Jessica12

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera, spero di essere nel posto giusto.
Sto per acquistare casa ma sia il compromesso sia l'atto sono stati rimandati a data da definirsi perché tra i documenti che la proprietaria deve consegnare al notaio manca il certificato di licenza edilizia. L'agenzia immobiliare mi ha proposto di entrare in casa versando un acconto alla proprietaria e ha parlato di acquisto per possesso cioè versare solo una parte di soldi alla proprietaria facendomi dare le chiavi per poter iniziare i lavori, e procedere all'atto e versare il saldo solo quando si avrà il documento mancante. Ora, tutto questo mi suona strano perché io alla fine dei lavori potrei entrare in casa e, secondo l'agenzia, viverci tranquillamente perché la responsabilità è del venditore, ma se questo documento, che deve essere rilasciato dal comune, non arrivasse mai, cosa ci rimetto io come acquirente? E c'è qualcosa che posso chiedere al momento di questo accordo per tutelarmi? Grazie
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Direi che è molto più cauto attendere il rilascio del certificato di licenza edilizia prima di versare somme anche di modesta entità e iniziare eventuali lavori.
Per assurdo (ma non così impossibile) potresti trovarti nella condizione di aver versato una determinata somma, speso altri soldi per lavori e poi non poter stipulare l'immobile.
Se poi il venditore non ti restituisce i soldi ricevuti e non ti rimborsa quelli spesi per i lavori come recupererai i tuoi soldi?
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Buonasera, spero di essere nel posto giusto.
Sto per acquistare casa ma sia il compromesso sia l'atto sono stati rimandati a data da definirsi perché tra i documenti che la proprietaria deve consegnare al notaio manca il certificato di licenza edilizia. L'agenzia immobiliare mi ha proposto di entrare in casa versando un acconto alla proprietaria e ha parlato di acquisto per possesso cioè versare solo una parte di soldi alla proprietaria facendomi dare le chiavi per poter iniziare i lavori, e procedere all'atto e versare il saldo solo quando si avrà il documento mancante. Ora, tutto questo mi suona strano perché io alla fine dei lavori potrei entrare in casa e, secondo l'agenzia, viverci tranquillamente perché la responsabilità è del venditore, ma se questo documento, che deve essere rilasciato dal comune, non arrivasse mai, cosa ci rimetto io come acquirente? E c'è qualcosa che posso chiedere al momento di questo accordo per tutelarmi? Grazie

Come bene ti ha suggerito il collega di Forli', versare somme e procedere con opere, in assenza di rogito, e' assai pericoloso.
Oltre ad essere assolutamente scomposta come prassi.

Chi intermedia non puo' non saperlo.

Ecco che allora la domanda vien da se'.

Se quella prassi, ti e' stata suggerita proprio dall'intermediario, dovra' esserci una motivazione.

Probabilmente, la concessione che manca non e' quella edilizia, ma quella in sanatoria.

Se questa manca, significa che oneri e sanzioni, non sono stati pagati.

Da qui la richiesta di anticipo di acconto, del venditore per il tramite dell'intermediario, per andare a sistemare le questioni per poi proseguire al rogito.

Sempre ammesso che vada tutto bene.
Diversamente si avverera' quanto ha pronosticato il collega.

Hai esaminato gli atti prima di fare la proposta...?

Di cosa si tratta cosa stai comprando...?
 
Ultima modifica:

Jessica12

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Sono le stesse cose di cui ho paura. Per quanto riguarda questo documento ne sono venuta a conoscenza solo al momento del compromesso cosa che abbiamo rimandato perché il notaio non voleva procedere. Quello che non capisco è la differenza tra essere possessore e essere proprietario a livello burocratico e legale. L'immobile che dovrei comprare è un appartamento in una palazzina di tre piani costruito nell' 82. L'agenzia mi ha detto che prima la licenza edilizia non era necessaria, ma adesso è diventato un documento obbligatorio. Quindi ora come ora cosa sarebbe meglio fare? Grazie
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Sono le stesse cose di cui ho paura. Per quanto riguarda questo documento ne sono venuta a conoscenza solo al momento del compromesso cosa che abbiamo rimandato perché il notaio non voleva procedere. Quello che non capisco è la differenza tra essere possessore e essere proprietario a livello burocratico e legale. L'immobile che dovrei comprare è un appartamento in una palazzina di tre piani costruito nell' 82. L'agenzia mi ha detto che prima la licenza edilizia non era necessaria, ma adesso è diventato un documento obbligatorio. Quindi ora come ora cosa sarebbe meglio fare? Grazie

La licenza edilizia nelle costruzioni e' necessaria fin dalla notte dei tempi.

Se la palazzina e' dell'82, devono esserci sin da allora, presso l'ufficio tecnico di quel territorio, ogni incartamento che ne attesta la sua costruzione.

Oltre ad ogni passaggio e variazione, che nel tempo e' stato fatto su quella costruzione o all'interno di quel subalterno, che identifica l'alloggio, oggi oggetto di vendita.

Tutti atti, che come anelli di una stessa catena, si chiudono tra loro.

Il notaio non procede, perche' uno di quegli anelli, non e' saldato correttamente e quindi e' impossibile avanzare.

Detto questo per un problema tecnico, occorre incaricare un tecnico, di tua esclusiva fiducia.

Per comprendere con precisione, che cosa ostruisce, l'andamento della vendita e quali dovranno essere, i provvedimenti per riassettarla consentendo di giungere al rogito.

Posto che ogni adempimento, e' a cura e spese del venditore, eventuali costi, sanzioni ed oneri, adranno ad incidere sul valore della compravendita.
Specie se per procedere, dovrai anticipare tu queste spese, per conto del venditore.
 
Ultima modifica:

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Grazie, domani andrò a parlare con l'agenzia per riuscire a vederci chiaro. Grazie ancora per i chiarimenti

Richiedi una delega del veditore, per il tramite di un tecnico, che incarichi.

Il professionista, potra' accedere agli atti e verificare quali siano gli adempimenti che occorrono e o le omissioni, che in questo momento determinano la condizione di stallo.

La proposta l'avete fatta o facevate direttamente il preliminare...?

Hai gia' versato acconti...?
 

Jessica12

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ho versato una caparra per fermare la casa, nient'altro... Lunedì vado a parlare con un notaio perché l'altro giorno l'agenzia mi ha di nuovo assicurato che se si fa questo accordo non rischio nulla però per esserne sicura chiedo al notaio.
Grazie per i consigli.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità
Alto