1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. clarachiara

    clarachiara Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    buongiorno, 30 anni fa dopo domanda ex 47/85 secondo tipologia 7 era potestà del comune chiedere integrazioni documentali molto ampie in presenza vincolo idrogeologico? Oggi, non avendole ottemperate e quindi dovendo portare a termine il condono secondo la doppia conforme, occorre soddisfarle tutte o su discrezione dell'attuale amministrazione le richieste di 30 anni fa possono essere alleggerite?

    secondo Normative sia Emilia Romagna che Lombardia. Grazie
     
  2. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Le richieste di integrazione sono fatte dagli uffici tecnici, non dalle amministrazioni e non ci dovrebbe essere discrezionalità (non sono decisioni politiche).
    Se da allora le normative sono cambiate in maniera più restrittiva, il fatto di non aver prodotto allora quanto richiesto potrebbe essere addirittura più problematico.
    Perché non le avete fornite allora ?
    Se si tratta di un condono la doppia conformità non c'entra nulla.
    Forse fai confusione coi termini.
    Non si può dare una risposta esaustiva senza conoscere la pratica nello specifico
     
  3. clarachiara

    clarachiara Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    specifico:
    le integrazioni furono chieste alla fine '86 ed essenzialmente erano:
    corografia zona vincolata; relazione abuso con disegni; perizia statica SULLE
    OPERE DI FONDAZIONE ESEGUITE in relazione alla geomorfologia ed uso del
    suolo...con STRALCIO DI RELAZIONEGEOLOGICA DEL P.R.G.
    Le "opere" eseguite nel'75 ca. erano: ricavato bagno e zona cottura da locale
    sgombero con cambio dest. uso per 5 mq tot.; scavo di intercapedine a L su due
    lati della casa con realizzazione sottofondazioni, muro di sostegno verso
    massa terrosa a contatto con la casa, posa di condotte idriche e fognarie
    nella stessa, con accesso da botola sul fianco della casa, non dalla casa, da
    cui però si sono aperti due finestrini che danno nell'intercapedine. Detta
    opera è ingegneristicamente perfetta (mio marito era ingegnere idraulico) e a
    distanza di 40 anni lo è tuttora. No aumento volumetria, no modificazione
    sagome. Si domanda se adesso, dopo tanto tempo, il
    comune possa, se vuole, chiedere meno, alleggerire la vecchia richiesta.
    Inoltre il grosso problema è che metà intercapedine fu scavata non su suolo
    pertinenziale ma vicoletto pubblico, questo ci dicono non appare sanabile, è
    possibile qualche strumento? e quale? Insomma, la casa (piccolo borgo
    contadino trascurato dagli uomini e da Dio) necessita urgentemente di nuova
    ristrutturazione dopo un abbandono di una decina di anni, ma per farlo occorre
    sistemare il passato. Siamo a cavallo fra Lombardia e E.R., tecnicamente in
    E.R., in collina. Quali speranze abbiamo?
    Inoltre tutti coloro con cui sono venuta a contatto, compreso il tecnico comunale, mi hanno parlato di doppia conforme.
     
  4. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    La richiesta di documenti non mi pare una cosa insormontabile da risolvere.
    Già si sarebbe potuto fare da allora senza troppi problemi, si tratta perlopiù di documenti facilmente producibili da qualsiasi tecnico (oggi più di allora).
    E' evidente che la pratica è stata a lungo trascurata, da allora ci sono stati almeno altri due condoni coi quali la situazione sarebbe stata risolta in maniera definitiva (si sanavano anche le costruzioni costruite in aree demaniali).
    Più problematica mi sembra la questione dell'invasione del viottolo pubblico.
    La pratica andrebbe affidata ad un tecnico esperto che trovi una soluzione ragionevole.
    Dopo quaranta anni la demolizione della parte "invadente" la pubblica proprietà dovrebbe essere da escludere, piuttosto potrebbero esserci degli oneri aggiuntivi da corrispondere al Comune per chiudere la partita.
    Il D.P.R. 380 del 2001 (non ricordo l'articolo specifico, forse il 37) e numerose sentenze hanno aperto la possibilità di sanatorie per le parti abusive di fabbricati la cui demolizione potrebbe comportare problemi per la statica della parte realizzata regolarmente.
    Sicuramente si tratta di attivare un'interlocuzione decisa con il Comune al fine di trovare una soluzione definitiva alla questione. Potrebbe essere anche necessario il pronunciamento del Consiglio Comunale a chiusura della faccenda, ma anche questo è un passaggio che andrà affrontato con l'Ufficio Tecnico ed eventualmente l'Amministrazione Comunale.
    Una cosa è certa, questa pratica non è risolvibile col fai da te o con le risposte di un forum, per quanto date da persone competenti in materia.
     
    A clarachiara piace questo elemento.
  5. clarachiara

    clarachiara Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    grazie, mi è stato di aiuto!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina