1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alexcorso

    alexcorso Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti,

    a prescindere delle percentuali che un'Agenzia Immobiliare applica, vorrei sapere se su tali importi va aggiunta l'I.V.A.
    Lo chiedo perchè sono venuto a sapere per esempio che i mediatori creditizi sono IVA esenti, tale legge vale anche per le Agenzie Immobiliari???

    Grazie a tutti
     
  2. Abakab

    Abakab Ospite

    No + IVA 20%
     
  3. alexcorso

    alexcorso Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    quindi non rientra nel dpr 633/72 ???
     
  4. Abakab

    Abakab Ospite

    No fatturiamo a regime IVA normale.
    Ti ricordo che la fattura se è relativa all'acquisto prima casa e come parte acquirente avrai la possibilità di scaricare il 19% su un massimo di 1000€ .. qualunque sia l'importo della fattura.
     
    A Roby piace questo elemento.
  5. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    .. a meno che, come il sottoscritto, non si sia optato per il regime dei "Contribuenti Minimi", con tutte le condizioni che ciò comporta! :occhi_al_cielo:

    ;)
     
  6. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...cioè fattura senza IVA (se fatturi ai privati!) :ok:
     
    A Limpida piace questo elemento.
  7. Tommaso Badano

    Tommaso Badano Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ma ... significa che se si fattura a imprese i contribuenti minimi devono aggiungere l'IVA? Nel vademecum dell'Agenzia delle Entrate non ho trovato nessun riferimento in merito. Grazie se mi illumini e mi citi la fonte.
     
  8. Antonella de Paolis

    Antonella de Paolis Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Con la nuova finanziaria salta anche questo. Gia faceva ridere prima........
     
  9. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Antonella, quindi il 19% su 1000 per prima casa è saltato?

    Per i minimi: è una questione che mi sto domandando, in pratica nella fattura ai privati non vi è l'IVA e per le ditte vi è la ritenuta d'acconto, ma nella proposta che facciamo sottoscrivere e nell'incarico quando citiamo la % della provvigione dobbiamo inserire la dicitura "(+IVA)"?
     
  10. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se si fattura ad imprese c'è la ritenuta d'acconto. Come riferimento puoi prendere:
    - Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria per l’anno 2008), articolo 1, commi da 96 a 117, pubblicata nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007
    - Decreto attuativo del Ministro dell’economia e delle finanze 2 gennaio 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 11 gennaio 2008, n. 9.
    Tutti i provvedimenti sopra elencati sono reperibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate:
    www.agenziaentrate.gov.it
    Sul sito cliccando sulla voce “Regime agevolato contribuenti minimi” è possibile anche compilare un test
    per verificare il possesso dei requisiti richiesti per l’entrata nel nuovo regime.
    ...questo in linea di carattere generale. Nello specifico un buon commercialista potrebbe esserti più utile di me...
    Saluti. Enzo
     
  11. Tommaso Badano

    Tommaso Badano Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie, ok per la ritenuta d'acconto. Quindi i minimi sono e restano senza IVA, quindi avevo frainteso la tua risposta e mi sono allarmato per nulla. Saluti. Tommaso
     
  12. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ma io che ho il regime dei minimi quando fatturo devo fare pagare l'IVA ai clienti? Es. provvigione del 3% + IVA? o no?
     
  13. Tommaso Badano

    Tommaso Badano Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Chi è contribuente minimo paga sempre l'IVA su ciò che acquista (mettendola come costo) ed emette fattura ai propri clienti senza IVA ai sensi art. 1 comma 100 legge 244/2007. Quindi, provvigione 3% e basta. I clienti privati sono tutti contenti perché spendono molto meno, ma resta il fatto che quando si compra qualcosa a noi costa tutto il 20% in più è non scarichiamo. Ad esempio la pubblicità: mille euro per un'agenzia in contabilità ordinaria per noi sono 1200. Pro è che come agenzia siamo più concorrenziali, contro che spendiamo di più degli altri. Personalmente preferirei fatturare (abbondantemente) oltre i 30mila ed essere soggetto ad IVA anch'io. Ma tuto dalla vita non si può avere.
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare



    Si. Non lo legge nessuno e molti fanno finta di saperlo.... ma è molto meglio metterlo.

    Silvana
     
  15. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Tommaso e Bagudi avete detto cose diverse. Come contribuente minimi devo chiedere l'IVA del 20% sulla provvigione?
     
  16. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Nella proposta dell'acquirente al proprietario io non inserisco mai il mio compenso. Sull'incarico che mi dà l'acquirente o il proprietario, aggiungo sempre l' IVA, anche se rientro nel regime dei minimi, poiché nel futuro, cioé al pagamento, potrei aver cambiato di nuovo regime. Vuol dire che per l'acquirente e il venditore sarà una piacevole sorpresa.:ok:
     
  17. Tommaso Badano

    Tommaso Badano Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    No, i contribuenti minimo non devono chiedere l'IVA ai propri clienti. Attenzione però al volume d'affari: se si superano i 30mila euro di fatturato (ma non si superano i 45mila) l'anno successivo si entra nel regime ordinario; se si superano addirittura i 45mila di fatturato bisogna aggiungere l'IVA a tutte le fatture emesse l'anno precedente e andare a rincorrere i clienti per farsela pagare (cosa che vedo brutta da gestire). La dicitura +IVA secondo me è obbligatoria perché le mediazioni immobiliari sono soggette a IVA. Il fatto che noi si sia contribuenti minimi non soggetti ad IVA è un'altra cosa. Credo sia per questo che Silvana Bagudi (che peraltro secondo me non rispondeva a noi ma a Vagno) suggerisce di inserire la dicitura +IVA. Quindi io scrivo sempre "+IVA" avvisando il cliente che sono contribuente minimo per cui risparmierà l'imposta (cosa che non direi se sapesse - magari! - di superare i 45mila di fatturato).
     
  18. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sulla modulistica (che risale a quando NON ero contribuente minimo) il compenso è descritto "oltre IVA", mentre sulla fattura scrivo "Esente da IVA ai sensi dell’art. 1 comma 100 L.F. 2008" :ok:

    ;)
     
    A Limpida piace questo elemento.
  19. Antonella de Paolis

    Antonella de Paolis Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Se non se lo rimangiano è passato, così come gli interessi passivi sui mutui e le detrazioni per spese mediche ecc. Così ho letto sui giornali
     
  20. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Scusa mi dai i riferimenti? Io so .........
    LA RITENUTA SULLE PROVVIGIONI
    E' l'art. 25 bis del D.P.R. 600/73 che regola la ritenuta sulle provvigioni inerenti a rapporti di agenzia.
    Altresì, trova applicazione il contenuto del collegato fiscale alla Legge Finanziaria per il 2001, in base al quale la misura della ritenuta d'acconto corrisponde all'aliquota del primo scaglione reddituale IRPEF di cui all'art. 11 del T.U.I.R.
    Peraltro, dal 1/1/2001, la ritenuta sulle provvigioni (stabilita nella misura del 18,5% per il 2000) è quindi passata al 18%.
    Per l'anno 2002 la medesima aliquota è restata al 18%, poiché la finanziaria 2002 ha sostanzialmente confermato le aliquote dell'anno precedente, sospendendo esclusivamente la diminuzione delle aliquote in previsione per tale anno dalla precedente finanziaria (per l'anno 2002 l'aliquota del 24% sarebbe dovuta passare al 23%).
    Ai sensi del suddetto articolo i seguenti soggetti sono obbligati ad effettuare la ritenuta d'acconto dell'I.R.P.E.F. o dell'I.R.P.E.G. sulle provvigioni (comunque denominate, ed anche occasionali) derivanti da attività di intermediazione commerciale:
    - Le persone fisiche che esercitano attività d'impresa o di lavoro autonomo;
    - le società di persone ed equiparate;
    - le associazioni costituite da artisti e professionisti;
    - le società di capitali, gli enti e i soggetti assimilati indicati nell'art. 87 del D.P.R. 917/86.
    Restano escluse le imprese agricole.
    La ritenuta si applica sulle provvigioni inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari.
    La ritenuta è dovuta a titolo d'acconto dell'IRPEF sul 50% delle provvigioni corrisposte (cioè in misura del 9%), mentre è ridotta sul 20% delle provvigioni medesime (quindi in tale caso si applica in misura del 3,6%) se i percipienti dichiarano ai loro committenti che nell'esercizio della loro attività si avvalgono in via continuativa dell'opera di dipendenti o di terzi (1).

    considerata l'IVA odierna del 21% la calcolo come ritenuta d'acconto sul 50% imponibile se non ho dipendenti e metto il timbro esente IVA art......... come scritto sul timbro

    No per il regime dei minimi considerato che la ritenuta passa dal 20% al 5% non va calcolata nesuna ritenuta d'acconto.

    scusate riconosco il mio errore scusate
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina