1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Annoso e, praticamente irrisolvibile, dilemma di un agente immobiliare professionista: in quanto esperto e profondo conoscitore del mercato immobiliare, il mediatore, le valutazioni immobiliari se le deve far pagare oppure le deve “offrire” gratis al richiedente il servizio?
    Leggo, spesso, nelle inserzioni pubblicitarie delle agenzie immobiliari quanto segue: “ La nostra agenzia effettua valutazioni immobiliari gratuite del vostro immobile”.
    Bisogna capirsi: le valutazioni immobiliari sono gratis perché funzionali all’acquisizione dell’immobile oppure sono gratis comunque, in quanto l’agente tende ad accreditarsi presso la clientela al fine di innescare, in ogni modo, un avviamento commerciale virtuoso basato su un passaparola favorevole?
    La valutazione gratuita viene utilizzata come un biglietto da visita del mediatore, per avvalorare la sua professionalità e confermare la sua preparazione tecnica estimativa, al fine di fare un’impressione positiva verso il richiedente venditore, oppure è un servizio strettamente collegato all’operazione di vendita successiva?
    Se un soggetto domanda ad un agente immobiliare ( magari iscritto come perito valutatore nel tribunale di distretto ) di valutargli la casa, con una perizia analitica scritta e sottoscritta, perché, poi, desidera vendersela da solo all’effettivo prezzo di mercato, l’agente deve attenersi ai desiderata del cliente e fatturare la perizia analitica redatta in forma scritta, oppure deve tentare il “colpaccio”, offrendogliela come un servizio gratuito, con la speranza, che il venditore, persuaso della preparazione e dalla “gentilezza” del mediatore, si convinca a concedergli spontaneamente l’incarico di vendita?
    E’ opportuno, in ultima analisi, usare lo strumento della “valutazione gratuita” come arma di “persuasione di massa”, come originale e spregiudicato dispositivo pubblicitario?
    Ma siamo in Italia, e non c’è, allora, il rischio che il cliente si approfitti troppo di cotanta disponibilità e gentilezza da parte del mediatore fino a farlo passare per “fesso”?
    Quindi?
     
    A mamicri e Limpida piace questo messaggio.
  2. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Le valutazioni, a mio parere, sono gratuite se funzionali alla acquisizione dell'incarico, invece a pagamento se richieste per altri scopi: divisioni ereditarie, assegnazioni familiari, vendita all'interno di comproprietari, scopi fiscali o di bilancio, ,ecc. ecc.
    Intendiamoci stiamo parlando di stime sommarie del prezzo medio di mercato.
     
    A mamicri, Sim, GuglielmoP e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    quoto
     
  4. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Attenzione: eseguire gratuitamente prestazioni "sommarie" identifica il professionista come sommario.
    Utilizzare la stima gratuita come strumento di acquisizione lo trovo scorretto e molto poco professionale.
    E' in questi casi che si verifica la sovrastima, per non parlare poi della scarsa attendibilità e professionalità derivante da una qualsiasi prestazione non dimostrabile e verificabile.
    I professionisti devono farsi pagare per prestazioni professionali.
     
    A Graf e bravehearth piace questo messaggio.
  5. camillo

    camillo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    nella maggior parte dei casi, la valutazione è fatta verbalmente, quasi sempre vi è una sovrastima finalizzata all'incarico di vendita, questo è scorretto. Le valutzioni dovrebbero essere delle relazioni dove si evince il metodo di stima, i criteri etc., quindi professionali. Oltremodo è un metodo per distinguersi dalla massa dei pseudo Agenti Immobiliari che hanno o collaborano per agenzie (spesso reti in franchising) per i quali l'unico obbiettivo è tornare in ufficio con un incarico, indipendentemente se sovrastimato il bene.
    Personalmente penso che la valutazione non debba esser pagata ad eccezione di casi specifici.
     
    A pensoperme, Carlo Garbuio e bravehearth piace questo elemento.
  6. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    le stime gratuite vengono spesso richieste a più AI dimodoche il venditore terrà per buona quella che più si avvicina alle sue aspettative e potrà in futuro dire "il valore lo ha detto un Agente". poi quasi sempre pubblicizza privatamente l'immobile e se lo vende da solo sotto il naso di degli Ai:rabbia:
     
    A Limpida e foglinore piace questo messaggio.
  7. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Spero che siate sempre di più a sostenerlo, con la trasparenza le leggi sono quasi inutili, i distinguo vengono da se alla luce. ;)
     
  8. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    queste sono le risposte che mi attendo da rappresentanti di categoria :ok:
    e comincio a vedere qualche speranza per la categoria:
    FIAIP inizia ad affrontare seriamente le valutazioni immobiliari con gli standard internazionali IVS ...
    FIMAA, almeno quella di Lecce, di fatto fa riferimento a valori professionali richiamati dal Codice delle Valutazioni immobiliari ...
    entrambe sono risposte alla forte richiesta di maggiore professionalità e trasparenza del mercato immobiliare italiano!
    Continuate così!:applauso:

    Aggiunto dopo 16 minuti :

    Qua invece non sono d'accordo ma, realisticamente, è quanto si aspetta il mercato dall'AI perchè, a mio parere, non vi è la reale percezione del servizio offerto e poi perchè dobbiamo "scontare" il conflitto di interessi che ci viene attribuito (senza tener conto del conflitto di interessi degli altri ... e qui c'è lavoro da fare per associazioni di categoria).
    Ricordiamoci che le perizie fatte da tutti gli altri professionisti vengono pagate regolarmente, sui siti delle aste dei tribunali le perizie che trovate pubblicate sono tutte retribuite.
    Per essere alla pari, o meglio se volte, degli altri professionisti se dimostriamo di saper fare bene gli incarichi che ci vengono assegnati, abbiamo tutti i diritti per essere pagati per tutte le prestazioni professionali che offriamo e se questo viene diffuso e percepito correttamente dal cliente ... abbiamo buone possibilità di miglioramento per tutti: professionisti, clienti e mercato.
     
    A Limpida e bravehearth piace questo messaggio.
  9. camillo

    camillo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Purtroppo, anche se condivido il tuo disaccordo, il mercato ancora non lo consente, e non perchè non ci pagherebbero i clienti ma perchè vi è ancora chi fà le valutazioni verbali come se fosse un servizio qualitativo della propria struttura, questo crea una competizione impari se chiedessimo del danaro.

    PS: Ribadisco sempre che siamo noi a non volere gestire i clienti e gli improvvisati, se facessimo lobby almeno per le iniziative (locali) otterremmo molto ........
     
  10. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Scorretto e poco professionale ????? :shock:
    Errore !!
    Poco professionale e' fare una stima alta, fuori mercato per avere l'incarico, ma non il solo fatto di aver rispostoalla la richiesta del venditore " vorrei darle l'incarico di mediazione mi dice cosa vale il mio immobile ??? "
    E tu mi dice che ti fai pagare questa valutazione, ma non ci credo !!!
    Ogni attivita' atta a ricevere un incarico di mediazione e' una prestazione d'opera di un Agenti Immobiliari, che purtroppo non e' un libero professionista, ma un ausiliario del commercio, e quindi se non riceve un incarico specifico di perizia nulla gli e' dovuto.
    Si veda inoltre l'art. 3 - comma 1 della legge 30/89
     
    A foglinore piace questo elemento.
  11. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Io sono per le vie di mezzo, però capisco il discorso di Garbuio sulla valenza delle stime gratuite, perché per farle a modo serve un certo lavoro (visto che non avete comparabili a disposizione come ad esempio nel regno unito) . Se per stime si intende quella sorta di numero tirato fuori dalla mente dell'agente di turno a "occhio" allora si parla di cose diverse e l'IVS non c'entra nulla. Una stima IVS comporta lavoro e secondo me un certo compenso, anche ridotto o compreso nella eventuale provvigione che verrà eventualmente pagata, ma se non avviene la vendita uno potrebbe a ragione chiedere un compenso solo per la stima.Ritengo però che siate in ritardo, ingiustificato, sulla creazione di una banca dati seria delle compravendite, redatta con criteri IVS, che sarebbe di facile realizzazione tecnica, una banca data di comparabili dai quali poi fare le stime, banca dati che alcuni enti, organizzazioni private e non pagano a peso d'oro. Un altra dimostrazione di quanto poco lungimiranti sono gli agenti immobiliari, a mio parere, a meno che non ci siano interessi particolari occulti che vogliono accaparrarsi il mercato dei dati.
     
  12. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    questo problema che tu attribuisci al mercato spetta a noi professionisti affrontarlo e risolverlo, con il nostro impegno diretto e di chi ci rappresenta, e credo pure io che facendo gruppo si otterrebbero ottimi risultati

    Aggiunto dopo 10 minuti :

    di peggio c'è fare le stime verbali, quelle sommarie e quelle non dimostrabili ... nel forum il repertorio è ben fornito: a occhio, a naso, a orecchio ... ce nè fin che vuoi.
    Il problema non è solo il valore ma la dimostrazione di come lo si è ricavato.

    Ti riporto l'esempio che ho già riportato in altre discussioni:
    Tizio deve fare l'esame del sangue, entra in ospedale e l'infermiera gratuitamente dice
    "Ma Sig. tizio lei non ha niente, non vede che bel colorito, lei non ha problemi, sta bene".
    Tizio fa l'esame e ritira il referto dopo aver pagato per la prestazione ed il primario gli dice:
    "Sig. Tizio, lei sta bene, non ha alcun problema, gli esami sono a posto, il valore x è compreso all'interno del minimo e del massimo, e come vede pure gli altri valori rientrano nei limiti., tenga, qui trova tutto riportato nel dettaglio, lo consegni al suo medico."
    Il risultato è lo stesso, il Sig. Tizio sta bene, ma la dimostrazione del risultato fa la differenza fra la prestazione sommaria e la prestazione professionale.
    Non siete d'accordo?
     
  13. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Graf ti ringrazio per aver postato questa discussione. Ripropongo quello scritto poco fa in altro post.
    QUOTE=Limpida;125400]Molte agenzie immobiliari, qui a Bologna, sulla vetrina della loro agenzia scrivono: valutazioni immobiliari gratuite.
    Questo presuppone che, come servizio, dovrebbe essere pagato ma viene utilizzato come primo approccio con il cliente per eventualmente avere un incarico in esclusiva in cambio del servizio gratuito. Posso comprendere che tale motivazione nel passato abbia forse richiamato più clienti, ma ora, che tutti offrono valutazioni gratuite per accapparrarsi clienti, rischiano appunto che in cambio non hanno.....niente, solo lavoro gratuito con la conseguenza che in cambio abbiamo proprietari che in mano si ritrovano 2 o 3 valutazioni che non sono in grado di gestire, perché non é come dice qualcuno, che la media delle valutazioni di un immobile la deve fare il proprietario, semmai é l'agente immobiliare che la deve fare! Mi sembra di aver capito da molte discussioni qui sul Forum, sopratutto dalle Associazioni immobiliari, che si stia puntando molto sull'offerta di servizi alla clientela, che costano, perché richiedono sempre più aggiornamenti e la necessità di avvalersi di tecnici del settore. Ora, chi ha un bel capitale é in grado di rischiare e pagarsi tutte le spese dei servizi a fondo perduto con l'effetto che i piccoli si "attaccheranno al tram", ma proporre valutazioni immobiliari gratuite non é assolutamente educativo.Quale realtà lavorativa offre un servizio gratuito? Il cliente deve sapere esattamente cosa dovrà dare in cambio del servizio gratuito, altrimenti penserà che dietro c'é la solita fregatura, questa é la regola del mercato commerciale .....e anche di vita se mi permettete.:fiore:[/QUOTE]

    Aggiunto dopo 8 minuti :

    Non sempre funziona così. Il proprietario potrebbe chiedere una valutazione e poi fare quello che crede.
    Lavoriamo solo con incarichi, se questo é il problema.
     
    A Graf piace questo elemento.
  14. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Altrove il cliente paga i servizi, perchè è consuetudine usufruirne per vendere, stagers, periti, addirittura ci sono servizi che valutano i lavori da eseguire su un immobile, stimano cioè quanto l'acquirente spenderà per portare tutto al funzionamento ottimale (che paga l'acquirente), chiaro che sono servizi offerti, quindi uno li "compra" se pensa gli servano. LA stima immobiliare, in italia, è fatta in un solo modo: a occhio, sempre e comunque, e perfino quando non lo fosse, non ha una due digence che comprenda la spiegazione del procedimento seguito, delle fonti dei dati ecc. che faccia capire come questa stima è stata fatta, nel dettaglio. Forzando la mano, se aveste dei comparabili, potreste anche fare stime "a occhio", perché potreste comunque indicare i comparabili dai quali quei valori che usate per la stima vengono fuori, sarebbe senz'altro già una indicazione che impedirebbe di fare quelle mostruosità che si vedono oggi, dove non solo non si indicano le fonti, ma perfino i coefficienti di merito o demerito sono usati non per arrivare a un risultato motivandoli, ma per arrivare a una cifra che uno ha già in mano prima di iniziare i calcoli (stima per feedback: ho la cifra, modifico i coefficienti fino a quando i calcoli non mi tornano quella cifra). Quindi il problema non è solo nella stima "sintetica-comparativa" (expertise, ordinarietà a manetta, comparativa senza portare comparabili) che viene fatta per dare una indicazione al proprietario di un probabile prezzo, ma anche nelle stime "analitiche" (tra molte virgolette).
    La trasparenza è come sempre la risposta, operando con trasparenza impedirete a chi non lo fa di esser attendibile, alla lunga, costringerete tutti ad adeguarsi a esser trasparenti (perché vi verrà richiesto dai clienti) e allora si potrà ricostruire chi dice cose fuori dal mondo e chi no, in qualsiasi momento.
     
  15. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Però gli altri professionisti fann oanche le verifiche urbanistiche e catatastali, noi no.
    Se mi viene richiesta una perizia di quel tipo me la faccio pagare eccome (anche se ormai ai professinisti le pagano talmente poco che non vale quasi la pena farle), se è una valutazione finalizzata all'acquisizione non la faccio pagare (pur facendola in maniera seria).
    A parte il discorso di tanti che per tornare a casa con l'incarico fanno valutazioni a caso vale esattamente il contrario, meglio riesci ad individuare il prezzo probabile di un immobile meglio lo venderai quindi è in acquisizione che dobbiamo dare il meglio di noi stessi.
     
  16. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Con questa discussione sulle stime a pagamento o no ci ricolleghiamo a quella sulle provvigioni ai venditori.
    Le valutazioni dovrebbero essere pagate perchè frutto del nostro lavoro, ma .... c'era una volta un agente immobiliare che si inventò la stima gratuita per farsi pubblicità.... e da lì tutti a ruota.
    Insomma, se tutti, ma proprio tutti facessero pagare le valutazioni non staremmo qui a parlare, ma siccome in una intera zona basta una sola agenzia che regali questo tipo di servizio per togliere lavore a tutte le altre, allora ecco qui che le stime sono gratis!
    Riposto un estratto da altra discussione, sempre da me scritto.
    ".... Prendiamo ad esempio la mia zona romana che conta all'incirca una decida di agenzie: 8 fanno valutazioni gratuite, 2 no. Da chi vanno i clienti? Perchè pagare se possono non farlo? Con questo voglio sottolineare che partendo dal presupposto della mentalità rivolta al risparmio ogni dove possibile, nessuno si verrebbe a togliere anche soli 50€ per un servizio che la maggior parte delle agenzie fa gratuitamente. Se domani si facesse un referendum per prendere una decisione collettiva io voterei a favore delle valutazioni a pagamento, ma oggi, di questi tempi, non posso procurare altri problemi al mio lavoro."
     
  17. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    C'era una volta ma oggi non c'é più!
    Se oggi qualche professionista si sognasse di non farsi pagare per richiamare più clienti, lo avrebbero già sbattuto fuori dal suo ordine o albo.
    Ecco cosa manca, la decisione collettiva, creiamo un Albo.
     
    A Sim piace questo elemento.
  18. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io sono con te! :ok:

    Diamo contro a chi tra noi ha svalutato per primo il lavoro con inutili regali
     
  19. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ... dimostrando con i fatti, e quindi con valutazioni trasparenti e oggettive, il nostro valore.
    Altrimenti risulta difficile per il cliente percepire la reale differente qualità professionale nel servizio prestato.
     
    A Sim piace questo elemento.
  20. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Quando mi vengono richieste valutazioni analitiche preparo sempre una relazione di circa 3 pagine in cui commento l'appartamento, il contesto, specificando comodi/scomodi e soprattutto quanto possa incidere ogni caratteristica nella valutazione. Riporto poi tutti i passaggi dei calcoli che portano al valore finale e infine se mi è possibile riporto anche delle comparazioni. Questo tipo di stima la faccio solo a pagamento.
     
    A Carlo Garbuio e Limpida piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina