1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. promiri

    promiri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Nel 2007 ho donato a mio marito la metà della casa acquistata con le agevolazioni prima casa per comprare, sempre usufruendo delle suddette agevolazioni, l'appartamento in cui attualmente viviamo, completamente intestato a me.
    Ora vogliamo vendere l'appartamento intestato a mio marito, ma la banca per concedere il mutuo all'acquirente ci chiede di risolvere la donazione per mutuo consenso. Nessun problema! Ma quali sono le conseguenze dal punto di vista fiscale circa le agevolazioni di cui ho usufruito?
    La risoluzione ha effetto retroattivo? Se sì, subisco la revoca delle agevolazioni con sanzione e interessi?
    Ringrazio anticipatamente chi proverà a darmi una risposta
     
  2. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    ciao promiri,
    Ho lo stesso problema con un cliente e ho ricevuto conferma dal mio notaio, (è comunque l'unica soluzione per poter vendere) la risoluzione ha effetto retroattivo, quindi subisci la revoca delle agevolazioni se e quando l'agenzia delle entrate lo scoprirà.:shock:
     
    A promiri piace questo elemento.
  3. promiri

    promiri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La retroattività sarebbe equivalente a una falsa dichiarazione? perchè, se è così ho letto che l'amministrazione deve fare l'accertamento entro tre anni, a partire dall'anno successivo a quello della trascrizione dell'atto di vendita. Mi basterebbe fare l'atto nell'anno nuovo e sarei fuori dal pericolo di accertamento.
    Inoltre, in tema di risoluzione non è affatto pacifica l'interpretazione data dal tuo notaio. In un altro forum uno che sembra esperto dice:
    "Porre in essere questo tipo di contratto sicuramente può far rilevare problematiche di tipo fiscale, per esempio sulla decorrenza degli effetti del contratto stesso, anche se la maggior parte della dottrina in tal senso scarta l’ipotesi della retroattività: colui che era stato il donante, anche ai fini fiscali, ritorna ad essere proprietario dell’immobile a suo tempo donato solo nel momento in cui viene stipulata la risoluzione della donazione"
    Mi piacerebbe saper se qualcuno ha chiesto e ottenuto risposta dall'agenzia dell'entrate sulle implicazioni fiscali.
    Grazie comunque
     
  4. promiri

    promiri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
     
  5. Kangar

    Kangar Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao hai poi trovato una soluzione univoca?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina