 1985 relativa ai vincoli che appongono limiti all'edificazione, non reca alcuna deroga al principio di legalità che impone l'esplicazione della funzione amministrativa secondo la norma vigente al tempo in cui la funzione si esplica ("tempus regit actum").
    In proposito l'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con decisione n. 20 del 22.07.1999, ribadita dalla successiva giurisprudenza (cfr. da ultimo TAR Lazio, Sez. II, 15.06.2011 n. 5309) ha avuto modo di chiarire che in sede di rilascio della concessione edilizia in sanatoria l'obbligo di acquisire il parere da parte dell'autorità preposta alla tutela del vincolo sussiste anche per le opere realizzate anteriormente all'imposizione del vincolo stesso. A tale conclusione l'Adunanza Plenaria è pervenuta nella considerazione che "in mancanza di indicazioni univoche desumibili dal dato normativo" alla questione di cui sopra non può che darsi una soluzione "alla stregua dei principi generali in materia di azione amministrativa, tenuto conto della valenza attribuita dall'ordinamento agli interessi coinvolti nell'applicazione della disposizione legislativa di cui si tratta"; conseguentemente, "la Pubblica Amministrazione, sulla quale incombe più pressante l'obbligo di osservare la legge, deve necessariamente tener conto, nel momento in cui provvede, della norma vigente e delle qualificazioni giuridiche che essa impone".
    Tali principi, come detto, sono pienamente condivisi dal Tribunale, ribadendosi, pertanto, che il giudizio di compatibilità paesistica dev’essere fatto tenendo conto dalla disciplina normativa vigente al momento della pronuncia in quanto la disposizione di portata generale di cui all'art. 32, primo comma, della legge 47 del 1985 relativa ai vincoli che appongono limiti all'edificazione, non reca alcuna deroga al principio di legalità che impone l'esplicazione della funzione amministrativa secondo la norma vigente al tempo in cui la funzione si esplica ("tempus regit actum") (TAR Sardegna, Sez. II, sentenza 25.11.2011 n. 1130).
     
  15. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista


    Sei Sicuro... non sarei così convinto ...:occhi_al_cielo:



    È proprio qui l'oggetto del contenzioso... il comune non vuole saperne ...

    Il tutto non si riconduce ad un occultazione della parte venditrice?...o no???:confuso:
     
  16. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    chiedo scusa cos'è la docfa?
     
  17. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    da wikipedia

    DOCFA (DOcumenti Catasto FAbbricati) è una procedura informatica di aggiornamento degli archivi catastali e per la compilazione e presentazione agli uffici tecnici erariali del modello di "Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana". Con tale modello si possono presentare al Catasto:
    • Nuovi accatastamenti (dichiarazione rese per edificazione di nuovi fabbricati o ricostruzioni ex novo o ampliamenti);
    • Variazioni catastali di edifici esistenti (quali destinazioni d'uso, divisione, frazionamenti, ampliamenti, ristrutturazioni ed altre variazioni);
    • Denunce di unità afferenti ad enti urbani.
    Il pacchetto software Docfa e' stato realizzato sulla base della Nuova Normativa catastale (decreto Legge 23/1/1993 n. 18 convertito con modificazioni nella Legge n. 75 del 24/3/1993, art. 2 comma 1 septies) ad opera della Sogei per conto del Ministero delle Finanze italiano che ne detiene l'esclusiva proprietà. Essa è fornita ad uso gratuito agli ordini professionali (Agrotecnico, Architetto, dott. Agronomo o Forestale, Geometra, Ingegnere, Perito Agrario e Perito Edile) all'unico fine dell'impiego, da parte dei loro iscritti, per la compilazione delle Domande di Accatastamento e delle Denuncie di Variazione da fornire alle Agenzie del Territorio (ex U.T.E.). Con la circolare 4 del 29/10/2009 è stata adottata la versione 4.0 del Docfa (con alcune varianti rispetto alla versione precedente, come la scansione delle planimetrie nell'invio telematico dei file), che può essere "scaricata" dal sito ufficiale dell'Agenzia del Territorio.
     
  18. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    tenuto conto che ho provveduto ad accatastamento case fantasma dopo che il comune ha effettuato acc. non sò più a chi santo rivolgermi per chè il problema da parte del comune è la aerofotogrammetria non riconosciuta.
     
  19. antonellapane

    antonellapane Membro Junior

    Privato Cittadino
    carissimo architetto la commissione edilizia del comune mi ha rilasciato autoriz.previo parere della sovraint.che non lo dico nemmeno ha detto no.
     
  20. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Fammi capire il comune ha dato autorizzazione previo parere sopintendenza e la soprintendenza non ha dato parere oppure ha detto no?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina