1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve, morendo mio padre è stata fatta la successione come da testamento, senza che nessuno degli eredi contestasse nulla.
    A distanza di un anno è deceduta la moglia di mio padre (moglie di secondo letto).
    Ora il mio fratellastro erede universale della madre chiede azione di riduzione, la quota leggittima dovuta alla madre.
    Lo può fare? visto che la madre aveva accettato ciò che era scritto nel testamento?
    Cordiali saluti
    agnese
     
  2. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    direi di sì, può farlo, la madre in quanto moglie aveva diritto alla propria quota e dando il suo benestare a quanto previsto dal testamento ha, di fatto, rinunciato alla propria quota con conseguente diritto del figlio a succedere per rappresentazione.

    Avrei però bisogno di qlch chiarimento, che potrebbe essere spiacevole e mi scuso già: lo chiami fratellastro nel senso che era figlio di tuo padre? perchè in questo caso avrebbe avuto diritto (e magari così è avvenuto, non lo dici) ad una quota anche dell'eredità di tuo (vostro) padre. E qs potrebbe - ma confesso che essendo la successione materia complessa dovrei appronfondire - cambiare anche la mia risposta data sopra...
     
  3. geofin.service

    geofin.service Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Dovresti chiarire meglio... La moglie non possedeva nulla? Per non essere eredi di nulla, quando realmente un'eredità spetta, bisogna rifiutarla ;) Il fratellastro è figlio di chi? Comunque il testamento è valido quando non lede le quote...
     
  4. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Lo chiamo fratellastro in quanto è figlio di mio padre, ma non di mia madre, in quanto i due si separarono e poi mia madre morì e mio padre di risposò una seconda volta.
    La seconda moglie non possedeva nulla, erano separati, ma non divorziati.
    La madre all'apertura del testamento, disse che quello che gli aveva lasciato il marito, cioè un appartamento per lei stava bene, il resto non aveva importanza.
    Gli andava bene il testamento come era stato scritto dal pugno di mio padre.
    Alla successione tramite notaio, lei non era presente, ma l'avvocato del figlio e della madre e non contestò nulla.
    Quindi ora invece il figlio chiede la riduzione dell'eredità essendo stato nominato in un secondo tempo dalla madre erede universale di quello che gli sarebbe aspettato.
    Premetto che mio padre, in vita, ha donato al figlio di seconde nozze due appartamenti, dato che era il più piccolo della famiglia e mio padre pensava di morire presto e ha voluto tutelare il figlio minore, così come ha tutelato un figlio di primo letto, in quanto handicappato, con una stessa donazione, tramite un giudice minorile.
    Spero di essermi spiegata bene.agnese
     
  5. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sì, ti sei spiegata bene.
    Dunque, seppur è possibile che lui impugni il testamento, è pur vero che già in sede di divisione si è avvantaggiato della rinuncia all'eredità della madre avendo ereditato già in parte quello che sarebbe spettato alla madre quindi l'impatto economico per voi sarebbe minore.. (qs presupponendo che le quote tra i figli siano state uguali...)
    Ed in ogni caso cmq anche le donazioni fatte in vita dal defunto in favore degli eredi sono assoggettabili a collazione... perchè possa uscire vittorioso dall'azione di riduzione occorre che l'appartamento giunto alla madre con la successione valesse meno della legittima spettante a sua madre (che dovrebbe essere il 25% del patrimonio).
    A qs punto se vuole andare a ridiscutere del totale (di fatto impugna il testamento di vostro padre) deve cmq conferire immobili che ha ricevuto in donazione dal padre.
     
  6. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    n testamento redatto in polonia e quindi redatto in polacco che importanza ha per l'Italia, vale come un testamento italiano?
    agnese
     
  7. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Dunque, andrebbe approfondito meglio, ma ti direi che anche se redatto in lingua straniera se ha tutte le caratteristiche deve avere un testamento, sì credo sia valido. Qs se il testamento è olografo (scritto di pugno), potrebbe esser forse più problematico se la forma testamentaria utilizzata non trovasse un analogia italiana, anche se il ragionamento potrebbe esser lo stesso.
     
    A agnesepapini piace questo elemento.
  8. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ho domandato questo perchè il mio fratellastro è si nato in italia, ma di madre polacca e quando si separarono lei e mio padre, lei tornò con il figlio, in polonia.
    Dato che il mio fratellastro che chiameremo R ha un fratello e una sorella (deceduta) che ha lasciato una figlia, come sua erede, la richiesta che lui fà a noi vale solamente per lui o entrano anche i fratelli, che poi la madre che chiameremo T li ha avuti da due precedenti matrimoni, quindi anche loro sono fratellastri da parte di madre, mentre lui R per noi lo è da parte di padre.
    Una situazione ingarbugliata la nostra.
    agnese
     
  9. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Hai ragione, è una bella gatta da pelare :)
    Non ho idea di quale sia la legislazione polacca sulle successioni, però ragionando, tutto sommato non è problema che vi riguardi, mi spiego meglio.
    R e i suoi fratelli polacchi hanno ugual diritto di agire per ottenere la quota legittima (25%) del patrimonio di vostro padre, spettante alla madre defunta T. L'idea è a fronte di un patrimonio di tuo padre del valore di 100, a T spettava 25, mentre ha avuto 10. Gli eredi di T (direi chiunque di loro) hanno diritto ad agire per ottenere il residuo 15, come possano poi dividerselo non è un vs problema.
    probabilmente dirai, "già ma se R può agire solo x il suo 5 gli riconosceremo solo il suo 5". forse potrebbe essere una strada x mettervi d'accordo ed evitare una causa.. anche perchè se il patrimonio da dividere è alto i costi solo decine di migliaia di euro x ogni grado di giudizio... e alla fine potrebbe nn rimaner gran chè...
     
    A agnesepapini piace questo elemento.
  10. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    grazie infinite per questa risposta, vedremo il da farsi, è una bella gatta da pelare, e so che se andremo avanti avranno una pensione vitalizia solo gli avvocati
    agnese
     
  11. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Mio padre come ho detto in vita ha donato due appartamente ad un figlio, essendo minore, perchè lui pensava di morire e lasciarlo senza niente.
    Ora a giugno saranno 20 anni che gli ha donato questi appartamenti, noi vorremmo bloccare la vendita, di questi appartamenti e metterli nella successione, come fare?
    grazie
    agnese papini
     
  12. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non conoscendo esattamente come si son svolte le cose, è difficile darti una risposta, ma ci provo comunque..
    in teoria per qualsiasi azione ereditaria venga intrapresa (agendo per la divisione ereditaria / impugnando il testamento o finanche nel corso dell'eventuale azione di riduzione che il fratellastro vorrebbe intraprendere) è necessario primariamente ricostituire tutto il patrimonio ereditario per poi "far le fette"...
    Potreste pensare di trascrivere ai registri immobiliari gli atti di causa, giusto x disincentivare gli acquirenti dall'acquisto oppure provare ad ottenere un sequestro giudiziario dei beni in questione (ma senza dati più precisi non so dirti se qs seconda strada sia percorribile in concreto...)
    Sono idee.. però ti consiglio vivamente di rivolgerti ad un legale che saprà consigliarti...
     
    A agnesepapini piace questo elemento.
  13. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio per la risposta
     
  14. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    :ok: non c'è di che!
     
  15. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Altra domanda, scusami,
    mio padre ha donoto ad un altro fratello, nato handicappato tre appartamente, per il suo mantenimento, cosa che noi eredi abbiamo trovato giusto, si piò intraprendere un azione di riduzione anche su questo, perchè noi non vorremmo farlo, ma sicuramente qualche altro erede potrebbe farlo, come agire in modo che non venga lesa la parte del fratello handicappato, la donazione è stata fatta davanti ad un giudice per minori, perchè essendo handicappato, mio fratello,risulta sempre un minore.
    grazie
    agnese papini
    grazie

    grazie grazie
     
  16. agnesepapini

    agnesepapini Membro Junior

    Privato Cittadino
    Tutto tace?
    agnese
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina