• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

vittoria85

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Salve a tutti, vorrei porre il seguente quesito:

sono proprietario di un immobile di circa 240 metri quadrati, il quale va ristrutturato. Non avendo la disponibilità economica per poter ristrutturare il tutto stiamo vagliando la proposta di un'impresa edile di ristrutturare parte dell'immobile (noi dovremmo solo ammobiliarla) con in cambio la cessione del resto dell'immobile (costituito da 3 appartamenti che andranno anch'essi ristrutturati e poi venduti). La permuta si realizzerà al momento del collaudo dei lavori della parte che rimarrà a noi. Ora posto che la spesa dovrà essere sostenuta dall'impresa (acquisto dei materiali e di tutto ciò che occorre) c'è un modo per poter poi usufruire del bonus per la detrazione del 50 per cento fino a 96 mila euro?.


grazie a chi potrà rispondere.
 

Balian

Membro Junior
Agente Immobiliare
La detrazione richiede che tu paghi e poi vai in detrazione in 10 anni detto in soldoni.

Se non paghi ma permuti direi che non funziona.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
La detrazione richiede che tu paghi e poi vai in detrazione in 10 anni detto in soldoni.

Se non paghi ma permuti direi che non funziona.
no, è la stessa cosa, vendita o permuta, c'è una risoluzione dell'ade che chiarisce questo aspetto.
Quindi può detrarre. Ricercare per credere.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Salve a tutti, vorrei porre il seguente quesito:
sono proprietario di un immobile di circa 240 metri quadrati, il quale va ristrutturato. Non avendo la disponibilità economica per poter ristrutturare il tutto stiamo vagliando la proposta di un'impresa edile di ristrutturare parte dell'immobile (noi dovremmo solo ammobiliarla) con in cambio la cessione del resto dell'immobile (costituito da 3 appartamenti che andranno anch'essi ristrutturati e poi venduti). La permuta si realizzerà al momento del collaudo dei lavori della parte che rimarrà a noi. Ora posto che la spesa dovrà essere sostenuta dall'impresa (acquisto dei materiali e di tutto ciò che occorre) c'è un modo per poter poi usufruire del bonus per la detrazione del 50 per cento fino a 96 mila euro?.


grazie a chi potrà rispondere.
Ti preoccupi del nulla.

Se l'impresa fosse seria acquisterebbe gli alloggi e li venderebbe dopo averli ristrutturati.

Se questo non fanno, evidentemente non hanno i soldi per fare impresa e vanno ricercando tali espedienti, per fare operazioni acrobatiche come quelle di intervenire su fabbricati, intestati ad altri.

Se sono poco liquidi, il rischio concreto e' che falliscano dentro, nell'operazione immobiliare stessa, molto prima che avvenga il collaudo.

Con gli alloggi che restano intestati a voi e i contenziosi in essere poco importa delle detrazioni.
 
Ultima modifica:

vittoria85

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
In risposta all'ultimo commento: mi preoccupo di cose che mi interessano, non del nulla. Se l'impresa comprasse gli appartamenti non avrebbe senso parlare di contratto di permuta, sarebbe una vendita. Se dovessero fallire la proprietà rimarrebbe comunque la nostra, come del resto tutti i lavori fatti fino a quel momento, sarebbero loro a perderci. L'unica operazione acrobatica mi sembra la tua risposta, totalmente avulsa dalla domanda!

Per quanto riguarda gli altri commenti pertinenti chiedo se secondo voi è possibile stipulare un contratto nel quale l'impresa, in forza della permuta, si impegna a restituire le somme derivanti dalle detrazioni, grazie ancora per l'attenzione.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Ti rispondo di si.
Però c'è un passaggio che sarebbe opportuno conoscere e vorrei tu approfondissi dandoti un accenno, con il notaio.
Il contratto di permuta e' un atto notarile dove la proprietà viene passata all'acquirente e dove vi e' l'obbligo per legge del rilascio della fideiussione di pari valore dell'immobile promesso, dove dovrai anche stabilire un capitolato lavori ecc.
Alla consegna ci sarà un successivo atto di identificazione. Potrai già stabilire le detrazioni che passeranno a te. La legge già lo prevede salvo diversi accordi.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
secondo voi è possibile stipulare un contratto nel quale l'impresa, in forza della permuta, si impegna a restituire le somme derivanti dalle detrazioni
Non sono esperto di queste acrobazie con la liquidità, ma conosco un ex palazzinaro che ogni due anni chiudeva l'impresa per aprirne un'altra, in modo da non esporsi a contenziosi di alcun tipo.
Per cui, se un'impresa mi promettesse di darmi dei soldi per dieci anni, non mi fiderei.
Potrebbe fallire, e non rivedrei i miei soldi.
Potrebbe chiudere, e non li rivedrei comunque.
Potrebbe decidere di non darmeli, e dovrei pagare un avvocato per averli (senza la certezza dell'esito).

In questo caso vale il detto: pochi, maledetti, e subito.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
secondo me dobbiamo chiarire:
importo detrazioni vanno ad aumentare il prezzo (qui il problema secondo me non si pone, se accetta il prezzo) oppure vengono chieste da chi inizia la ristrutturazione e passano a lui dopo l'atto di intestazione dell'immobile.
Nel primo caso è come se li prendesse subito, nel secondo caso li detrae in 10 anni
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Non sono esperto di queste acrobazie con la liquidità,
Come vedi @vittoria85 non sono il solo ad utilizzare talune definizioni.

Dovresti concentrarti di più, della sostanza degli argomenti esposti, invece di imbruttirti sul piano personale.

Oltre a quanto esponeva il Davide c’e’ da aggiungere che le imprese possono pure appaltare a loro volta.
Prendendo il possesso di fatto faranno come a casa loro e non è detto che alla fine tali opere si potranno definire migliorie.

Da tali circostanze ci si puo’ garantire nei termini che ti ha spiegato la piu’ delicata Rosa1968.

Da qui torniamo a bomba.

In tre parole bisogna che abbiano i soldi per le fideiussioni.
Perché ’la banca, privato come te, ma piu’ accorta di te, non si prende in carico il loro rischio di impresa.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Le fideiussioni sono un obbligo di legge senza no party.
Io credo che debba farsi seguire da un professionista del settore il quale possa anche valutare ogni aspetto dell'operazione anche sul valore e sul potenziale della sua proprietà.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Le fideiussioni sono un obbligo di legge senza no party.
Io credo che debba farsi seguire da un professionista del settore il quale possa anche valutare ogni aspetto dell'operazione anche sul valore e sul potenziale della sua proprietà.
Se avevano i soldi comperavano.

Ultimamente se ne vedono spesso di soggetti, che mediano per reperire affari di questa natura, in genere provenienti da Milano.
Alla ricerca di fabbricati da riattare al cento per cento permuta.

Utilizzano i loro inglesismi, per spiegarti i loro piani economici, snocciolando di investimenti, che non prevedono ne esborsi di danaro e ne rischi.

Lascia fare a loro.
 
Ultima modifica:

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Ma non generalizziamo.
Se l'utente si fa seguire da un professionista perché no.
Il suo intento e' avere una casa nuova perché non valutare questa opportunità. Con le giuste precauzioni ovvio, valutando chi ha di fronte e avendo le giuste garanzie.
 

vittoria85

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Ma non generalizziamo.
Se l'utente si fa seguire da un professionista perché no.
Il suo intento e' avere una casa nuova perché non valutare questa opportunità. Con le giuste precauzioni ovvio, valutando chi ha di fronte e avendo le giuste garanzie.
Buongiorno Rosa,
il geometra che ci ha proposto lo scambio ha proposto, sentito un esperto, una promessa di permuta con riserva di proprietà e appalto. per quanto riguarda le detrazioni ero praticamente certa che non si potesse fare, a meno che non siamo noi a pagare i materiali ecc. (cosa che vogliamo evitare)
Come vedi @vittoria85 non sono il solo ad utilizzare talune definizioni.

Dovresti concentrarti di più, della sostanza degli argomenti esposti, invece di imbruttirti sul piano personale.

Oltre a quanto esponeva il Davide c’e’ da aggiungere che le imprese possono pure appaltare a loro volta.
Prendendo il possesso di fatto faranno come a casa loro e non è detto che alla fine tali opere si potranno definire migliorie.

Da tali circostanze ci si puo’ garantire nei termini che ti ha spiegato la piu’ delicata Rosa1968.

Da qui torniamo a bomba.

In tre parole bisogna che abbiano i soldi per le fideiussioni.
Perché ’la banca, privato come te, ma piu’ accorta di te, non si prende in carico il loro rischio di impresa.
Carissimo,
secondo me dovresti concentrarti nel rispondere più educatamente. Ho fatto una domanda riguardante le detrazioni e hai risposto con tutt'altro, in modo alquanto inutile. Non mi permetterei mai di dire a una persona che si sta preoccupando del nulla. Sei l'unico che ha posto delle questioni in questo modo, mi sarei fatta una domanda. Ora mi concentro sulle risposte pertinenti, grazie.
 

vittoria85

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
E' possibile stipulare una promessa di permuta con riserva di proprietà e appalto? Ci è stata proposta una bozza ma non so fino a che punto sia fattibile...
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Ora mi concentro sulle risposte pertinenti, grazie.
Fai pure.

Intanto ci gustiamo la tua stessa risposta pertinentissima quasi quanto la mia.


E' possibile stipulare una promessa di permuta con riserva di proprietà e appalto? Ci è stata proposta una bozza ma non so fino a che punto sia fattibile...
La permuta, esiste da mille anni prima della compravendita.

Perchè si compravendeva ancor prima che inventassero il denaro che avveniva con lo scambio di beni e che lo sostituiva.

Quello che state facendo, col geometra, l'impresa e chissà quale altro stregone, non ha nulla a che vedere con la permuta.

Se l'impresa fosse seria ti comprerebbe i tre alloggi residui.
Anche solo in forza di compromesso.

Così avreste i soldi da rigirare loro per ristrutturare, il pieno titolo, sia di proprietà che per detrarre le spese.
Senza il bisogno di interventi di terzi garanti ne di peripezie fiscali.

Sempre ammesso che volete gli alloggi ristrutturati in cambio del ricavo.
Che è la definizione della permuta.

Atteso che da quello che pare di intuire dal tuo intervento di esordio, l'operazione è finalizzata al ricavo economico, dopo aver venduto gli alloggi.

Ecco perchè ti risulta difficile definire permuta quello che state facendo.

State facendo altro.
 
Ultima modifica:

vittoria85

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Fai pure.

Intanto ci gustiamo la tua stessa risposta pertinentissima quasi quanto la mia.




La permuta, esiste da mille anni prima della compravendita.

Perchè si compravendeva ancor prima che inventassero il denaro che avveniva con lo scambio di beni e che lo sostituiva.

Quello che state facendo, col geometra, l'impresa e chissà quale altro stregone, non ha nulla a che vedere con la permuta.

Se l'impresa fosse seria ti comprerebbe i tre alloggi residui.
Anche solo in forza di compromesso.

Così avreste i soldi da rigirare loro per ristrutturare, il pieno titolo, sia di proprietà che per detrarre le spese.
Senza il bisogno di interventi di terzi garanti ne di peripezie fiscali.

Sempre ammesso che volete gli alloggi ristrutturati in cambio del ricavo.
Che è la definizione della permuta.

Atteso che da quello che pare di intuire dal tuo intervento di esordio, l'operazione è finalizzata al ricavo economico, dopo aver venduto gli alloggi.

Ecco perchè ti risulta difficile definire permuta quello che state facendo.

State facendo altro.
non capisco perché continui a rispondere, non sei di aiuto, grazie lo stesso, attendo altre risposte educate e meno celebrative, grazie!
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
E' possibile stipulare una promessa di permuta con riserva di proprietà e appalto? Ci è stata proposta una bozza ma non so fino a che punto sia fattibile...
ciao,
è più complesso come contratto, perchè con la riserva di proprietà rimani comunque proprietario, l'acquirente è come se si prenotasse e con il saldo si intesta la proprietà, ma dato che l'immobile prenotato tra virgolette cambia, la massima tutela è quella che ti ho proposto io, rogito con rilascio di fideiussioni. Con il contratto che ti hanno proposto non hai tutele, il contratto di appalto sarà intestato in te .....
Devi valutare anche l'aspetto fiscale, nella permuta dovrai pagare l'IVA.
Parlane con il notaio che ti chiarisce tutti gli aspetti anche fiscali.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto