1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti avrei bisogno di un nuovo chiarimento in modo da non fare pasticci con il fisco.

    Dunque il mio coinquilino che usufruisce di una stanza nella mia abitazione il quale ovviamente contribuisce alle spese della casa bollette, ecc, mi ha chiesto di emettere una ricevuta su quello che paga. Io non ho saputo cosa dirgli perchè non so se andrei nelle grane e ho preso tempo.

    Quindi vi chiedo a voi che ne sapete certamente più di me se posso emettere una ricevuta con regolare marca da bollo sulle spese (non di affitto) che mi paga in nero e in contanti? Oppure potrebbe essere un problema con il fisco? Cosa gli dico al coinquilino?

    Grazie al primo che mi risponderà!
     
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ma l'immobile é tuo di proprietà? Comunque non capisco dove sta il nero. Le bollette sono comprovate. Idem il condominio. In contratto avete scritto una clausola ove si fa riferimento alle spese per utenze e condominio? Comunque rilascia ricevuta se la vuole. La marca da bollo non é obbligatoria.
     
  3. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Si è di mia proprietà. Non c'è nessun contratto siccome siamo amici di vecchia data, per questo mi è venuto il dubbio e in oltre per le spese me li paga in forfait quindi mi da tot al mese (non stiamo a contare quello che consumiamo). Per il momento ha detto che va bene così, però vuole le ricevute. Gli dico che va bene allora? Il fisco poi non mi rompe le scatole vedendolo magari come reddito in nero?
     
  4. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Mi preoccuperei di più di questa ospitalità sine titulo se fossi in te. Con un amico cosi pignolo metterei subito nero su bianco un bel contratto altro che. Se ti paga un fitto cé un nero quanto una....casa. Se sta da te gratuitamente si parla di comodato e anche questo va registrato obbligatoriamente. Se gli fai una cortesia come amico come spesso capita ,quando arrivano le bollette si divide la spesa e basta,senza forfait e altro.
     
  5. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Vi faccio meglio il quadro della situazione.

    Io sono in una villetta a schiera, la casa è grossa, mi ha sempre pagato un tot al mese, sta da me gratuitamente ha una stanza sua, le faccio pagare solo le spese per contribuire alla casa. Mai abbiamo pensato di registrare nè un contratto nè un comodato d'uso siccome ci conosciamo da anni, ha registrato solo la residenza, ha avuto problemi di casa e così l'ho ospitatato qui, anzi ospitata :) quindi è qui in amicizia ormai da 6 anni. Le ricevute mi sembra che li servono per compilare isee credo per provare ad aver qualche rimborso o agevolazione cose del genere, quindi vorrebbe documentare quello che paga.

    Quindi per emettere una ricevuta diciamo in regola per le spese e non aver problemi è meglio se si divide a metà? In questo modo si può comprovare che quello che paga sono davvero solo le spese?
     
  6. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    perche' non è obbligatoria? a mio avviso se supera le vecchie 150000 lire 1927,36 ovvero euro 77,83 va presa una vignetta alias marca da 2,00 euro[DOUBLEPOST=1412022076,1412021919][/DOUBLEPOST]
    se ha preso la residenza da 6 anni non so dirti ma adesso se una persona prende la residenza deve dichiarare anche il comodato che va registrato con imposta di registro fissa di registro ora di 200,00 euro
     
  7. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Per la marca da bollo è proprio così si paga per cifre superiori a 77€ e qualcosa.

    Ma per il comodato d'uso si deve fare anche se si abita insieme nello stessa casa? Mi sembra strano.
     
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    si purtroppo si[DOUBLEPOST=1412024007,1412023934][/DOUBLEPOST]si deve anche delimitare l'uso che si da in comodato praticamente si deve delimitare la zona che si da in comodato
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  9. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ah si? E che cosa devo mettere i paletti? Oppure i birilli? Non so a me mi sembra una cosa davvero assurda.
     
  10. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
     
  11. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista

    Ma quali paletti!Anzichè fare un contratto di locazione per studenti o lavoratori in cui si affittano le singole stanze fai un contratto di comodato ove indichi che le concedi l'uso di una stanza e delle parti comuni. Ma questa come ha preso la residenza senza un idoneo titolo abitativo?Senza un contratto non emettere ricevute,un consiglio.Ripeto questa tua amica è davvero amica nel chiederti le ricevute per queste stupidate.Quando mai certe spese si scaricano?Comunque se le vuole registrate un comodato gratuito prevedendo altresì il pagamento delle sole utenze e condominio.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  12. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non ti arrampicare sugli specchi
     
  13. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie, adesso ho capito meglio. Farò come mi avete consigliato.
     
  14. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Abbiamo deciso di regolarizzarci. Quindi di fare un contratto di affitto per una stanza in modo da non aver più di questi problemi.
    Può andare bene un contratto ad uso transitorio 1+1?
     
  15. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    O forse è meglio un canone libero 4+4 siccome starà qui ancora un po' di anni
     
  16. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il transitorio se motivato puo'arrivare fino a 18 mesi[DOUBLEPOST=1412168317,1412168280][/DOUBLEPOST]Meglio un 3+2 rivolgiti o associazione patronato o meglio AI
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  17. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Concordo con top
     
  18. LAURA.CIR

    LAURA.CIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Per Il comodato non è richiesta la forma scritta. Se verbale, è soggetto all'obbligo di registrazione esclusivamente in caso di enunciazione in altri atti

    Il comodato è il contratto con il quale una parte, detta comodante, consegna all'altra, detta comodatario, una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta, ma senza essere tenuta a pagare alcun corrispettivo (articolo 1803, comma 1, del codice civile). Il comodato è un contratto essenzialmente gratuito (articolo 1803, comma 2, c.c.), ma è controverso se con la gratuità sia compatibile qualche beneficio a favore del comodante. Quando sia pattuita una controprestazione, di qualsiasi natura e forma, si realizzano gli estremi del contratto di locazione. Tuttavia, l'accordo per un compenso a favore del comodante, che rimanga modestissimo, non è incompatibile con la volontà negoziale di comodare la cosa. In tal senso, la Corte di cassazione con sentenza 485/2003, secondo la quale il comodato rimane tale anche qualora siano posti a carico del comodatario degli oneri, purché gli stessi non siano tali da costituire una vera e propria controprestazione. Analogamente, la Cassazione, con sentenza 13920/2005, ha riconosciuto natura di comodato, e non di locazione, al contratto in cui viene posto un modus, a carico del comodatario, "purché esso non sia di consistenza tale da snaturare il rapporto, ponendosi come corrispettivo del godimento della cosa ed assumendo quindi la natura di una controprestazione". Nei casi dubbi, l'Agenzia delle Entrate, ai sensi dell'articolo 20 del Dpr 131/1986 (Testo unico dell'imposta di registro), applicherà l'imposta di registro secondo l'intrinseca natura e gli effetti giuridici dell'atto presentato alla registrazione, prescindendo dal titolo o dal nome attribuito dalle parti all'atto (cosiddetta irrilevanza del nomen juris). Il comodato, essendo un prestito d'uso con l'obbligo di restituire la stessa cosa, ha per oggetto, di regola, solo cose inconsumabili e infungibili, ma è valido anche il comodato cosiddetto ad pompam, che ha per oggetto cose fungibili. Il comodato può quindi avere per oggetto le cose mobili o immobili, le universalità (come l'azienda) e i beni mobili registrati. Trattandosi di un contratto a titolo gratuito, le spese per la registrazione sono poste a carico del comodatario. Il comodato, poiché non è compreso fra i contratti per i quali è richiesta la forma scritta, a pena di nullità, ai sensi dell'articolo 1350 codice civile, è a forma libera. L'imposta di registro, in generale, colpisce tutti gli atti scritti a contenuto patrimoniale. Sono, invece, esclusi dal campo di applicazione dell'imposta i contratti verbali, ad eccezione di quelli espressamente previsti dall'articolo 3, comma 1, del citato Testo unico dell'imposta di registro. Per tutti gli altri contratti verbali la registrazione è prevista solo qualora le relative disposizioni siano enunciate in altri atti, ai sensi dell'articolo 22 del citato Testo unico. In base all'articolo 5, comma 4, della parte prima della Tariffa allegata al Dpr 131/86, il contratto di comodato di beni immobili, in forma scritta, è soggetto a registrazione in termine fisso (venti giorni dalla data dell'atto), con l'applicazione dell'imposta di registro nella misura fissa di 168 euro. Come precisato dalla risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 14/E del 6 febbraio 2001, poiché nella norma non vi è alcun riferimento alla tipologia della forma, il contratto scritto è sottoposto all'obbligo della registrazione indipendentemente dalla specifica forma in cui è redatto (atto pubblico, scrittura privata autenticata o non autenticata). L'articolo 3 della parte seconda della Tariffa citata prevede, per il comodato di beni mobili, redatto nella forma di scrittura privata non autenticata, la registrazione solo in caso d'uso, con l'applicazione dell'imposta di registro nella misura fissa di 168 euro. Qualora, invece, il comodato di beni mobili venga redatto in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata, come puntualizzato dalla menzionata risoluzione n. 14/2001, si applicherà la norma di carattere residuale dell'articolo 11 della parte prima della Tariffa, che prevede l'obbligo della registrazione anche per gli atti pubblici e le scritture private autenticate non aventi per oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale: il comodato sarà soggetto all'obbligo della registrazione in termine fisso (venti giorni dalla data dell'atto) con l'applicazione dell'imposta nella misura fissa di 168 euro. Per il contratto verbale di comodato, invece, l'articolo 3, comma 1, del Testo unico dell'imposta di registro, nell'elencare i contratti verbali da sottoporre a registrazione, non richiama il contratto di comodato. Pertanto, i contratti verbali di comodato, sia che abbiano per oggetto beni immobili che beni mobili, non sono soggetti all'obbligo della registrazione, tranne nell'ipotesi di enunciazione in altri atti. L'articolo 3, comma 2, infatti, rinvia al successivo articolo 22, in base al quale: "Se in un atto sono enunciate disposizioni contenute in atti scritti o contratti verbali non registrati e posti in essere fra le stesse parti intervenute nell'atto che contiene la enunciazione, l'imposta si applica anche alle disposizioni enunciate. Se l'atto enunciato era soggetto a registrazione in termine fisso è dovuta anche la pena pecuniaria...". Al riguardo, la già citata risoluzione 14/2001 richiama la sentenza n. 13 del 3 gennaio 1991 della Corte di cassazione, secondo la quale "nel sistema della legge di registro una convenzione verbale enunciata in un atto scritto costituisce oggetto d'imposta" e la sentenza n. 7 del 1999 della Corte costituzionale, che, riconoscendo la piena legittimità della tassazione degli atti enunciati in provvedimenti giurisdizionali, ha affermato: "se l'atto enunciato era soggetto ad imposta in termine fisso, le parti risultano inadempienti ad un loro preciso dovere fiscale; nonostante ciò la legge, come si è rilevato, consente loro di allegarlo o enunciarlo ugualmente ed al giudice di porlo alla base della propria decisione. Tale garanzia, peraltro, non può comportare la trasformazione in lecito di un comportamento illecito; per questo il legislatore delegato ha disposto che l'atto sia inviato all'ufficio del registro per essere sottoposto alla tassazione ed all'applicazione delle sanzioni per la ritardata registrazione. Se, invece, il provvedimento enunciato è soggetto a tassazione in caso d'uso, è proprio la sua allegazione in giudizio che, rappresentandone una forma d'uso, ne legittima la sottoposizione all'imposta di registro". In sintesi, i contratti verbali di comodato sono soggetti all'obbligo della registrazione esclusivamente nel caso di enunciazione in altri atti. Va precisato, infine, che l'imposta di registro viene versata con modello F23, utilizzando il codice tributo 109T.
    Per quanto riguarda le spese condominiali o le bollette basta una ricevuta senza alcuna marca da bollo il rilascio della ricevuta va rilasciata per il pagamento dell'affitto. Marca da bollo €. 2,00
     
  19. xmestessox

    xmestessox Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie! I vostri interventi mi hanno fatto avere un quadro della situazione più chiaro. Ora vediamo cosa possiamo fare mettendoci d'accordo.

    Una cosa l'ho capita sicuramente: che il campo immobiliare è più complicato di una laurea in medicina :shock::sorrisone:
     
    A topcasa piace questo elemento.
  20. amarilli

    amarilli Membro Attivo

    Altro Professionista
    HO letto la risposta chiarissima che mi era sfuggita , la risposta mi lascia un solo interrogativo,l'appartamento in genere si affitta allegando la visura catastale e deve avere dei requisiti x legge .Se l'appartamento è unico una volta c' era abitudine affittare una stanza con uso cucina ......ma da quando ci sono i monolocali la cosa è inusuale ,anche gli studenti coaffittano in tre/ e più un appartamento ,sono più liberi ed indipendenti . Si può ,quindi , dare una parte di stanze della casa ,con accesso dalla porta di servizio dell'appartamento ,per ricoprire le spese utenze e tasse divenute insostenibili?( o no !!) io condivido con mia figlia ,mezza abitazione x ciascuno ,con servizi doppi ,2 cucine ,bagno ecc ,ma se mia figlia va via e prende una casa tutta per sè, io posso condividere con una conoscente o amica di cui ho fiducia ,spese condominiali e utenze senza contratto ,per non trovarsi poi a discutere e con la casa occupata, posso fare un comodato ,senza stabilendo
    che non è tutta la casa che condivido ,ma solo una parte??
     
    Ultima modifica: 12 Ottobre 2014

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina