1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. elenaxx

    elenaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    ad aprile 2012 ho stipulato un contratto di locazione transitorio per 18 mesi ed ho pagato l'imposta
    di registro per 12 mesi; ho presentato tutto alla agenzia e l'impiegato non ha sollevato problemi.

    Ora dovrei pagare l'imposta per i restanti 6 mesi e poichè non sapevo come fare ho telefonato al call center dell'ade che mi ha detto che avrei sbagliato in quanto per i contratti transitori l'imposta va pagata per tutto il periodo in un'unica soluzione.

    Come dovrei fare se è vero quanto affermato dal call center dell'ade?
    Come devo pagare l'imposta per i restanti sei mesi?
    Grazie
     
  2. SGTorino

    SGTorino Ospite

    A me è capitato un caso analogo e mi hanno fatto versare con il codice 112T la seconda "annualità", con un minimo di 67 euro. Non so se quanto mi è stato chiesto di fare, dall'Ufficio del Registro da me utilizzato, corrisponda a norma.
     
  3. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    In merito al versamento dell’imposta di registro per i contratti transitori ordinari, qualora la durata del contratto sia frazionata, ossia comprenda solo alcuni mesi o parti dell’anno, occorre (per evitare possibili contestazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate) effettuare anticipatamente il pagamento in unica soluzione (cod. trib. 107T): in tale fattispecie, non sono previste annualità contrattuali, ma un unico periodo contrattuale a termine (18 mesi); pertanto, va versato il 2% del canone complessivo, senza applicare alcuno sconto: la scontistica, pari alla metà del tasso dell’interesse legale moltiplicato per il numero delle annualità, a norma dell’art. 5 della Tariffa, Parte prima allegata al DPR n°131/1986, è, infatti, applicabile solo ai contratti pluriennali (ad es. 4+4, 3+2).

    Es. Canone annuo contratto di locazione transitorio ordinario di durata di 18 mesi = € 7.200,00
    Imposta di registro da versare = € 7.200,00 + € 3.600,00 = € 10.800,00 x 2% = € 216,00

    Nel caso in cui il contribuente avesse pagato l’imposta di registro solo per la prima annualità (cod. trib. 115T), versando il 2% del canone annuo, come ci si deve comportare successivamente, ai fini dell’imposta di registro? La fattispecie è atipica: in questi casi, è sempre opportuno rivolgersi all’ufficio di competenza.

    Secondo l’indicazione dell'ufficio locale a cui si è rivolto Franco, dovrebbe essere versata l’imposta di registro per la seconda annualità (?), con cod. trib. 112T, nel caso posto ad esempio, pari a € 144,00 (il versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione, ai sensi dell’art. 17, comma 3 del DPR n°131/1986, deve essere effettuato sul canone annuale e non su quello semestrale), senza, peraltro, minimo di € 67,00, previsto solo in prima registrazione (cod. trib. 115T) e proroga (114T). A giudizio di chi scrive, si tratta di una impostazione poco convincente: per sanare la fattispecie in questione, occorre versare la differenza dovuta (€ 216,00 - € 144,00), pari a € 72,00: in tale evenienza (non esiste una seconda annualità, ma un periodo contrattuale unico) si suggerisce di riutilizzare il cod. trib. 115T (se si utilizzasse il cod. trib. 107T, occorrerebbe poi correggere l’errato cod. trib. 115T, indicato in registrazione, con una specifica comunicazione all’ufficio competente), sanando la posizione con l’istituto del ravvedimento operoso (cod. trib. 671T), unitamente agli interessi moratori (cod. trib. 731T).

    L’insufficiente versamento dell’imposta di registro, può essere regolarizzata, in generale, ai sensi dell’art. 13, comma 1, lettera b), del D.Lgs. n°472/1997, applicando la relativa sanzione che, in base all’art. 71 del DPR n°131/1986, va dal 100% al 200% del valore non dichiarato, sanzione che viene ridotta al 12,50% (1/8 del minimo = 100%). Tuttavia, l’imposta non può essere versata in autoliquidazione da parte del contribuente il quale deve presentare all’ufficio competente una dichiarazione di integrazione entro un anno dalla data in cui è stata compiuta l’infrazione, per ottenere dall’ufficio - a mezzo apposita notifica - la liquidazione della maggiore imposta dovuta, della sanzione amministrativa e degli interessi legali.

    E’ il caso di aggiungere che alcuni uffici preposti sul territorio consentono, comunque, al contribuente di autoliquidare l’imposta, pagando la differenza dovuta, la sanzione, che, secondo la loro opinione, seguirebbe l’indirizzo dell’omessa registrazione (?), perciò, entro 1 anno 1/8 del 120% = 15% e interessi legali. Quanto finora esposto testimonia un variegato quadro sanzionatorio che lascia spazio alla discrezionalità dei funzionari pubblici.
     
    A SGTorino piace questo elemento.
  4. elenaxx

    elenaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    ho chiesto all'ufficio dove ho registrato il contratto e mi hanno detto che dovrei pagare l'imposta di registro per i successivi sei mesi (e quindi sul canone semestrale) indicando come codice il 112T.
    Bha!!! Paese che vai usanze che trovi!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina