1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Gradirei sapere se esiste qualche strada per prendersi un immobile su cui è stata fatta una rinuncia all'eredità. Gli eredi PUR rinunciando possono farmi qualche scrittura privata? possono autorizzarmi ad occuparlo a chi mi devo rivolgere?
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Per far questo mi parrebbe opportuno fare una scrittura che venga sottoscritta dal un PU (notaio) dove sia compreso anche il passaggio di utilizzo, proprietà o quello che riterrete opportuno...;)
    spero essere stato d'aiuto...:)
     
  3. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se i chiamati all' eredità hanno rinunciato alla stessa, non acquisiscono la qualità di eredi, quindi l' eventuale scrittura privata sarebbe senza valore, anche se fatta avanti PU (notaio). Qualora, invece, i chiamati all' eredità disponessero dei beni ereditari, prima della rinuncia, il detto comportamento farebbe acquisire la qualità di erede e la rinuncia non avrebbe valore, però la scrittura privata avrebbe valore.

    Smoker
     
    A Sarah333 piace questo elemento.
  4. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    la situazione è un pò più complessa a causa degli istituti della rappresentazione e dell accrescimento. L eredità vacante in ogni caso non è mai di nessuno fino al limite di erede lo stato. Quindi ti chiedo: i rinuncianti hanno figli? Rinunciano tutti? Come hanno detto gli altri rinunciando all eredità tale immobile non è loro infatti e non possono compiere atti di disposizione su di esso..
     
  5. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie per le risposte,pero' la mia domanda è fatta per sapere se c'è qualche semplice soluzione al problema,tengo a precisare che l'immobile è attualmente intestato al decuius e i figli hanno rinunciato all' eredità.
    In questo caso se i figli non possono fare scritture private e non possono vantare piu' nulla posso occupare l'immobile e poi in seguito fare una causa di usucapione?
     
  6. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    No. Assolutamente.come ti ho detto subentrano i chiamati ulteriori perché l eredità non può restare vacante. Ci sono figli dei rinuncianti? Moglie del de cuius? Rinuncia pure lei?

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    te la faccio più semplice..tutti i chiamati all eredità rinunciano? I chiamati hanno a sua volta figli?
     
  7. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    I figli hanno rinunciato i nipoti sono minori il coniuge è deceduto
     
  8. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ok,allora opera la rappresentazione.

    Infatti tutti i figli, minori e non, di soggetti chiamati all'eredità che poi rinunciano,vengono a sua volta chiamati all'eredità per rappresentazione.Tuttavia il fatto che vengano chiamati non significa che devono per forza accettare.
    Quì, trattandosi di minori, il genitore non può rinunciare automaticamente anche in nome dei figli ma,per poter farlo, dovrebbe essere autorizzato dal giudice tutelare dopo apposito ricorso in tribunale.
    Nel caso in cui ciò non fosse fatto i minori resteranno chiamati all'eredità (ma non eredi) fino ad un anno dalla maggiore età se intendono accettare con beneficio di inventario o fino alla scadenza di dieci anni dall'apertura della successione (cioè in questo caso dall'avvenuto rinuncia dei singoli genitori) qualora intendessero accettare puramente e semplicemente.
    Al momento della maggiore età, qualora questi figli volessero rinunciare, non avranno che da ripetere quanto già fatto dai propri genitori.
    Nel caso di rinuncia non autorizzata l'atto compiuto dai genitori potrebbe essere annullato dal diretto interessato minore,oppure dai suoi eventuali aventi causa e/o dall'altro genitore qualora in disaccordo.

    Spero di essere stata chiara.A disposizione per ulteriori chirimenti;)
     
    A RETORETO piace questo elemento.
  9. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Tiringrazio,in parole povere, se io vorrei occupare e prendere questi locali(magazzino) cosa posso fare per tutelarmi e cosa posso fare riuscendo a rintracciare i figli che hanno rinunciato? loro possono farmi qualche scrittura privata per stare (un pochino) tranquillo da qualche invidioso che potrebbe parlare sai sono in condominio.
     
  10. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    i figli avendo rinunciato sono i signori Nessuno. Qualsiasi cosa facciano è carta straccia. Vuoi occupare il magazzino? X acquisirlo sono necessari 20anni. Nel momento in cui i figli del rinunciante decidono di accettare e suppongo ciò possa accadere prima dei vent anni dato che anche a volerli considerare appena nati passerebbero 18anni...tu devi restituire il bene con tutte le migliorie effettuate senza alcun rimborso. Insomma...levaci mano perché gli eredi ci sono...va a tuo discapito. Inoltre x usucapire il possesso deve essere manifesto e ininterrotto quindi alla luce del sole in poche parole e non clandestino.
     
    A RETORETO piace questo elemento.
  11. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Io sapevo 10 anni dalla eventuale apertura della successione,comunque se i figli che hanno rinunciato mi fanno una scrittura privata dove mi dichiarano di non vantare diritti sul bene e cosi' i loro figli secondo te potrei procedere all'occupazione?,insomma avere il loro accordo è importante? per eventuali interessati
    Comunque un legale mi ha detto che quando si rinuncia all'eredità il bene và al demanio con procedure lunghissime e tempi biblici pero' vi è il dubbio se fra venti anni si puo' fare l'usucapione (si possono usucapire i beni del demanio) ? alcuni legali dicono di si' quando si tratta di bene immobile
     
  12. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ti invito a leggere gli art del codice civile riguardanti la rinunzia all eredità 519-527. Non posso postarli perché sono fuori. Questa storia del demanio mi è nuova perché i beni demaniali hanno una definizione ben precisa che se non erro sta all art.822. Stai andando molto fuori tema.. Comunque te lo ripeto x la terza volta insieme ai colleghi prima di me:se gli eredi rinunciano SONO I SIGNORI NESSUNO E NON POSSONO COMPIERE ATTI DI DISPOSIZIONE SUL BENE PERCHÉ NON NE SONO TITOLARI.

    Aggiunto dopo 1 :

    per l usucapione di beni immobili sono necessari 20anni...
     
    A RETORETO piace questo elemento.
  13. RETORETO

    RETORETO Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Ho scritto quelle cose perchè me li ha riferito un legale il quale mi ha ribadito piu' volte che gli eredi che rinunciano non hanno nulla a che vantare, proprio come tu mi riferisci,pero' mi ha detto che quando i beni vengono rifiutati (rinuncia) passano al demanio dello stato. Comunque ho aperto la discussione nella speranza che qualcuno mi indicasse una via piu' breve per prendere il possesso magari di (comune) accordo con i rinunciatari i soli a potermelo impedire.
     
  14. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    e purtroppo ti dico che questa strada non cè.. Si infatti volevo non andassimo fuori tema...parlare dei beni demaniali è già altro argomento. Ti ho spiegato la situazione come sta.purtroppo la legge la puoi raggirare ma non cambiare..e qui l usucapione non mi sembra fattibile...
     
  15. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Non è vero in assoluto ciò che dici, infatti in base all' art. 525 CC la rinuncia all' eredità può essere revocata: Fino a che il diritto di accettare l' eredità non è prescritto contro i chiamati che vi hanno rinunziato, questi possono sempre accettarla, se non è già stata acquistata da altro dei chiamati, senza pregiudizio delle ragioni acquistate da terzi sopra i beni dell' eredità

    Smoker
     
  16. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    si ma questo quando accettano anche se dopo. Nel momento in cui rinunziano non hanno nessun diritto. Dovrebbero fare revoca della rinunzia etc etc. Qui lui ha detto che i figli hanno rinunciato e stante la situazione ad oggi loro non possono fare nulla perché non sono titolari di nulla. Nel momento in cui accettano allora si. Non possono fare alcuno scritto che dia a retoreto alcun potere ora come ora.

    Aggiunto dopo 21 minuti :

    ma tralaltro se i figli hanno rinunciato all eredità un motivo ci sarà e pure valido quindi non penso che revochino la rinuncia così facilmente. Se avessero voluto disfarsi del bene bastava accettare e mettere in vendita. Qui a loro dell eredità non gliene è fregato nulla... Andiamo x utopia e diamo un altra soluzione: retoreto rintraccia gli eredi,li convince a revocare la rinuncia,loro diventano titolari del bene e se ne disinteressano x vent anni facendo maturare in lui l usucapione. Bene se uno di loro morisse prima si apre la sua successione e la sua quota va agli eredi e si interrompe l usucapione se essi rivendicano il bene. Altra ipotesi..dopo la revoca della rinuncia donazione a retoreto..ma anche questa soggetta ai suoi problemi.. Altra ancora...cessione bene a titolo gratuito..ma..come giustificarlo? Insomma alternative complesse te ne posso indicare mille,ma prima l eredità deve essere accettata. Spero di essere stata chiara..
     
  17. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    è questo il punto che non condivido, il rinuncitante, se altro chiamato non ha accettato, conserva il diritto ad accettare l' eredità, quindi proprio titolare di nulla non risulta essere, sempre, sia chiaro, che altro chiamato non abbia accettato.
    Nel caso specifico di Rovereto appare chiaro che la situazione è più complessa di quella narrata dallo stesso, ma se Rovereto non spiega i motivi che lo induco a trattare con i rinuncianti le ipotesi sono molteplici. Io penso che Rovereto abbia trattato con i rinuncianti la compravendita e questi ultimi vogliano una somma di denaro quale prezzo della compravendita. Rovereto, quindi, vorrebbe tutelarsi con la scrittura privata. Molto rischioso, anche perchè sarebbe difficile fare assurgere la scrittura a revoca della rinuncia o comunque ad accettazione, salvo se fatta, la scrittura privata, anteriormente alla rinuncia stessa, però nel caso di contestazione del possesso, qualora lo avesse acquisito rovereto, per sbrogliare la matassa servirebbe sicuramente il Tribunale.
    In conclusione aspettiamo nuove di rovereto.

    Saluti Smoker

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    Ho scritto il nome Rovereto, ma si deve intendere come Retoreto.

    Smoker
     
  18. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    non sono titolari di nulla riguardo al bene oggetto di eredità. È quello che a retoreto interessa e sul quel bene nulla questio che ci sia possibilità di atti di disposizione fin quando non ne saranno titolari. E ciò con l accettazione di eredità. Lui non ha parlato di vendita,ma come acquisire diritti su questo bene oggetto di rinuncia dei fratelli...
     
  19. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Nulla quaestio.

    Smoker
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina