1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti!
    Al termine della ristrutturazione del mio nuovo appartamento, iniziato con scia (edilizia libera) al Comune, vorrei sostituire le porte interne. I lavori sono consistiti anche nell'abbattimento di pareti e l'allargamento dell'apertura di una delle porete interne (tutto debitamente segnalato nella scia). Mi chiedo e vi chiedo, in qualità di committente:
    - posso acquistare tutte le porte interne con IVA al 10 %?
    - pagando con bonifico ed osservando tutte le modalità imposte dalla normnativa, posso recuperare il 50% della spesa sostenuta?


    Grazie mille!
     
  2. SGTorino

    SGTorino Ospite

    Alla prima domanda risponderei di sì soltanto se i lavori da te eseguiti configurino realmente una ristrutturazione edilizia e non una semplice manutenzione ordinaria.
    Ti riporto un passo di un post che ho pubblicato sul mio blog:
    "...(omissis) Nel suo parere, l'Agenzia delle Entrate ha preliminarmente chiarito che sono assoggettati all'aliquota IVA ridotta del 10% i beni finiti, escluse le materie prime e semilavorate, impiegati per gli interventi di recupero previsti dall'art. 31, comma 1, lettere c), d), e) della Legge n. 457/1978, quali il recupero ed il risanamento conservativo, la ristrutturazione edilizia e la ristrutturazione urbanistica (esclusi quindi i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria). Per beni finiti, l'interpellata ha dichiarato che si devono intendere quei beni che "anche successivamente al loro impiego nella realizzazione dell'intervento di recupero, non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell'immobile" considerando tali, ad esempio, gli ascensori, i montacarichi, gli infissi, i sanitari, i prodotti per gli impianti idrici e così via...(omissis)".

    Alla seconda domanda personalmente risponderei di sì purchè il pagamento avvenga entro il 30 giugno 2013. Presumo che il 50% al quale fai riferimento sia quello relativo al recupero edilizio e non quello della riqualificazione energetica, trattandosi di porte interne.
     
    A Bruno Sulis piace questo elemento.
  3. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille. Le tue informazioni mi sono di grande aiuto.
     
  4. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    SGTorino ha dato la giusta risposta. Aggiungerei solo che, secondo me, i lavori da te eseguiti sono chiaramente di manutenzione straordinaria; se si fosse trattato di ristrutturazione avresti dovuto chiedere un'autorizzazione edilizia. Le agevolazioni per il solo acquisto sono previste esclusivamente in quest'ultimo caso. Se vorrai avere le agevolazioni fiscali (solo una parte dell'IVA al 10%) dovrai far acquistare le porte alla ditta che sta eseguendo i lavori e che si occuperà anche dell'installazione delle porte interne.
    Ciao e Buona pasquetta
     
    A m.barelli e SGTorino piace questo messaggio.
  5. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie anche a Bruno!!!
    Chiarito l'aspetto dell'IVA al 10% (se l'acquisto è fatto direttamente dalla ditta che le installerà,)non mi è chiara una cosa. Posso, comunque, detrare il 50% percento della spesa sostenuta per l'acquisto delle porte interne?
    GRAZIE.
     
  6. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Forse non sono stato chiaro nel primo post:
    La detrazione del 50% ti spetta solo se fai acquistare e montare le porte dalla ditta.
    Verifica se il negoziante può fare direttamente l'installazione così paghi tutto a lui.
    L'IVA al 10% ti spetta solo per una parte, cioè quella relativa alla manodopera e ad una sola parte del costo del manufatto (il procedimento di calcolo lo trovi nella Guida dell'agenzia delle entrate sulle detrazioni fiscali).
    Spero di essere stato abbastanza chiaro.
    Ciao
     
  7. SGTorino

    SGTorino Ospite

  8. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille.
     
  9. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Caro Bruno.
    Uso quest'appellativo perchè sei l'unico che risposnde sempre alla mie richieste.
    Vorrei approfittare delle tua gentilezza per porti alcuni quesiti.
    Non rimarrò male se non intenderai rispondere, sei stato tanto cortese in precidenti richieste.
    Come avrai già chiaro, stò eseguento lavori di manutenzione straordinaria (i dubbi sono tanti per via della normativa molto articolata).
    Le domande sono:
    Una unica ditta stà eseguendo i lavori; non ho fatto la comunicazione all'ASL come verificato personalmente dalla normativa e per come riferito in questo forum a seguito di mia richiesta (spero di aaver fatto bene ??!!)
    Ora vorrei far installare: la serratura europea al portoncino di ingresso e l'impianto d'allarme la cui predisposizione è già stata realizzata dalla ditta esecutrice dei lavori. Bene, in merito, devo fare qualche comunicazione all'ASL o comunicando la fine lavori al Comune posso far intervenire le altre due "ditte" in tempi diversi senza ingarbugliarmi l'esistenza con scartoffie varie?
    Poi, e con questo non ti distutberò mai più, al di la dell'IVA al 10, tutte le spese sostenute per i materiali (anche acquistati direttamente da me: materiale elettrico, piastelle, sanitari subinetterie ...ecc....ecc.) e la manodopera posso richiedere la detrazione al 50% (mi hai messo il dubbio quando parlavi delle porte (ndr.:La detrazione del 50% ti spetta solo se fai acquistare e montare le porte dalla ditta)
    Grazie mille.
    :stretta_di_mano:
     
  10. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ciao Giuppen, scusami per il ritardo con cui Ti rispondo, ma il tuo ultimo post mi è proprio sfuggito e l'ho visto casualmente solo oggi.
    Andiamo per ordine:
    Comunicazione ASL (notifica preliminare da inoltrare anche alla Direzione Provinciale del Lavoro) obbligatoria se operano più imprese, anche non contemporaneamente. Se invece opera una sola impresa e gli altri sono lavoratori autonomi allora l'obbligo non sussiste.
    "Scartoffie per il Comune" sono obbligatorie sempre, in caso di manutenzione straordinaria come capita a te, basta una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e devi presentarne una ogniqualvolta intervenga un'altra impresa non prevista nella precedente comunicazione (non serve la marca da bollo, ma l'impresa deve avere il DURC in regola).
    IVA 10% nel tuo caso si applica solo se tu paghi con bonifico l'opera finita all'impresa. Per alcune opere dove il manufatto originario mantiene la sua individualità anche dopo l'installazione (porte e finestre, impianto di riscaldamento, sanitari etc), consentendone la loro rimozione e riposizionamento successivo in altro luogo, allora l'IVA al 10% si applica solo alla parte relativa alla manodopera, il resto è al 21%. Per capire meglio come fare questo calcolo consulta la Guida dell'Agenzia delle Entrate il cui link è stato riportato prima da SGTorino.
    Detrazioni Fiscali 50% sono applicabili, come per l'IVA, solo per opere finite non per l'acquisto dei beni separato dalla manodopera (anche questa informazione la trovi sulla Guida).
    Ti allego la guida con evidenziate le parti che ti possono interessare (Pagine 8, 10, 12, 14, 15 e 17).
    Visto che ci sono ti allego anche uno schema di notifica preliminare per lavori privati che puoi compilare e spedire in caso di necessità.
    Ciao
     

    Files Allegati:

    A SGTorino, Umberto Granducato e topcasa piace questo elemento.
  11. giuppen

    giuppen Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE.
    Le tue indicazioni sono state chiarissime. Tu ovviamente non ti potrai ricordare, considerato i numerosi consigli che dai a tutti ma, proprio grazie a tue indicazioni, sono riuscito ad eseguire tutte le incombenze relative ai lavori che sto eseguendo e che sono alla fase conclusiva.

    Mi mancano solo quelle poche cose che ti chiedevo e che ti ripropongo:


    "Ora vorrei far installare l'impianto d'allarme la cui predisposizione è già stata realizzata dalla ditta esecutrice dei lavori. Bene, in merito cosa mi consigli di fare per recuperare il 50% della spesa dei materiali (ndr. posso farlo?):
    - posso dichiarare di averli montati personalmente?
    - dichiaro che l'installatore è lavoratore autonomo e pagare l’IVA al 10?
    Poi, e con questo non ti disturberò mai più, al di la dell'IVA al 10, tutte le spese sostenute per i materiali (anche acquistati direttamente da me: materiale elettrico, piastelle, sanitari subinetterie, termosifoni ...ecc....ecc.) e la manodopera posso richiedere la detrazione al 50% (mi hai messo il dubbio quando parlavi delle porte (ndr.:La detrazione del 50% ti spetta solo se fai acquistare e montare le porte dalla ditta)
    GRAZIE Ancora.
     
  12. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma bisogna pagarle tramite bonifico o sbaglio?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina