• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Buosasera a tutti,
in una causa di divisione ereditaria verrà chiesto dagli eredi la vendita all'asta del compendio immobiliare (fabbricati e terreni) però alcuni di essi dopo 20 anni non hanno fatto la dichiarazione di successione e pagate le relative imposte, ne l'accettazione e trascrizione dell'eredità. Il giudice può procedere con l'asta? Chiedo questo perché in internet leggo "Dopo la vendita e il versamento integrale del prezzo, il giudice dell’esecuzione pronuncia il decreto col quale trasferisce all'aggiudicatario il bene, contestualmente potrà formalizzare l'accettazione tacita (resa manifesta tramite la volontà di vendere il bene) con la trascrizione dell'accettazione dell'eredità tramite atto scritto, poi potrà liquidare la tassa di successione e le altre imposte (imposta catastale, imposta ipotecaria, imposte di bollo e diritti di segreteria)" Però la cosa non mi è per niente chiara in quanto questi atti, eccetto il decreto di trasferimento, non sono di competenza notarile? Grazie a tutti.
 

brina82

Membro Senior
Buosasera a tutti,
in una causa di divisione ereditaria verrà chiesto dagli eredi la vendita all'asta del compendio immobiliare (fabbricati e terreni) però alcuni di essi dopo 20 anni non hanno fatto la dichiarazione di successione e pagate le relative imposte, ne l'accettazione e trascrizione dell'eredità. Il giudice può procedere con l'asta? Chiedo questo perché in internet leggo "Dopo la vendita e il versamento integrale del prezzo, il giudice dell’esecuzione pronuncia il decreto col quale trasferisce all'aggiudicatario il bene, contestualmente potrà formalizzare l'accettazione tacita (resa manifesta tramite la volontà di vendere il bene) con la trascrizione dell'accettazione dell'eredità tramite atto scritto, poi potrà liquidare la tassa di successione e le altre imposte (imposta catastale, imposta ipotecaria, imposte di bollo e diritti di segreteria)" Però la cosa non mi è per niente chiara in quanto questi atti, eccetto il decreto di trasferimento, non sono di competenza notarile? Grazie a tutti.
Solitamente per la compravendita di tutti gli immobili è richiesta la continuità delle trascrizioni nell'ultimo ventennio, pertanto, mi pare strano che si possa trasferire la proprietà di un immobile, in assenza della trascrizione dell'eredità.

Ti parlo di ciò che so con riferimento alle esecuzioni immobiliari, per le cause ereditarie non so dirti, ma salvo ciò che hai trovato tu in rete, penso sia lo stesso.

Nelle esecuzioni forzate, in mancanza di un atto del genere, viene bloccato il procedimento; il creditore farà trascrivere dal Giudice l'accettazione di eredità (da quanto so, da un altro Giudice, tramite un altra causa civile), e a valle di questa trascrizione il procedimento esecutivo potrà sbloccarsi e completarsi.
 

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Grazie. Quanto scrivi è interessante, dunque il giudice può trascrivere l'accettazione dell'eredità
 

brina82

Membro Senior
Grazie. Quanto scrivi è interessante, dunque il giudice può trascrivere l'accettazione dell'eredità
Non è così automatico: nel caso delle esecuzioni dovrà essere il creditore a chiederlo, ma non credo al Giudice delle esecuzioni, ma probabilmente tramite domanda giudiziale, credo. Un Avvocato ti saprà dire di più.
 

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Ho già un appuntamento con un notaio e ho posto questo quesito al forum per arrivarvi con un minimo di preparazione, anche perché mi è arrivata per vie traverse la notizia che detto notaio avrebbe conteggiato per le trascrizioni dei 12 coeredi più tasse successione ipotecaria, catastale e bollo circa € 25.000 che a me sembra una esagerazione per dei fabbricati che non producono reddito (F2) e un terreno agricolo.
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
Ho già un appuntamento con un notaio e ho posto questo quesito al forum per arrivarvi con un minimo di preparazione, anche perché mi è arrivata per vie traverse la notizia che detto notaio avrebbe conteggiato per le trascrizioni dei 12 coeredi più tasse successione ipotecaria, catastale e bollo circa € 25.000 che a me sembra una esagerazione per dei fabbricati che non producono reddito (F2) e un terreno agricolo.
Tu stesso hai scritto che alcuni non hanno fatto la successione e pagato le imposte. La cifra è alta anche per quello, se avete dubbi chiedete a quanto ammonta il compenso del notaio e lo detraete dal totale
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

I carciofi sono nella casseruola. Ripeto. I carciofi sono nella casseruola.
Alto