1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. max01

    max01 Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Salve, volevo porre agli esperti il seguente quesito.
    Un genitore ( chiamato simbolicamente A ) , è intestatario di diversi beni acquistati in vita con il coniuge in data circa 1954.i
    L'altro genitore ( chiamato simbolicamente B ) ha ereditato altri beni dalla divisione con i suoi fratelli, di alcuni fabbricati e terreni lasciati dai suoi genitori, divisione avvenuta nel 1978 circa.
    I due coniugi hanno tre figli, i quali a loro volta hanno 2 figli a testa ( totale 6 nipoti ).
    Muore il genitore B.
    Il genitore A produce un testamento olografo con il quale lascia tutti i beni a se intestati ( quelli del 1954 ....) + 1/4 della parte del genitore B non ai figli, ma ai nipoti in quote non proprio uguali, ma secondo le sue volontà.
    Volevo sapere: il testamento è valido al 100% ?
    può essere impugnato, e se si , da chi?
    se potesse e dovesse essere impugnato, con quale motivazione?

    Spero di aver descritto chiaramente il quesito.
    Un grazie anticipato a tutti.
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Il testamento di per se e' valido se scritto di suo pugno sottoscritto e datato.
    Chiaramente potra' disporre solo di quello che effettivamente sara' di sua pertinenza al momento del decesso.
    Se va a ledere le quote di legittima i legittimari lesi alla sua morte dovranno fare azione di riduzione e chiedere la reintegrazione di quanto leso.
     
    Ultima modifica: 17 Ottobre 2013
  3. max01

    max01 Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Grazie della celere risposta;
    e se i legittimari lesi non dovessero fare alcun tipo di azione il testamento assume valore integrale?
    Se invece volessero intraprendere l'azione di riduzione, entro quanto tempo lo dovrebbero fare e in che termini?
    Grazie
     
  4. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Il testamento ha valore legale in quanto regolato dall'articolo 602 del codice civile.

    "l testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore. La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni . Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore . La data deve contenere l'indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento."

    Il diritto di adire all'azione di riduzione si prescrive nel termine di 10 anni.
     
    A Sim, marcellogall, Bruno Sulis e 1 altro utente piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina