• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Carlomaggio

Membro Junior
Privato Cittadino
Ho verificato che mi sarebbe concesso l'abbassamento del solaio per adeguarsi alle altezze, ma ciò non è realizzabile sia perché chi risiede al piano sottostante non mi darà il permesso sia perché il costo sarebbe esagerato.
 

Lupin83

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve vorrei acquistare una casa in zona di montagna ad uso residenziale. La casa è del 1965 con certificato di abitabilità del 1970.i soffitti sono alti circa2,35.vorrei sapere se incontro problemi nel comprarla e se volessi abbattere delle tramezze per modificare la dispozine dei locali.grazie
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Salve vorrei acquistare una casa in zona di montagna ad uso residenziale. La casa è del 1965 con certificato di abitabilità del 1970.i soffitti sono alti circa2,35.vorrei sapere se incontro problemi nel comprarla e se volessi abbattere delle tramezze per modificare la dispozine dei locali.grazie
Ciao perchè mai ti poni questi dubbi ... se esiste un certificato di abitabilità sicuramente è a posto ...
Per rafforzare la tua tranquillità andrei a dare una sbirciata al regolamento edilizio del comune dove è presente l'abitazione, perchè soltanto così puoi capire se l'altezza degli ambienti è conforme e se esistono istanze in comune per opere interne (modifiche tavolati, ecc.) non regolarizzati, confrontando il tutto con la scheda catastale attuale.
Se tutto combacia e non ci sono istanze pendenti, allora vai tranquillo ... però se vuoi stare sereno, fai vedere il tutto ad un tecnico di tua fiducia, così sa cosa legge e cosa cercare. :ok:
 

Lupin83

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ciao perchè mai ti poni questi dubbi ... se esiste un certificato di abitabilità sicuramente è a posto ... Per rafforzare la tua tranquillità andrei a dare una sbirciata al regolamento edilizio del comune dove è presente l'abitazione, perchè soltanto così puoi capire se l'altezza degli ambienti è conforme e se esistono istanze in comune per opere interne (modifiche tavolati, ecc.) non regolarizzati, confrontando il tutto con la scheda catastale attuale. Se tutto combacia e non ci sono istanze pendenti, allora vai tranquillo ... però se vuoi stare sereno, fai vedere il tutto ad un tecnico di tua fiducia, così sa cosa legge e cosa cercare. :ok:
 

Lupin83

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Innanzitutto grazie per la cortesia, mi sono accorto ora di aver dimenticato un "piccolo" dettaglio nelle schede catastali compilate a mano da un geometra nel 93 l'altezza riportata è pari a 2,70.secondo un amico geometra che tra l'altro lavora per il mio comune potrebbe essere un errore visto il vizio di alcuni colleghi di compilare schede catastali in serie.quindi qui potrebbero sorgere problemi? Grazie
 
Ultima modifica di un moderatore:

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Penso che se ti accordi col tuo amico geometra, e fai mettere a posto la scheda catastale, non avrai problemi ... ma visto che devi comprare (se non ricordo male) allora falla fare alla parte venditrice e se a posto ...
 

leffeone

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buon giorno Architetto. La prego di aiutarmi perchè sono vittima di una legge contraddittoria come quella del piano casa. Due anni fa ho provveduto a modificare la destinazione d' uso di un locale di sgombero grazie alla normativa del piano casa. In pratica il locale è sito al pian terreno ma era classificato un semi interrato. E' alto circa 260 cm e ha una superficie di 70 mq. Una volta ottenuta la destinazione d uso di civile abitazione ( Il locale è un appartamento con due stanze da letto, soggiorno e bagno regolarmente accatastato e depositato in comune) ho chiesto l' agibilità ma mi è stata negata in quanto non raggiunge l' altezza minima. Ma come è possibile? Una legge dello stato mi consente di modificare la destinazione d' uso di un immobile e le leggi dello stesso stato mi impediscono di abitarlo? le risulta che se faccio domanda di agibilità vale ugualmente la regola del consenso assenso? (In pratica senza l' agibilità è come se l' appartamento non esiste in quanto non lo posso affittare ne vendere ne ipotecare!) La ringrazio in anticipo
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Buongiorno @leffeone, la risposta in merito alla negazione di agibilità, trova motivo nel DM 05/07/1975 che indica come misura minima abitabile un ambiente alto 270 cm.
Mi domando come mai, qualora la pratica sia stata gestita da un suo tecnico di fiducia, come mai non le abbia anticipato tale preoccupazione, oppure se ha gestito la pratica direttamente, e ne ha parlato con i tecnici comunali, non le hanno detto nulla.
In ogni caso, da quanto descritto, l'abitazione, così come si trova, tra l'altro censito anche come piano seminterrato, l'agilità sarà molto difficile che la ottenga, perchè non ha i requisiti minimi di abitabilità.
 

brina82

Membro Assiduo
Professionista
Ciao a tutti, mi aggancio a questo argomento. Sarei interessato all'acquisto di un immobile al centro storico (monolocale all'ultimo piano), con altezza variabile da 3,30 a 4,70m. Mi chiedo se fosse possibile fare un soppalco sulla parte della superficie in pianta vicina ai 4,70m: se riuscissi a rispettare l'altezza media del piano inferiore pari a 270cm, la cosa potrebbe essere fattibile? L'immobile è sicuramente ante '67 e sulla planimetria sono indicate le 2 altezze (3,30 e 4,70m).

M spiego meglio. Anche a prescindere dall'altezza del soppalco, che magari potrebbe essere utilizzato solamente come una semplice soffitta (quindi presumo non siano necessarie le altezze minime), potrei assegnare, ad esempio, al piano inferiore un'altezza pari a 240 (intradosso soppalco), a patto che facendo poi la media con la zona ad altezza pari a 330cm, in totale venga un'altezza media di 270cm? E' così che funziona @Architetto ? Grazie.
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Ciao, per fare una zona soppalcata, devi guardare il regolamento d'igiene locale e il regolamento edilizio, perchè in questi è contenuta la voce relativa alla realizzazione di un soppalco. Io non so dove risiedi, ad esempio nel mio potresti fare un soppalco sino alla metà della superficie libera dell'ambiente da soppalcare.
 
C

Casale18

Ospite
Buongiorno Architetto e buongiorno a tutti.
Vorrei chiedere un parere in quanto non riesco a trovare in rete una corrispondenza o un caso analogo a quello che vorrei sottoporle.
Sono in procinto di acquistare una casa singola di fine 800 che necessita di una risistemazione totale (ad eccezione del tetto appena rifatto dai proprietari pochi anni fa) e di una nuova suddivisione degli interni.
La casa sostanzialmente è un rettangolo di due piani (al piano terra cucina e salotto e camere al piano superiore) i soffitti del piano inferiore sono di 2.50m e quelli al piano superiore travato a vista sono di 2.78
I miei dubbi erano un paio:
-Premesso che ho una cubatura aggiuntiva edificabile di circa 300mc vorrei realizzare un ampliamento di entrambi i piani della casa (al piano inferiore un bagno /lavanderia + magazzino e al piano superiore una camera) quello che mi chiedevo, visto che l'ampliamento è considerato nuova costruzione e devo rispettare le altezze ora vigenti (che sarebbero rispettate per quello che vorrei realizzare), devo adeguare anche tutto il piano terra all'altezza ora prevista per legge o posso andare in deroga per la struttura originaria?
-essendo che comunque dovrò effettuare un consolidamento delle fondamenta, per effetto della ristrutturazione generale dell'immobile devo fare anche un adeguamento antisismico dell'intero immobile?
Grazie mille a chi vorra darmi un consiglio.
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Ciao, per rispondere ai tuoi quesiti, bisogna fare due valutazioni:
-Premesso che ho una cubatura aggiuntiva edificabile di circa 300mc vorrei realizzare un ampliamento di entrambi i piani della casa (al piano inferiore un bagno /lavanderia + magazzino e al piano superiore una camera) quello che mi chiedevo, visto che l'ampliamento è considerato nuova costruzione e devo rispettare le altezze ora vigenti (che sarebbero rispettate per quello che vorrei realizzare), devo adeguare anche tutto il piano terra all'altezza ora prevista per legge o posso andare in deroga per la struttura originaria?
In questo caso bisogna fare un accesso agli atti e verificare se vi sono autorizzazioni, nel tempo, sull'altezza dei locali. In ogni caso, se fai opere di adeguamento pur aumentando i volumi, all'interno dei locali, allora devi adeguare il tutto.

-essendo che comunque dovrò effettuare un consolidamento delle fondamenta, per effetto della ristrutturazione generale dell'immobile devo fare anche un adeguamento antisismico dell'intero immobile?
Anche in questo caso bisogna vedere cosa dice il regolamento edilizio e le NTA comunali, legate al PGT.

Concedimi una domanda: ma il tuo tecnico che hai incaricato per la progettazione di queste opere non ti ha detto nulla?
E se non lo hai ancora fatto, sarebbe buona cosa che incarichi un buon professionista che ti segua attentamente nelle opere, perchè le domande poste non sono di poco conto.
 
C

Casale18

Ospite
Innanzitutto la ringrazio per la veloce e puntuale risposta.
Ma quindi, se non sbaglio a capire, io anche se non aumento i volumi ma opero una mera ridistribuzione degli ambienti per via della ristrutristruttu devo adeguare l'altezza?
Per il professionista mi sto muovendo in questi giorni per un geometra a cui potermi appoggiare, ma intanto volevo mettere le mani avanti per capire e avere più informazioni possibili.
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Ma quindi, se non sbaglio a capire, io anche se non aumento i volumi ma opero una mera ridistribuzione degli ambienti per via della ristrutristruttu devo adeguare l'altezza?
Ripeto, dipende dalla tipologia di lavori che andrete a fare e l'incidenza che coinvolgerà i locali autorizzati.

Per il professionista mi sto muovendo in questi giorni per un geometra a cui potermi appoggiare, ma intanto volevo mettere le mani avanti per capire e avere più informazioni possibili.
Se non sei del mestiere, non è semplice arrangiarsi a capire cose che non si possono intuire se mancano le basi, per cui, le ripeto, meglio che si affidi ad un tecnico molto competente, che faccia il suo vero interesse e che la informi su tutti i passaggi, problematiche ed evoluzioni delle pratiche in corso, così come faccio con i miei clienti. Spero esserle stato d'aiuto. :)
 
C

Casale18

Ospite
E stato davvero d'aiuto. La ringrazio per i consigli e la spiegazioni che mi ha fornito :)
 

Publius

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Leggendo il DM 05 luglio 1975 n.399000 del Ministero della Sanità mi chiedo se le superfici in esso considerate siano le superfici catastali oppure (ha più senso) le superfici utili abitabili (cioè quelle, di cui all'art 3 del DM 10 maggio 1977 del Ministero dei lavori pubblici, al netto di balconi terrazzi scale comuni anditi sguinci vani di porte e finestre tramezzi e soglie ecc.).
Lo stesso decreto ministeriale 05 luglio 1975 stabilisce che il monolocale destinato ad una persona debba avere almeno 28 metri quadri (così art. 3). Tuttavia il medesimo decreto dice anche (all'art.2) che "per ogni abitante devono essere assicurati 14 metri quadri per i primi 4 abitanti". Per cui qualcuno potrebbe arguirne che c'è una contraddizione ed è ammesso il monolocale unipersonale da 14 metri quadri.
Inoltre nel caso in cui la superficie di un mini alloggio sia inferiore ai 28 metri quadri e tuttavia tale unità immobiliare sia divisa in vani (ad esempio 3 vani in tutto di cui un soggiorno piccolo con posto di cottura da 7, 5 mq, un bagno di servizio da 4 mq e una camera da letto da 7 mq) trova ancora applicazione lo standard dei 28 metri quadri minimi oppure no perché è stata fatta una tramezzatura che divide l'unità immobiliare in vani e la esonera dal rispetto dei 28 metri quadri minimi imposto ai monolocali?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

VINCENZODIVAIO79 ha scritto sul profilo di Kurt.
buona sera in riferimento alle riparazioni impianto centralizzato, diramazione in casa pare sia a carico del condomino, ma in caso di assenza di chiavi per chiudere diramazione (impianto storico) è sempre al carico del condomino?
io sono vittima chi mi deve risarcire?tutti fuggono
Alto