1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    ho comprato un immobile.
    All'atto la relazione tecnica viene fatta dal professionista fiduciario di parte venditrice come uso fare.
    Questi dichiara che è un immobile destinato a civile abitazione, ex rurale.
    Orbene, dopo 3 anni dall'acquisto il Comune mi notifica una richiesta di oneri verdi per euro 40.000 euro in quanto l'immobile è stato deruralizzato solo 5 giorni prima del rogito e, comunque sia, dal punto di vista urbanistico l'immobile era la classica casa dell'imprenditore agricolo e pertanto non civile abitazione.
    Ho opposto che il mio immobile era ante 1942 ma hanno ribattuto che non ciò non cambia la sostanza: la Toscana e il comune in questione hanno invididuato a mezzo di leggi e regolamenti locali che, qualora un proprietario svolga lavori e chieda mediante dia o scia lavori eccedenti la straordinaria manuntenzione(come ho fatto io dopo l'acquisto), egli deve altresì dimostrare che quell'immobile sia sempre destinato ad attività agricola. E non lo è di certo il mio immobile che vuole essere la mia abitazione.
    Ovviamente...che vi voglio domandare? Posso far causa al venditore o al geometra?
    Mi pare di essere stato raggirato.
     
  2. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Correggimi se sbaglio: la richiesta di 40.000 euro del comune è conseguente alla tua DIA per ampliamento/trasformazione ambienti? O per cosa ?
     
  3. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si certo.
    Il problema è che io non intendevo modificare la destinazione di uso.
    Perché quella doveva essere civile abitazione come asseverato in rogito.
    Ed invece scopro dal comune che non lo era sotto il profilo urbanistico.
    Pertanto il comune nei miei lavori richiesti in dia mi ha chiesto:
    Dimostrami che questo immobile è ancora abitazione strettamente connesso allo svolgimento di attività agricola.
    E non lo è.
    Eppure la parte venditrice ha detto che era destinato a civile abitazione.
    Quello è il punto.
     
  4. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Se ben comprendo secondo me puoi provare a cercare di recuperare gli oneri richiesti dal comune al netto di cio' che sarebbero di tua competenza per aumento superfice residenziale.
     
  5. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Io vivo a Pistoia e mi risulta che questa consuetudine e solo Fiorentina !!
    se ne dìdibattuto altre volte sul forum e far fare la RTN dal tecnico del venditore non è mai una buona idea !!....se non ha scrupoli tende a fare soli gli interessi di chi lo paga ...il Venditore !!
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  6. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Dovevi prendere un tuo tecnico .. comunque puoi sempre far causa, se ti hanno venduto come abitazione civile una invece agricola.
     
  7. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per kle
    Grazie a tutti per le risposte.
    Si in effetti varia da zona a zona il discorso della relazione tecnica.
    Io ho fatto male a fidarmi, ma qualcuno ne dovrà rispondere....è ovvio.
    Ho quotato questa risposta per capire. Cioè io direi al comune: guarda chiedimi gli oneri solo per la parte dei lavori per cui ho allargato e ingrandito l'immobile in base alla dia che ti ho presentato.
    Per quanto attiene al resto...dovrei opporre la relazione del geometra.
    il problema è che loro potrebbero sbattesene della relazione del geometra...
    secondo voi una sospensiva potrei chiederla in caso di causa?
    cioè attendere l'esito della causa che farò.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    prova a non pagare e vedrai cosa può fare il comune, per quanto riguarda il venditore non puoi fare nulla, 5 gg. prima del rogito non vuol dire essere stato imbrogliato ma senza dubbio nessuno sapeva del cambio da rurale ad civile
     
  9. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si ma anche te confondi la risultanza catastale con quella urbanistica. E i piani son diversi
     
  10. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Allora: dal punto di vista catastale, non vedo nessuna eccezione, visto che anche le abitazioni rurali dovevano essere accatastate al catasto dei fabbricati fin dal 1994.
    Dal punto di vista invece edilizio/urbanistico, visto che ti hanno venduta un'abitazione agricola e non civile (a meno non vi sia stato un cambio di destinazione d'uso, ma allora avrebbe dovuto essere indicato nell'atto), puoi far causa al venditore che ha sottoscritto l'atto notarile, visto che ti ha ceduto un oggetto diverso, e magari anche al geometra che ha scritto fischi per fiaschi.
    La prima planimetria di accatastamento all'urbano a che epoca risale?
     
    A ingelman piace questo elemento.
  11. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Risulta denuncia di nuovo accampionamento per deruralizzazione avvenuta nel 2001.
    Come potrebbe essere rilevante ciò?
    Il comune, ripeto, mi contesta che per loro - al di la di cosa affermi il catasto che ha altra funzione- quella abitazione posizionata in quella zona ha destinazione agricola (abitazione si ma finalizzata alla attività agricola).
    io speravo che dimostrando che l'immobile fosse ante 42...lo stesso fosse a destinazione cd libera...ma mi hanno opposto che la nostra regione toscana ha superato detta presunzione rimettendo l'onere della prova che sia tutt'ora connessa ad una attività agricola..
     
  12. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Il fatto che sia ante 42 significa che non necessitava di Licenza ed è infatti perfettamente legittimo, ma a destinazione agricola, visto che è ubicato in tale zona. Un conto è l'utilizzo (abitazione) un altro la destinazione d'uso (agricola, residenziale, industriale ecc.). Un pò come un garage, che può costituire pertinenza ed essere quindi a destinazione commerciale (es. in un supermercato) oppure residenziale (in una civile abitazione) oppure ancora agricola (in un complesso rurale). Per fare il passaggio di destinazione d'uso devi pagare gli oneri verdi, a meno che l'area scoperta pertinenziale non superi 1 ha (nel qual caso sono sotituite da opere di miglioramento fondiario, se non vado errato).
     
  13. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sei sempre molto chiaro e ne approfitto una ultima volta.
    La destinazione da cosa la si ricava? Non dal titolo abilitativo?
    Cioè questa 'presunzione di destinazione in virtù della zona di ubicazione' è ovunque o solo perché il mio comune pare prevederla?
    Perché da ignorante sapevo che non poteva essere presupposta dalla zona in cui è ma dal titolo abilitativo che qui manca.
    Sai loro mi hanno anche detto che è ovvio ha il contadino un tempo li stesse. Ma li stava perché lavorava la terra. Nel senso la abitazione era connessa al territorio e all'uso di esso. Può essere rilevante ciò?

    E in ogni caso. Se uno mi vende un immobile con destinazione civile abitazione e poi mi vengono chiesti gli oneri Verdi....è segno che civile abitazione non era. Erro?
     
  14. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La destinazione si rileva dai titoli edilizi, ma se sono inesistenti, visto che il fabbricato è stato costruito ante 1942, si rileva dalla zona e dal tipo di immobile. Essendo in una zona già da tempo immemorabile a destinazione agricola, lo stesso si presume tale, a meno che non vi sia stata un deruralizzazione presso il Comune.
     
  15. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi pare giusto continuare.
    Un geometra può dire di aver chiarito la destinazione d'uso -in sede di R.Tecnica- solo da punto di vista catastale e non urbanistico.
    E' giusto? C'è una indicazione legislativa?
     
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    il geometra come minimo doveva fare l'accesso agli atti prima di fare una relazione tecnica, se così la vogliamo chiamare, altrimenti la relazione non è completa ne conforme
     
    A mata piace questo elemento.
  17. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Il problema è proprio la "relazione": rispondo come ho detto ad uno che voleva un preventivo per fornire questo documento e sosteneva ci volessero 2/300 €.
    A parte che non le faccio se prima non condivido il preliminare (se esiste), perché poi le obbligazioni possono contenere anche patti circa l'urbanistica, gli ho detto che 200/300 euro potevano anche andar bene per la relazione (anzi più 200 che 300 visto che in un paio d'ore la faccio), ma per verificare cosa dovessi scrivere nella stessa, me ne servivano 1800.
     
  18. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi viene ora risposto che avendo scritto ex rurale dovevo capire da solo che una volta presentata una scia-dia per lavori su quella casa mi sarebbero stati richeisti gli oneri verdi.
    Io oppongo che lui non mi ha scritto che lo stesso ricadesse in zot agricola e che questo mi ha fregato.
    lui mi ha detto che essendo ex rurale...ovvio che ricadesse in tale zot e ovvio che fossero dovuti oneri.
     
  19. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Scusa, se scrive ex rurale, significa che non era più al momento del trasferimento, anche se occorrerebbe leggere l'atto nel suo complesso.
     
  20. tweety

    tweety Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    oltre a non avere detto che fosse in zot agricola....eccepisco che mi viene scritto che le risultanze catastali derivano da denuncia di nuovo accampionamento per deruralizzazione del 2004.
    Pure questo mica è vero. L'immobile non è deruralizzato. Ma solo iscritto al catasto dell'urbano che è dvierso da aver deruralizzato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina