1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. azelio

    azelio Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Alcuni giorni fa ho acquistato una unità immobiliare ad uno dei miei figli maggiorenni. Lui risulta essere l'acquirente della prima casa, ma non avendo un reddito adeguato e per cercare di fare le cose alla luce del sole e tracciabili, senza la ricerca di scorciatoie, ho provveduto a firmare io (papà) gli assegni pari al controvalore dell'unità immobiliare.
    Atteso che la fattispecie può configurarsi nella sostanza una mera donazione, ancorché non sia richiamata esplicitamente sull'atto e quindi non soggetta a tassazioni particolari, mi è venuto il dubbio che alla mia morte (il più tardi possibile) quest'immobile possa andare in successione, dovendo così assolvere le imposte previste per tale casistica. Vorrei sapere pertanto se possano esistere eventuali problematiche di natura fiscale, come sopra detto oppure se le problematiche possano ricondursi solo alla sfera privata, nel caso in cui l'altro figlio non ricevesse da me e sua madre l'equivalente del fratello. Qualcuno mi ha detto che potevo evitare eventuali rischi trasferendo la somma di denaro necessaria per l'acquisto dell'unità immobiliare direttamente sul conto corrente del figlio acquirente, per permettere a quest'ultimo di pagare personalmente all'atto del rogito firmando gli assegni. A me pare un po' deboluccia questa tesi , perché nella sostanza rimane pur sempre una donazione e peraltro effettuata senza i crismi di un atto formale.
    Grazie per i chiarimenti che vorrete darmi.
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sto affrontando in questi giorni proprio una situazione del genere (acquisto di un immobile per conto di un figlio e sistemazione dei beni patrimoniali della famiglia).
    Proprio stamattina il mio Notaio mi diceva che, per evitare cause future, sarebbe opportuno giustificare e "bilanciare" fin da ora il movimento di soldi (e di beni) fra i figli. ;)
    Ti consiglio quindi di far esaminare tutta la situazione ad un Notaio di tua fiducia, visto che anche le problematiche altro figlio- genitori ecc. trascendono facilmente la sfera privata! :fico:

    ;)
     
  3. azelio

    azelio Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Maurizio ti ringrazio per i preziosi consigli.
     
  4. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    fateci sapere cosa vo consogliano i notai la qeustione è vermante interessante.
     
  5. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    I problemi potrebbero nascere esclusivamente quando, fra cent'anni, gli altri figli pensassero di non essere stati trattati equamente. Quindi ognuno di loro deve avere un lascito pari a quello dato al primo figlio. L'acquisto dell'immobile con soldi dei genitori è equiparato ad una donazione. Devi anche tener presente che, in ogni successione, c'è una quota disponibile, variabile in base agli aventi diritto all'eredità, che può essere devoluta a chicchessia, quindi anche ad un figlio particolarmente meritevole.
     
  6. azelio

    azelio Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Marcellogall, ti ringrazio delle ulteriori precisazioni, però desideravo sapere anche, oltre alla questione dell'eredità, se i miei due figli dovranno pagare, magari fra 100 anni, anche le imposte di successione. Ma mi par di capire di no; ovvero trattandosi di donazione l'unico problema rimane legato all'equità del valore lasciato o per meglio dire donato in vita ai due miei figli. E' così? Un saluto.
     
  7. realessandro

    realessandro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La soluzione preferibile è quella che la casa venga rogiatata a favore del figlio . Nell'atto viene indicato che il denaro proviene da lei cosi' che suo fliglio non venga esposto ai rischi di accertamento fiscale. Si tratta della c.d. "donazione indiretta" perfettamente legittima e così fatta non ha alcun costo notarile .
    Il problema è che comunque di donazione si tratta ed in quanto tale potrebbe generare liti fra gli eredi futuri ; per cui il notaio la aiuterà a "riequlibrare" con un testamento gli interessi anche degli altri legittimari
     
    A Roby piace questo elemento.
  8. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non si pagano imposte di successione sui beni già ricevuti in donazione. Saluti e lunga vita.
     
  9. realessandro

    realessandro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    L'accertamento fiscale cui mi riferivo attiene alla provvista non alla successione: Ossia il rischio da c.d. " accertamento induttivo da redditometro" in sintesi se una persona fà un acquisto (es. 200.000 euro) e ha redditi zero o minimi, Il fisco può contestare Lui che questi soldi vengano da guadagni non dichiarati (dal nero per intenderci). Nel caso specifico dimostrando il figlio la legittimità della provvista non si sottopone a questo rischio.
    Mi sono spiegato?
     
  10. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Claro che si :applauso: :applauso: :applauso:
     
  11. azelio

    azelio Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Un grazie di cuore a tutti voi per le esurienti spiegazioni in materia di donazioni e successioni e relative imposte che mi avete saputo dare. Adesso mi sento molto rassicurato e sarà cura mia e di mia moglie pensare in egual misura anche al bene dell'altro nostro figlio.
    Un saluto affettuoso. Azelio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina