1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fiaip bergamo

    fiaip bergamo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Novità normative per il real estate

    Agenti immobiliari da tutta la Lombardia al convegno di aggiornamento professionale organizzato da Fiaip Bergamo, la Federazione italiana agenti immobiliari professionali, nella sede provinciale di Via Milano. D’attualità i temi trattati: le novità normative sul tema – casa e le nuove sentenze di Cassazione sul diritto alla provvigione dell’agente immobiliare. Relatori l’Avv. Massimo Chimienti, specialista di diritto delle transazioni immobiliari, e Giuliano Olivati, presidente Fiaip Bergamo.

    “Siamo soddisfatti di essere un punto di riferimento lombardo e nazionale per la comunità degli agenti immobiliari”, commenta Olivati, “e abbiamo deciso, primi in Italia, di seguire per i nostri corsi e aggiornamenti il nuovo standard professionale europeo UNI EN 15733 “Servizi degli agenti immobiliari”, che stabilisce tutte le competenze professionali che un mediatore di case deve avere oggi, per poter lavorare in Europa e offrire il miglior servizio al consumatore”.

    Tra i temi della manovra finanziaria trattati spicca il rinnovo degli sgravi fiscali al 55% sulle opere di riqualificazione energetica degli edifici: “Quello dell’efficienza energetica degli edifici è un tema epocale”, dichiara il presidente Fiaip Bergamo, “ed è necessario che questi sgravi divengano permanenti, senza farci restare col fiato sospeso anno per anno, dato che la sfida del prossimo decennio sarà l’ammodernamento in chiave di risparmio energetico del patrimonio immobiliare italiano, che è su standard obsoleti almeno nel 95 per cento dei casi. Oggi in Italia si stimano, su elaborazione incrociata di dati Enea, Istat e Cresme, circa 30 milioni di unità abitative, delle quali solo la punta dell’iceberg, dal 2 al 5% a seconda delle rilevazioni, si trova nelle classi energetiche migliori, A B e C. Quindi il lavoro da fare è enorme, e sicuramente contribuirà in modo significativo alla ripresa economica. Anche il governo deve fare la sua parte, rendendo strutturali le detrazioni fiscali al 55%”.

    Grande interesse dei professionisti del real estate anche sul recentissimo obbligo introdotto dalla Regione Lombardia (LR 3/2011) di indicare negli annunci di vendita e locazione la classe e l’indice di prestazione energetica degli immobili. “Questo articolo della legge non è ancora operativo, in attesa di successive disposizioni applicative della Giunta regionale”, dichiara Giuliano Olivati, “e stiamo dialogando con i vertici politici e tecnici della Regione per ottenere un congruo periodo per adeguarsi a questo obbligo. La strada è tracciata da una direttiva europea e non si può tornare indietro, la Francia si è già adeguata e il “Decreto Energia” nazionale ha introdotto l’obbligo per il resto d’Italia a partire dal prossimo 1 gennaio. Certamente le sanzioni previste dalla legge regionale per la violazione dell’obbligo, da 1.000 a 5.000 Euro, ci appaiono eccessive, ma l’Unione Europea ci porta ad un principio di trasparenza del mercato, in modo che il consumatore sappia da subito quanta energia consuma la casa che vuole comprare o affittare. La classe energetica diventa insomma la carta d’identità dell’immobile, dato che sapere quanto una casa consuma significa conoscere come è stata costruita. L’agente immobiliare come mediatore – prosegue Olivati – non dovrebbe secondo noi essere colpito dalle sanzioni, dato che la responsabilità di fornire il certificato energetico è del proprietario dell'immobile, e lo faremo presente nelle sedi istituzionali. Ma dal punto di vista pratico non cambia nulla: anche se ad essere multato fosse solo il proprietario, comunque l’agente immobiliare professionale non potrebbe mettere in pubblicità una casa senza indicare la classe energetica, in quanto esporrebbe il cliente al rischio di sanzioni, macchiandosi di una grave diligenza professionale (con richiesta di risarcimento) e perdendo istantaneamente la fiducia del consumatore e la possibilità di trattare il suo immobile. Il nostro compito come consulenti globali del real estate – precisa il presidente Fiaip Bergamo – è, da subito, quello di informare i proprietari che dovranno dotare l’immobile del certificato energetico all’inizio del processo commerciale di vendita o locazione e non alla fine, al rogito o alla stipula del contratto di affitto come accadeva sinora. Come considerazione politica generale – conclude Olivati – possiamo dire che queste nuove norme spingono i proprietari alla riqualificazione del patrimonio immobiliare per competere sul mercato. Ben per questo è necessario che lo Stato faccia la sua parte rendendo permanenti le detrazioni fiscali al 55% sulle opere volte al risparmio energetico”.

    Sull’altro tema del convegno, il diritto alla provvigione dell’agente immobiliare e la forma scritta o verbale dell’incarico ricevuto dal cliente la posizione dei relatori è chiara: “L’art. 1755 del Codice civile è un caposaldo irrinunciabile del diritto”, afferma Giuliano Olivati, “e stabilisce che “il mediatore ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, se l’affare è concluso per effetto del suo intervento”: quindi se le parti accettano l’opera del mediatore, grazie alla quale si conclude un affare, poi devono pagargli la provvigione, anche in assenza di un incarico esplicito. Ciò non toglie che come agenti immobiliari professionali noi abbiamo da sempre richiesto di mettere per iscritto l’accordo con il consumatore, per evitare fraintendimenti e problemi e per maggior trasparenza reciproca. Il nuovo Standard europeo UNI EN 15733 “Servizi degli agenti immobiliari” va proprio in questa direzione, indicando un incarico scritto, preferibilmente in esclusiva, come strumento idoneo a regolare i rapporti tra consumatori e professionisti della mediazione immobiliare. Speriamo che dello Standard si accorgano anche le associazioni dei consumatori, consigliando ai loro clienti di dare un incarico per iscritto alla loro agenzia immobiliare di fiducia”.

    Clicca sull'avatar per il sito Fiaip Bergamo
     

    Files Allegati:

    A Roby e andrea boschini piace questo messaggio.
  2. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Giuliano...piu' stretti no??:^^::^^::^^:...scherzo ovviamente..complimenti per il resto ...come sempre del resto.
     
    A fiaip bergamo piace questo elemento.
  3. fiaip bergamo

    fiaip bergamo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    eravamo full house :sorrisone:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina