• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve!
Dopo la epopea della mancanza di mq nella perizia
Oggi ho un altra domanda sulla mancanza di finestre e la dicitura cucina

È una casa degli anni '70 mai fatto lavori di cambiamenti nell atto notarile del '90 e' menzionata la cucina

Nella visura sono menzionati 5 vani quindi per logica
1 salotto
2 camere da letto
1 cucina
1/3dis
1/3atrio
1/3 bagno

Un altra cosa per logica
1 balcone senza ingresso?
1 camera senza finestra?
1 dis (cucina) senza finestra
Un appartamento senza cucina?

Per logica ci dovrebbe essere un errore di trascrizione, la planimetria catastale è dell anno 2002
Come si può risolvere il tutto?

PS si lo so è un problema del venditore ma vorrei avere un idea sul da farsi

Grazie mille
 

Allegati

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Meglio che verifichi i precedenti edilizi..... ma la cucina nella realtà ce l'ha una finestra?
Poi un disimpegno che non porta da nessuna parte è ridicolo
 

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Si si la cucina ha la finestra
E un palazzo su due piani
Speculare al piano superiore
E sono sicuro che non hanno mai fatto nulla
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
A me pare invece che lo sia: in alto si vede tagliato il tipico cartiglio delle planimetrie catastali.
Io verificherei in maniera scrupolosa (o farei verificare a un tecnico di fiducia) i precedenti edilizi dell'immobile.... giusto per capire se si tratta di un mancato aggiornamento catastale (che comunque era obbligatorio fare in questo caso!) oppure di un vero e proprio abuso, cosa che purtroppo sembra essere dai documenti che hai postato.
 

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
A me pare invece che lo sia: in alto si vede tagliato il tipico cartiglio delle planimetrie catastali.
Io verificherei in maniera scrupolosa (o farei verificare a un tecnico di fiducia) i precedenti edilizi dell'immobile.... giusto per capire se si tratta di un mancato aggiornamento catastale (che comunque era obbligatorio fare in questo caso!) oppure di un vero e proprio abuso, cosa che purtroppo sembra essere dai documenti che hai postato.
La probabilità che sia un un'errore di trascrizione è molto alta a parer mio
Dato che risultano 5 vani e il disimpegno teoricamente vale 1/3
Nel atto notarile 1990 risulta una cucina
Questa piantina catastale risulta fatta nel 2002
Ci vivevano i proprietari fino al 2003 ed era uguale ad adesso poi si sono trasferiti nella seconda casa
 

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ho trovato questo in giro per il forum e molto probabilmente chiarisce la mia situazione

Il catasto è un ufficio statale che ha una funzione prettamente fiscale. Non è "probatorio" e non dimostra alcunchè rispetto alla regolarità edilizia dell'immobile. Paradossalmente possono esistere immobile abusivi ma accatastati.

Mentre la planimetria depositata al Comune dimostra la regolarità urbanistica: va verificata in sede di rogito o prima di interventi di "ristrutturazione".

I controlli al atto di rogito della planimetria comunale venivano fatti anche nel '90?
Perché se affermativo non penso che ci siano problemi e e basterebbe solo un allineamento comune/catasto
(Dato che dopo il rogito del '90 ha fatto solo lavoretti di manutenzione)
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
La probabilità che sia un un'errore di trascrizione è molto alta a parer mio
Dato che risultano 5 vani e il disimpegno teoricamente vale 1/3
Nel atto notarile 1990 risulta una cucina
in che senso vi "sia un un'errore di trascrizione" ?
a limite vi sarebbe un errorre nella descrizione degli ambienti di cui è composto l'immobile
I vani sono "entità" / qualifiche di natura catastale e non corrispondono con il numero delle stanze realmente presenti.
in altri termini 1 vano non significa 1 stanza o viceversa.

al momento non è ancora chiaro se stai obbiettando che sulla planimetria catastale non sono indicati gli elementi che nella realtà ci sono ........oppure se quella planimetria coincide/corrisponde anche con la realtà di fatto dell'immobile.

La cosa migliore da fare è quella già indicato, ossia consultare un tecnico in materia edilizia: ing - arch - geom.

PS: visto che dal tecnico ci siamo, chiediamo anche di studiare/predisporre una distribuzione interna più consono perché quella attuale è un qualcosa di aberrante.
 
Ultima modifica:

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Cioè?

in che senso vi "sia un un'errore di trascrizione" ?


al momento non è ancora chiaro se stai obbiettando che sulla planimetria catastale non sono indicati gli elementi che nella realtà ci sono ........oppure se quella planimetria coincide/corrisponde anche con la realtà di fatto dell'immobile.

La cosa migliore da fare è quella già indicato, ossia consultare un tecnico in materia edilizia: ing - arch - geom.
I fogli catastali risultano del 2002 e non antecedenti anche se è un caseggiato degli anni '80
E adesso ho capito il perché.
Tra comune e condominio c'e stato un accordo di terreno
Hanno donato un pezzo di giardino per fare la fermata bus,e il comune ha recintato il condominio
Quindi in quella situazione hanno rifatto tutte le planimetrie catastali perché è cambiata la planimetria NON della casa ma solo del giardino
Per logica hanno combinato un casino nell rifare i disegni,in settimana vado in comune a chiedere

PS non hanno toccato la mia abitazione ma hanno creato un nuovo appartamento modificando la struttura del caseggiato
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Per una modifica al giardino bastava ripresentare un elaborato planimetrico e non anche le planimetrie catastali! Vedrai che hanno fatto altro.
I controlli al atto di rogito della planimetria comunale venivano fatti anche nel '90?
Decisamente no, bastava la dichiarazione del venditore e la planimetria catastale che, come vedi, è stata rifatta di recente e che, con molta probabilità, riporta lo stato legittimo dell' immobile. Ecco perché ti devi verificare in comune tutti i precedenti edilizi e non solo l'ultimo.
Ti ricordo che la cucina per essere tale deve avere una finestra (anche sulla carta oltre che nella realtà), altrimenti può essere giusto un bagno, ripostiglio, disimpegno,....
 

Davidelupo

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Per una modifica al giardino bastava ripresentare un elaborato planimetrico e non anche le planimetrie catastali! Vedrai che hanno fatto altro.

Decisamente no, bastava la dichiarazione del venditore e la planimetria catastale che, come vedi, è stata rifatta di recente e che, con molta probabilità, riporta lo stato legittimo dell' immobile. Ecco perché ti devi verificare in comune tutti i precedenti edilizi e non solo l'ultimo.
Ti ricordo che la cucina per essere tale deve avere una finestra (anche sulla carta oltre che nella realtà), altrimenti può essere giusto un bagno, ripostiglio, disimpegno,....
La finestra è presente in cucina.
E nel 90 quando è stata acquistata era già presente sia la cucina che la finestra


PS non sa di ridicolo progettare un balcone senza finestra?
 

Agenzia Castello

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Alle volte si dimenticavano le porte nei disegni, successo per una planimetria che mi ha dato un cliente, catastale, mancava nella stessa l'indicazione della porta per entrare nella cucina.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Se è per questo, ho visto delle planimetrie in cui mancava la porta d'ingresso !!!

E quelle planimetrie di garages senza nessun riferimento per capire dove sono posizionati ?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto