1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ing.enzo

    ing.enzo Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve a tutti, sono un giovane ingegnere edile che non può più economicamente accontentarsi di un modesto rimborso spese da parte di qualche studio di progettazione, così pensavo ad una seconda attività da intraprendere o prima nel caso dovesse essere fruttifera. Visto che vivo in una città, Roma, con una forte richiesta di locazione, universitari, turisti, etc., pensavo di costituire una società per affittare immobili da privati e subaffittare interamente o parzialmente a terzi. Ho però diversi quesiti da porvi.
    Quale tipo di società (sas, srl, etc.) occorre costituire per affittare immobili da privati e subaffittare interamente od a stanze, con l’uso di bagno e cucina, a terzi?
    Parliamo di immobili ad uso abitativo A2, A2, etc.
    Che tipo di contratto di affitto è possibile stipulare col proprietario?
    Eventualmente fosse possibile il subaffitto, quale tipo di contratto di subaffitto è possibile stipulare?
    Per quanto concerne le tasse da pagare, come fiscalmente si agisce? Mi spiego meglio, questa società affitta un immobile da un privato a 1.000e e subaffitta a terzi la cui somma arriva a 1200e (ad es. 3 contratti singoli da 400e), le tasse si pagano sul plus di 200e? Cioè 1200e di subaffitto meno i 1000 di affitto? Quindi i 1000e di affitto vengono interamente scaricati?
    Stessa cosa per le utenze domestiche, cioè questa società può intestarsele e scaricarle totalmente?
    Nel caso tutte queste domande avessero esito favorevole, avrei anche altre cose da chiedere.
    Naturalmente accetto qualsiasi consiglio mi possiate dare.
    Vi ringrazio infinitamente per una vostra risposta.
     
  2. bonats

    bonats Membro Attivo

    Agente Immobiliare
  3. arch.martino

    arch.martino Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve Enzo ho il tuo stesso - identico - problema, con l'unica differenza che sono architetto, ma a parte i commenti - anche stupidi - che hai ricevuto in altri forum vedo che nessuno, neppure in questo ti ha risposto. Io sono di Milano e ho la stessa idea che vorrei applicare con la società che ha affittato a me e che ha diversi immobili. Ho anche in mente di proporgli la ristrutturazione (a mie spese) di alcuni di questi. Di fatto vorrei capire se siamo obbligati a costituire una srl, con tutte le noie fiscali che comporta.
    Ho indagato anche il funzionamento di altri tipi di società e di cooperative, ma mi sembrano ancor più complicate. Hai trovato qualche soluzione che potresti indicarmi? ti ringrazio ciao
     
  4. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non avete bisogno di costituire nessuna società, per l'affitto e sub affitto di immobili come l'avete in mente e non su grandi numeri (insomma se tenete su due o tre situazioni del genere), lo potete fare come persone fisiche.
    1. Scalate il costo della vostra spesa di affitto dall'utile (somma dei sub affitti) direttamente nella dichiarazione dei redditi.
    2. Non potete scalare dagli utili anche i costi delle bollette, spese condominiali a vostro carico etc...in quanto nell'imposizione fiscale a cui andrete incontro se ne tiene già conto con un abbattimento del 15%. Vi faccio un esempio: se una persona ha un appartamento è percepisce 1.000,00 Euro di affitto ed appartiene ad uno scaglione IRE (ex IRPEF) del 23%, in realtà non pagherà il 23% su 1.000,00 Euro di imposte su quel reddito, ma "solo" il 23% su 850,00 Euro in quanto gli viene data la possibilità di detrarre forfettariamente il 15% di costi presunti di gestione. La medesima cosa vale sui canoni di locazione che percepirete sub locando. Tutto quanto qui sopra vale per i contratti a canone libero 4+4 (quelli più comuni)
    3. Se aderite alla cedolare secca invece pagherete il 21% sulla redditività dell'investimento, non potrete prevedere aumenti ISTAT del canone di locazione, non potrete detrarre il 15% di cui sopra e non si dovrà pagare il 2% di registrazione annuale del contratto ed in più quello che percepirete non farà cumulo sul reddito (eventualmente non vi fa passare allo scaglione IRE successivo).
    4. Se il canone che proporrete sul mercato sarà adeguato potete pensare di sub affittare a canoni concordati (dovete vedere le tabelle del comune di competenza che impone un canone di locazione/mq calmierato) che offrono un ulteriore abbattimento che porta l'imponibile al 59,5% (contratti 3+2)
    5. Attenzione che nel vostro contratto di locazione sia contenuta espressamente la clausola che permette la sub locazione.
    In bocca al lupo.
     
  5. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non è stato abbassato recentemente al 5%?
     
  6. arch.martino

    arch.martino Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie Kolia Cassin,
    mi studio la tua risposta. Di fatto avevo bisogno di una conferma perchè l'approccio con la proprietà che deve avvallare il mio progetto è molto importante. E volevo sapere se potermi proporre come soggetto individuale.
    Ma approfitto per il passo sucessivo.
    Come ben segnali il subaffitto deve essere consentito nel contratto di locazione da me stipulato. La domanda però a questo punto è quale tipo di contratto è legalmete possibile fare a studenti/lavoratori per periodi temporanei e rinnovabile automaticamente ogni sei mesi? Come segnali, in questo caso la legge non prevede contratti a canone libero, cioè il tipo 4+4, ma contratti soggetti a tariffe agevolate e predeterminate, da comune a comune. E' cosi? Inoltre si fa la differenza tra sutenti residenti nel Comune e studenti fuori sede. Ci sono poi società che lavorano nel turismo e fanno ruotare appartamenti ammobiliati per gli eventi di fiere o altro, con contratti di tipo turistico/alberghiero, e anche con la possibilità di permanenze di vari mesi, ma non è il tipo di servizio a cui sto pensando.
    Non conosco il contratto 3+2 ora lo cerco e me lo studio.
    Sai darmi qualche altro suggerimento in proposito?
    Ti ringrazio in anticipo
     
  7. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Intanto come segnala Granducato il forfait è stato abbassato al 5% (credo sia anche già uscito in Gazzetta ufficiale, per cui dovrebbe essere già attiva questa modifica). Direi che per te è abbastanza indifferente il tipo di contratto che fai trattando camere singole e ammobiliate hai molti meno problemi a fare contratti transitori a studenti e lavoratori, è solo una questione di convenienza fiscale.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  8. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino


    Ciao Kolia! :) Non ho notizia di ciò per l'anno 2012. :confuso: Se poi in futuro saranno apportate modifiche, non so dirti/vi...E' una notizia che i pennivendoli hanno lanciato le settimane scorse, nell'eventualità che non si trovino altre risorse per gli ammortizzatori sociali.
     
  9. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Solo una cosa, poi sparisco: il nuovo regime sostitutivo non si applica ai contratti di sublocazione di immobili, in quanto i relativi redditi rientrano nella categoria dei "redditi diversi", di cui all'art. 67, c. 1, lettera h) del Tuir, e non tra i redditi di natura fondiaria.
     
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    provo a cercare, ma mi sembra sia gia uscito...
     
  11. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Se lo trovi, Umby, ti prego di postarlo! Grazie! :fiore:
     
  12. arch.martino

    arch.martino Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Wow ragazzi vedo che per voi è proprio pane quotidiano.
    Mi studio gli argomenti...
    Suppongo che si possano fare contratti di tipo transitorio a canone libero quindi.
    E che durata massima possono avere?
     
  13. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Anch'io ho avuto il dubbio che non si potesse aderire alla cedolare secca per il subaffitto, ma per un mio investimento personale a Milano in Via Palazzi ho approfondito la cosa e ho trovato riscontro all'agenzia delle entrate di Milano. Detto questo dei margini di dubbio effettivamente li ho avuti anch'io, ma mi sono adeguato all'indicazione di quello che comunque sarebbe l'organismo deputato al controllo.
    Per quanto riguarda il limite di tempo dei contratti ad uso transitorio non ve ne sono per quello che riguarda la durata massima, nei contratti di locazione si cerca di tutelare il conduttore inquilino ponendo dei limiti solo sulla durata minima.
     
  14. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' nel disegno di legge x la riforma del mercato del lavoro: decorrenza 2013
    (l'art al quale si fa riferimento secondo me non è il 37, ma il 34!! che abbiano sbagliato a scriverlo???:confuso:)

    Art. 71
    (“Misure fiscali”)
    1. All’articolo 164, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986 n. 917, sono apportate le seguenti modificazioni:
    alla lettera b), le parole “nella misura del 40 per cento” sono sostituite, ovunque ricorrano, dalle seguenti parole “nella misura del 27,5 per cento”;
    alla lettera b-bis), le parole “nella misura del 90 per cento” sono sostituite dalle seguenti parole “nella misura del 70 per cento”.
    2.Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente articolo. Nella determinazione degli acconti dovuti per il periodo di imposta di prima applicazione si assume, quale imposta del periodo precedente, quella che si sarebbe determinata applicando le disposizioni di cui al comma 1.
    3.All’articolo 37, comma 4-bis, primo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, le parole “15 per cento” sono sostituite dalle seguenti “5 per cento”. La disposizione del periodo precedente si applica a decorrere dall’anno 2013.
     
    A kolia cassin piace questo elemento.
  15. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Ma l'Agenzia delle Entrate di Milano ha letto la circolare n°26/E che il loro direttore ha emanato l'anno scorso? :):sorrisone: In fondo al paragrafo 1.2 si legge che la cedolare secca non può essere applicata ai canoni relativi ai contratti di sublocazione di abitazioni, in quanto i relativi redditi non rientrano tra quelli fondiari, ma tra i redditi diversi, disciplinati dall'art. 67 del Tuir. Naturalmente - è forse sta qui l'equivoco che ha generato la risposta dell'Ade - l'opzione può essere esercitata dal locatore principale per il contratto di locazione posto in essere con il locatario-sublocatore, a patto, però, che quest'ultimo non sia un'impresa o una società.
     
  16. desmo

    desmo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il contratto transitorio segue dei margini di tempo ben precisi, dai 30 giorni ai 18 mesi, non rinnovabile. Il legislatore intende tutelare il conduttore transitorio nel senso che in mancanza della ragione che ha giustificato la transitorietà il contratto transitorio (qualsiasi sia la durata impostata in quel range di cui sopra) viene ricondotto ipso jure al 4+4 a canone libero. Per cui il transitorio è un'arma a doppio taglio da usare con le dovute cautele. Sottolineo che alla scadenza si chiude automaticamente, per cui ne va fatto un altro ex novo.
     
  17. Marco900000

    Marco900000 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Buonasera a tutti, la domanda è un po vecchia ma ci provo ugualmente, anch'io avrei un idea del genere, però ho dei dubbi, il primo fondamentale per fare questo tipo di affitti (affittare ai turisti) è necessaria l'iscrizione all'albo degli agenti immobiliari? io sono geometra iscritto all'albo quindi non potrei.
    Qualcuno ha qualche riferimento alla legge o sa rispondermi? grazie
     
  18. desmo

    desmo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    se intendi intermediare tra proprietari e turisti, si, pertanto sei incompatibile. Se invece vuoi tu locare a turisti immobili di tua proprietà, no.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina