1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Dalle banche in arrivo i primi tagli allo spread

    di Vito Lops

    Il vento sta cambiando. Dopo dieci mesi consecutivi di ritocchi verso l'alto, gli spread applicati dalle banche sui tassi dei mutui tornano a scendere. Il nuovo trend è partito da pochi giorni e coinvolge una manciata di istituti, ma gli operatori credono che possa proseguire allargando le maglie all'interno del mercato dei prestiti ipotecari, da un paio di trimestri imballato tanto sul fronte dell'offerta che della domanda.
    Come evidenziano i dati in pagina, sono tre gli istituti che hanno deciso di scendere sotto la soglia del 3% allontanandosi con forza dallo spread medio di mercato del 3,5 per cento. Ad aprire le danze è stata Cariparma che da poco ha deciso di ampliare il plafond dei finanziamenti destinati alle famiglie a 2,5 miliardi di euro lanciando una "Campagna Mutui casa". L'istituto propone uno spread sul tasso variabile con durata 20 anni al 2,6% (sale al 2,85% per il trentennale). È scesa sotto la soglia del 3% anche Bnl-Bnp Paribas che con una sforbiciata da 55 punti base ha ridotto lo spread al 2,95 per cento.
    Probabilmente non è un caso che tra le apripista del nuovo trend ci siano due banche francesi che potrebbero aver beneficiato di un mercato interbancario meno teso negli ultimi mesi rispetto a quello italiano. Ma si stanno muovendo anche le banche nostrane
    Con un taglio secco di 20 punti base Webank offre mutui variabili (da 20 a 30 anni) con uno spread del 2,7 per cento. L'istituto è per pochi decimi al primo posto della classifica elaborata da MutuiOnline.it, ordinata per Taeg, il tasso che tiene conto di tutte le spese: spread, tipologia di indice europeo scelto per indicizzare il mutuo (Euribor 1 o 3 mesi per i mutui variabili e i vari Eurirs di durata per i mutui a tasso fisso), spese di istruttoria, perizia, incasso rata, eventuali coperture assicurative, e via dicendo.

    Che gli spread hanno cominciato a muoversi come un gambero in un trend che potrebbe accentuarsi nei prossimi mesi lo si capisce anche osservando il maxi-taglio annunciato da Barclays che ha sforbiciato gli spread tra i 50 e i 65 punti base portando il margine al 3,7 per cento. Certo, siamo ancora su livelli alti – soprattutto se paragonati alla media dei tassi degli ultimi dieci anni – ma indicativi del fatto che il fenomeno abbraccia anche istituti che dallo scorso maggio si sono defilati dal mercato attraverso la leva al rialzo degli spread. E si evince anche dalle indicazioni di MutuiSupermarket.it che ha rilevato nell'ultimo mese tagli fino a 85 punti base con le migliori offerte che partono da spread del 2,7 per cento.

    Il nuovo trend, però, a giudicare dalle strategie delle banche riguarda perlopiù solo i mutui a tasso variabile. Sui prestiti a tasso fisso si sono mosse solo Bnl e Barclays ma in entrambi casi i siamo abbondantemente oltre il 3 per cento. Il che ha esteso la distanza tra i tassi finiti applicati su mutui variabili e sui fissi con un risparmio nel primo caso tra i 250 e i 300 punti base. Come mai? «È molto complicato per gli istituti in questa fase tarare strategie sui finanziamenti nel medio-lungo periodo – spiega Roberto Anedda, vicepresidente di MutuiOnline.it – Le ultime aste della Bce al tasso dell'1% a 3 anni in favore delle banche (a dicembre e a fine febbraio, ndr) hanno sì favorito l'afflusso liquidità, ma con un orizzonte di breve periodo. Per questo motivo le riduzioni degli spread riguardano più le offerte a tasso variabile, ancorate più da vicino all'andamento del mercato, che non quelle a tasso fisso, tecnicamente più rischiose».

    La liquidità arrivata dalla Bce non è l'unico fattore che potrebbe smuovere il mercato nei prossimi mesi. «Considerando che molti istituti hanno avuto una contrazione drastica dei volumi erogati sul fine 2011 e primi mesi del 2012, se vogliono evitare un calo dei volumi sul 2012 superiore al 50% dovranno fra poco reiniziare a mettere mano al timone, che vuol dire correzione degli spread e progressivo allentamento delle maglie creditizie», spiega Stefano Rossini, ad di MutuiSupermarket.it.

    Dopo questo primo scatto di primavera un altro forte strappo potrebbe arrivare in estate. A giugno infatti è fissata dall'Eba (European banking authority) la scadenza per la verifica dei requisiti di capitale delle banche. «A valle di tale verifica, che molte banche vedono come un momento di scollinamento e luce verde per rimettere mano agli impieghi, molte banche potrebbero pensare di ridarsi degli obiettivi in termini di erogazioni mutui sui restanti sei mesi dell'anno, dato che molte hanno adottato sino ad oggi un atteggiamento di navigazione a vista con riduzione massima degli impieghi fino a data da definire».
    Data che ormai, dopo mesi di stretta, sembra all'orizzonte.
     
  2. Brisko

    Brisko Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La scorsa settimana è stato a trovarmi un direttore Cariparma per la convenzione in essere con FIAIP. Il variabile è proposto con spread inferiori al 3% solo nel caso di sottoscrizione di polizza CPI Multirischi. Diversamente comunque gli spread sono sempre sopra al 3% (con un minimo di 3,20 e un max di 3,70 per prodotto variabile puro a 30 anni). Però almeno il plafond è confermato come riportato nell'articolo e sembra che abbiano davvero "voglia" di fare mutui... speriamo
     
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Cariparma è un pò che vorrebbe fare dei mutui, ma mi dicono che la più intenzionata in questo momento è la BNL.
     
  4. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
  5. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    .............mi chiedo a chi andranno i mutui se la gente non lavorando non può creare ricchezza.........:occhi_al_cielo::occhi_al_cielo::occhi_al_cielo:

    non c'è spread che tenga se non riparte il lavoro "legato" all'economia reale ......:maligno:
     
    A Limpida e DIEGO BIR piace questo messaggio.
  6. gennaro63

    gennaro63 Membro Attivo

    Mediatore Creditizio
    cariparma ti finanzia il loan to value al 60% quanti vostri clienti si presentano con il restante 40% cash.....per i comuni mortali e' aria fritta.......purtroppo...ultima notizia che banca ha rialzato i tassi da ieri........non parliamo della polizza di bnl al 9,70% il loan to value scende ancora...........quindi in parole povere non e' cambiato nulla........sembra....che stiamo ritornando ricchi....il problema sussiste......dimentivavo....bhw...ha deciso di abbandonare il mercato italiano.......dopo barclays.....quindi....avanti cosi...con ottimismo.......
     
  7. DIEGO BIR

    DIEGO BIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Giusto questa mattina mi trovavo a parlare con un funzionario di banca, il quale mi diceva che hanno ordine di non erogare nessun tipo di mutuo/prestito al consumo. i prestiti che erogano non lo fanno direttamente ma solo tramite finanziarie a loro legate, così da togliersi il problema di eventuali insoluti ed avere un tornaconto in ogni caso.
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io le raderei tutte al suolo...
     
  9. kingofbit

    kingofbit Membro Attivo

    Altro Professionista
    Buongiorno a tutti.
    1)Contrariamente a quanto sempre sostenuto dal mondo politico italiano, le banche italiane avevavo ed hanno ancora grossi problemi di liquidità. Altrimenti non si spiega come a fronte di un euribor prossimo allo zero, imperìno ancora delle offerte di conti deposito che remunerano quasi il 4%!
    2)L'immensa liquidità arrivata alle nostre banche all'1% dalla BCE è estata utilizzata dalle banche stesse per ricomprarsi le loro obbligazioni altamente svalutate dalla crisi e per acquistare dei titoli di stato che rendevano nei mesi scorsi quasi il 7%. Altro che soldi prestati all'economia reale. Hanno preso all'1% e, senza apparente rischio, ricavano dal 3 al 5%.
    3) Gli spread sui mutui e prestiti ad oggi possono anche diminuire, ma non credo che questo possa essere un segnale perchè le banche tornino a prestare a terzi quel denaro di cui secondo me loro per primi continuano ad averne bisogno
    4) concordo con chi dice che anche se ti prestano il 60% dell'importo dell'immobile, il restante 40% in contanti lo devi mettere tu e con questi chiari di luna, non lo vedo affatto semplice.
    Colgo l'occasione quindi per salutare quell'A.I che in occasione di una potenziale mia offerta su un immobile, mi negava la crisi del settore, che non era vero che le banche non dessero mutui e che il fatto che io potessi dare magari un anticipo in contanti pari all'70% del valore dell'immobile nel giro di 20 gg non era un buon motivo per richiedere sconti sul prezzo (FOLLE) richiesto. PS: l'immobile è ancora lì da vendere adesso.
    Saluti a tutti
     
  10. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    E il mediatore è in manicomio....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina